Home » Eventi »Idee »Progetti » Earth Day 2013: è ora di guardare in faccia il cambiamento climatico:

Earth Day 2013: è ora di guardare in faccia il cambiamento climatico

aprile 22, 2013 Eventi, Idee, Progetti

Una fila di donne in cerca d’acqua ai confini del sempre più vasto deserto di Thar, in Pakistan. Un agricoltore del Kansas disperato per il raccolto distrutto dalla siccità. Un ragazzino dell’Illinois con i piedi immersi nel fango, dopo una delle sempre più frequenti grandi tempeste. Una famiglia delle Maldive preoccupata per l’innalzamento del livello del mare. Un pescatore nigeriano che guarda sconsolato le sue reti vuote. E ancora, la tigre e il cobra indiano a rischio di estinzione, la neve in Arizona, le esondazioni in Europa centrale… Ma anche un gruppo di studentesse indiane che organizza una campagna in favore dell’ambiente, un architetto di New York che progetta edifici sostenibili, un campus universitario francese che coltiva il suo orto per rifornire la mensa, un’associazione indonesiana che pianta mangrovie per contrastare la deforestazione.

Dalle migliaia di immagini raccolte sul sito dell’Earth Day Network, il messaggio arriva forte e chiaro: è ora di guardare in faccia il cambiamento climatico e poi rimboccarsi le maniche e agire. Oggi, 22 aprile, si celebra la 43ª Giornata della Terra e il filo conduttore per gli eventi programmati a livello internazionale, a cui prenderanno parte oltre un miliardo di persone, sarà appunto “I volti del cambiamento climatico”.

Agli occhi di molti (e purtroppo anche dei nostri leader politici), il cambiamento climatico assume spesso i contorni vaghi e indefiniti di una questione complessa, ambigua, lontana, un problema che forse dovranno risolvere i nostri nipoti. Ma la realtà – si legge sul sito dell’Earth Day – è che le sue conseguenze fanno già parte della vita quotidiana e i suoi effetti sono tutt’altro che vaghi per milioni di persone in tutto il mondo, per animali, territori, ecosistemi.

Con la campagna “Faces of Climate Change, l’Earth Day Network ha dunque invitato i suoi sostenitori a documentare, con foto e didascalie caricate sul sito, i diversi volti del cambiamento climatico: l’impatto devastante su specie animali in via d’estinzione, gli eventi meteorologici estremi, le siccità sempre più diffuse, la desertificazione di vaste aree, ma anche l’attivismo crescente, le iniziative per ridurre sprechi e consumi, lo sviluppo della green economy, le proposte di legge verso una civiltà più sostenibile. Insomma, da un lato la conta inesorabile degli effetti del riscaldamento globale, dall’altro la crescente consapevolezza delle responsabilità dell’uomo e l’impegno per rimediare: sono le due facce della stessa medaglia che, testimoniate da migliaia di scatti, dovranno – questo l’obiettivo della campagna – ispirare i leader politici e noi stessi a raddoppiare gli sforzi per contrastare il cambiamento climatico.

Dal canto suo, la costola italiana dell’Earth Day ha lanciato, in occasione del 43° anniversario di quello che oggi è considerato “il più grande evento non religioso del mondo”, la campagna “Io ci tengo” . Su Youtube, Facebook e Twitter (con l’hashtag ufficiale #iocitengo) Earth Day Italia ha chiesto a tutti i partecipanti di inviare il proprio impegno per la Terra, seguendo l’esempio di alcuni testimonial VIP che, in brevi spot, hanno promesso di sprecare meno risorse e vivere in modo più sostenibile.

Quanto alle iniziative in programma per oggi, l’appuntamento principale si sposta quest’anno da Napoli a Milano. Il Concerto per la Terra organizzato in collaborazione con la FAO vedrà protagonisti questa sera ad Assago, dalle 20.45, la cantante Fiorella Mannoia, sempre attiva in campagne sociali e ambientali, e l’artista algerino Khaled, ambasciatore di buona volontà della FAO. «Dopo la scelta forte e simbolica della città di Napoli per il concerto del 2012 – spiega Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia – quest’anno ci siamo spostati a Milano, dove rimarremo per tre edizioni. Vogliamo infatti essere presenti all’Expo 2015, dove presenteremo i progetti green a cui stiamo lavorando per la crescita del nostro territorio». Progetti a cui sarà destinato il ricavato dei biglietti del concerto, che comunque si potrà seguire anche in streaming su earthdayitalia.org .

Sempre in streaming, a partire dalle 14.00 di questo pomeriggio, è inoltre prevista una maratone web aperta da un intervento del sociologo e filosofo della “società liquida” Zygmunt Bauman. Lo chef Heinz Beck illustrerà poi le sue “Ricette per la Terra”, ideate per garantire il minimo impatto ambientale, e seguiranno interventi di rappresentanti delle istituzioni e del mondo della ricerca scientifica (Corrado Clini - Ministro dell’ Ambiente, Sergio Marini - Presidente di Coldiretti, Eduardo Rojas-Briales – Vice Direttore Generale della FAO per il settore foreste e Commissario Generale per le Nazioni Unite a Expo 2015, ecc.), di personaggi del mondo dello spettacolo e di associazioni e fondazioni vicine all’Earth Day come Fondazione Campagna Amica, Greenaccord, WWF, Legambiente, Kyoto Club, AMREF, CESVI.

Per chi vuole vivere in modo creativo la Giornata della Terra, da non perdere infine il progetto Shoot4Planet , ideato insieme a Shoot4Change e alla startup social SeeJay (dedicata al citizen journalism): una “chiamata alle armi fotografiche” per realizzare, attraverso gli strumenti della crowd-photography, un racconto collettivo della giornata, immortalando i piccoli gesti, le iniziative, le idee per proteggere il pianeta. Un album fotografico aperto e condiviso che raccoglierà i volti – quelli positivi – del cambiamento.

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende