Home » Progetti » Dopo le fabbriche. Le officine creative crescono nel segno dell’ecosostenibilità:

Dopo le fabbriche. Le officine creative crescono nel segno dell’ecosostenibilità

maggio 12, 2015 Progetti

Cosa succede quando chiudono le fabbriche? Sono state scritte pagine e pagine su come nel bene (e, spesso, nel male) cambiano le città. E’ certo che, dalla Ruhr al Galles, prima o poi, dove chiudono le fabbriche, se il tessuto sociale ed economico non si sgretola, si avvia un ragionamento su come restituire spazi, aria, salute ai cittadini e su come costruire un’economia più verde e sostenibile.

A Torino, l’ex Manchester d’Italia, due esperienze tra le più interessanti hanno trovato casa a Porta Palazzo, nella zona che ospita quello che forse e il più grande mercato alimentare, e non solo, d’Europa.

La prima e’ il collettivo IZMADE; un gruppo di giovani designer  (Giuseppe Vinci, Pasquale Onofrio, Alberto Rudellat, Alessandro Grella e Andrea Pasquarelli) di quelli che ci si aspetterebbe di trovare a Berlino o a New York. IZMADE progetta, realizza i propri prodotti, che poi commercializza direttamente, utilizzando solo materiali di recupero, scarti di lavorazione industriale, materiali innovativi e certificati. Il grande mercato di Porta Palazzo e’ indubbiamente una fonte di ispirazione e così cassette della frutta diventano comodini, pallet tavoli e grandi latte di pelati lampade ed abat-jour. Un vero lavoro di ricerca, che ha permesso loro, in questi anni, oltre che diventare un riferimento nazionale sul tema, di entrare in contatto con alcuni tra i locali più trandy di Torino come Tomato il primo Backpackers Hotel (let. hotel per saccopelisti) d’Italia che, non a caso, ha scelto la sostenibilità come stile.

Il laboratorio di IZMADE e’ una grande officina e falegnameria che trova posto nei locali di una delle Case del Quartiere volute dal Comune. La stessa officina, non a caso, ospita Humake.it una startup davvero speciale. Per una strana deformazione dell’informazione, almeno in Italia, startup e’ diventato sinonimo di “soldi facili con il digitale”. Nulla di più’ sbagliato e Paolo Di Napoli, founder (come si dice oggi) di Humake.it questo lo sa. Lui e’ uno scienziato dei materiali e ha riprodotto in scala, in legno e a impatto (quasi) zero, le macchine che caratterizzano la catena di riciclo del HDPE (polietilene ad alta densità), quello con cui si fanno i tappi delle bottiglie di PET o i flaconi di detersivo. Ha realizzato uno sminuzzatore, per macinare tappi e contenitori; un “estrusore” per scaldare e pressare dentro piccoli stampi l’HDPE macinato. Tutto in legno, tutto a incastro, tutto alimentato a pedali, anche la fresatrice a controllo numerico con cui realizza gli stampi che danno nuova forma all’HDPE per farne dei piccoli oggetti. Per ora, l’obiettivo di Humake.it e’ la didattica: permettere alle persone di vivere un processo virtuoso di riciclo e riuso dei rifiuti. Un domani, pero’, gli strumenti predisposti da Humake.it potrebbero diventare una risorsa per la produzione in territori di frontiera e diventare kit di educazione ambientale. Un tema su cui il nostro paese ha un indubbio ritardo ed una enorme necessita’.

Carlo Boccazzi Varotto

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende