Home » Non-Profit »Progetti »Rassegna Stampa » Due euro al giorno levano le emissioni di torno.:

Due euro al giorno levano le emissioni di torno.

dicembre 3, 2009 Non-Profit, Progetti, Rassegna Stampa

Courtesy of Alancleaver_2000 (Flickr)A volte, bombardati dalla guerre des chiffres proposta da giornali e telegiornali, capita di perdere i dovuti rapporti. A riprendere il filo del discorso, uno studio presentato il primo dicembre a Bruxelles  e realizzato dall’Istituto dell’Ambiente di Stoccolma (Sei) in collaborazione con la Ong Amici della Terra Europa.

Secondo la ricerca, ridurre le emissioni ad effetto serra del  40% entro il 2020 e del 90% per il 2050 sarebbe, oltre che necessario, anche economicamente possibile. Guardando alla realtà Europea, un piano di riduzione del 40% all’Europa costerebbe circa 2 euro al giorno a persona: ben poco se si considera che, in assenza di azioni specifiche, i costi potrebbero lievitare da un minimo del 5% fino ad oltre il 20% del PIL globale.

Tuttavia, gli sforzi di investimento risulterebbero vani, ammonisce lo studio, se non supportati da un cambiamento dello stile di vita: questo, da solo, sarebbe in grado di ridurre di otto volte le nostre emissioni. Le ‘ricette’ anti-riscaldamento da mettere sul tavolo di Copenhagen dovrebbero quindi comprendere provvedimenti a più livelli.

Un taglio delle emissioni da parte dei paesi ricchi pari al 25-40% permetterebbe di stabilizzare le concentrazioni di CO2 a 450 parti per milione, ppm,  con un conseguente 50% di possibilità di limitare l’aumento della temperatura totale a 2 gradi. Un obiettivo ambizioso, ma non sufficiente per molti scienziati, che ritengono la soglia dei 350 ppm necessaria. In ogni caso, suggerisce lo studio, l’Europa dovrebbe ridurre, entro il 2020, le emissioni di gas ad effetto serra del 103% rispetto ai valori del 1990. Questo potrebbe avvenire, in parte, a seguito del taglio del 40% delle emissioni europee, ma necessiterebbe comunque dell’impegno internazionale per mitigare gli effetti sul clima con uno stanziamento annuo di 150-450 miliardi fino al 2020.

Per le riduzioni del 40% delle emissioni l’Europa dovrà sborsare 1,94 trilioni di euro, ovvero l’1,7% del PIL europeo complessivo tra il 2010 e il 2020. 2€ al giorno a persona, dunque, senza considerare i vantaggi nei posti di lavoro, nella salute e nel risparmio.

Inoltre, dopo il 2020, i risparmi dovuti all’efficienza energetica porteranno a una generale diminuzione della domanda di energia, con un particolare contributo del settore dei trasporti (-32%), generazione di elettricità (-28%) e produzione di calore (-11%). Nell’Europa di domani, ipotizza lo studio, ci saranno anche meno spostamenti in auto (solo il 43% nel 2050 rispetto al 75% nel 2005) e più con trasporti pubblici. Il treno sostituirà l’80% dei voli aerei per le tratte europee inferiori ai 1000 km. Un’idea del futuro decisamente auspicabile e molto diversa da quella suggerita dai peggiori scenari attuali - purchè non rimanga una mera fantasia.  

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende