Home » Idee »Progetti »Recensioni » Ecocartoons: i nuovi eroi che salveranno la Terra:

Ecocartoons: i nuovi eroi che salveranno la Terra

febbraio 24, 2010 Idee, Progetti, Recensioni

Capitan Planet, Cuortesy of Dic“Captain Planet, He’s our hero
Gonna take pollution down to zero
He’s our powers magnified
And he’s fighting on the planet’s side
Captain Planet, He’s our hero
We’re the Planeteers
You can be one, too
Cuz saving our planet is the thing to do”.

Così recitava la sigla di un indimenticato e indimenticabile cartone animato di stampo ambientalista trasmesso agli inizi degli anni Novanta da Raiuno. Prodotto da Dic a partire da un’idea di Ted Turner, Capitan Planet and the Planeteers racconta le avventure di cinque giovani scelti da Gaia, lo Spirito della Terra, stanca di tollerare i disastri causati dallo sfruttamento dell’ambiente e dall’inquinamento.

Gli Ecodifensori (Planeteers in originale) scelti da Gaia rappresentavano singolarmente uno dei cinque principali gruppi etnici umani, e ognuno possedeva il potere di un elemento naturale (acqua, aria, terra e fuoco più il quinto che rappresentava il cuore, inteso come capacità d’empatia con la natura e l’ambiente). Unendo questi poteri i cinque giovani erano in grado di evocare il supereroe noto, appunto, come Capitan Planet.

Ancora più interessante era però il piccolo gruppo di antagonisti del nostro supereroe, noto come Ecovillians, che rappresentavano i diversi pericoli che minacciano il pianeta Terra: Mister Virus, paradigma del consumismo e dell’avidità, Looten Plunder avido capitalista, Sly Sludge ovvero il dissipatore di rifiuti, Duke Nukem, mutante radioattivo, che metteva in guardia dai rischi del nucleare, Lady Veleno a simbolo della scienza priva di morale e della tecnologia incontrollata, tutti uniti per richiamare Capitan Flagello (in originale Capitan Pollution), alter ego dell’eroe buono e difensore di un mondo più eco sostenibile.

Dopo 65 puntate, il solito proliferare di costumi di carnevale e gadget di ogni tipo, il mondo dei cartoni animati ha però smesso di essere salvato dall’avanzare dell’inquinamento e ci ha lasciato senza eroi. Solo di recente, nel 2008, la Pixar Studios Animation ha realizzato un lungometraggio che riporta all’attenzione del grande pubblico le tematiche ambientali: Wall e, storia dell’ultimo robottino rimasto sulla terra dopo che gli umani l’hanno abbandonata perchè invasa dall’immondizia. E poco prima nel 2006, il secondo episodio della fortunata trilogia dell’Era Glaciale (Blue Sky Studios), sfiora il tema dello scioglimento dei ghiacci a causa dell’effetto serra intitolando l’episodio Il disgelo e raccontando le rocambolesche avventure di un gruppo di animali che tentano di salvarsi la pelle prima che le acque sommergano  la conca in cui avevano scelto di vivere.

E oggi? Qualcosa timidamente pare muoversi. Ne è convinto Daniele Panebarco, affermato fumettista, che credendo profondamente nel linguaggio dei cartoon e nell’amore che esso può suscitare per la natura, ha realizzato, grazie alla sua piccola società di multimedia, la Panebarco & C., con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e la collaborazione del Prof. Enzo Tiezzi dell’Università di Siena, Il Sacco dell’energia-una semplice fiaba ecologica, un cartone animato ma soprattutto una fiaba, un’eco-favola che tratta i temi dell’ecologia, dello sviluppo sostenibile e del rispetto dell’ambiente utilizzando un linguaggio chiaro e divertente.

Un popolo di “Maestri Sapienti“, il cui compito è creare “Universi Perfetti“. Un allievo pasticcione che, lasciato solo, combina un disastro dietro l’altro dando vita proprio a un pianeta simile alla Terra in cui consumismo e avidità travolgono i suoi abitanti. Questa la trama del cartoon, volutamente realizzato con un finale aperto, per far riflettere sul fatto che il futuro è nelle nostre mani e in quelle dei nostri figli.

Un progetto indirizzato in particolar modo alle scuole che possono, richiedendo un incontro attraverso il sito ufficiale, decidere di far vedere ai propri studenti il cartone animato o la versione in concerto-spettacolo dal vivo. Una bella e positiva idea per sensibilizzare e continuare a sperare, non tanto negli eroi del futuro chiamati a salvare l’universo, ma nei gesti quotidiani degli (oggi piccoli) uomini del futuro.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende