Home » Idee »Progetti »Recensioni » Ecocartoons: i nuovi eroi che salveranno la Terra:

Ecocartoons: i nuovi eroi che salveranno la Terra

febbraio 24, 2010 Idee, Progetti, Recensioni

Capitan Planet, Cuortesy of Dic“Captain Planet, He’s our hero
Gonna take pollution down to zero
He’s our powers magnified
And he’s fighting on the planet’s side
Captain Planet, He’s our hero
We’re the Planeteers
You can be one, too
Cuz saving our planet is the thing to do”.

Così recitava la sigla di un indimenticato e indimenticabile cartone animato di stampo ambientalista trasmesso agli inizi degli anni Novanta da Raiuno. Prodotto da Dic a partire da un’idea di Ted Turner, Capitan Planet and the Planeteers racconta le avventure di cinque giovani scelti da Gaia, lo Spirito della Terra, stanca di tollerare i disastri causati dallo sfruttamento dell’ambiente e dall’inquinamento.

Gli Ecodifensori (Planeteers in originale) scelti da Gaia rappresentavano singolarmente uno dei cinque principali gruppi etnici umani, e ognuno possedeva il potere di un elemento naturale (acqua, aria, terra e fuoco più il quinto che rappresentava il cuore, inteso come capacità d’empatia con la natura e l’ambiente). Unendo questi poteri i cinque giovani erano in grado di evocare il supereroe noto, appunto, come Capitan Planet.

Ancora più interessante era però il piccolo gruppo di antagonisti del nostro supereroe, noto come Ecovillians, che rappresentavano i diversi pericoli che minacciano il pianeta Terra: Mister Virus, paradigma del consumismo e dell’avidità, Looten Plunder avido capitalista, Sly Sludge ovvero il dissipatore di rifiuti, Duke Nukem, mutante radioattivo, che metteva in guardia dai rischi del nucleare, Lady Veleno a simbolo della scienza priva di morale e della tecnologia incontrollata, tutti uniti per richiamare Capitan Flagello (in originale Capitan Pollution), alter ego dell’eroe buono e difensore di un mondo più eco sostenibile.

Dopo 65 puntate, il solito proliferare di costumi di carnevale e gadget di ogni tipo, il mondo dei cartoni animati ha però smesso di essere salvato dall’avanzare dell’inquinamento e ci ha lasciato senza eroi. Solo di recente, nel 2008, la Pixar Studios Animation ha realizzato un lungometraggio che riporta all’attenzione del grande pubblico le tematiche ambientali: Wall e, storia dell’ultimo robottino rimasto sulla terra dopo che gli umani l’hanno abbandonata perchè invasa dall’immondizia. E poco prima nel 2006, il secondo episodio della fortunata trilogia dell’Era Glaciale (Blue Sky Studios), sfiora il tema dello scioglimento dei ghiacci a causa dell’effetto serra intitolando l’episodio Il disgelo e raccontando le rocambolesche avventure di un gruppo di animali che tentano di salvarsi la pelle prima che le acque sommergano  la conca in cui avevano scelto di vivere.

E oggi? Qualcosa timidamente pare muoversi. Ne è convinto Daniele Panebarco, affermato fumettista, che credendo profondamente nel linguaggio dei cartoon e nell’amore che esso può suscitare per la natura, ha realizzato, grazie alla sua piccola società di multimedia, la Panebarco & C., con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e la collaborazione del Prof. Enzo Tiezzi dell’Università di Siena, Il Sacco dell’energia-una semplice fiaba ecologica, un cartone animato ma soprattutto una fiaba, un’eco-favola che tratta i temi dell’ecologia, dello sviluppo sostenibile e del rispetto dell’ambiente utilizzando un linguaggio chiaro e divertente.

Un popolo di “Maestri Sapienti“, il cui compito è creare “Universi Perfetti“. Un allievo pasticcione che, lasciato solo, combina un disastro dietro l’altro dando vita proprio a un pianeta simile alla Terra in cui consumismo e avidità travolgono i suoi abitanti. Questa la trama del cartoon, volutamente realizzato con un finale aperto, per far riflettere sul fatto che il futuro è nelle nostre mani e in quelle dei nostri figli.

Un progetto indirizzato in particolar modo alle scuole che possono, richiedendo un incontro attraverso il sito ufficiale, decidere di far vedere ai propri studenti il cartone animato o la versione in concerto-spettacolo dal vivo. Una bella e positiva idea per sensibilizzare e continuare a sperare, non tanto negli eroi del futuro chiamati a salvare l’universo, ma nei gesti quotidiani degli (oggi piccoli) uomini del futuro.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende