Home » Idee »Progetti » Econarrazione: la prima scuola per sviluppare la sensibilità ambientale attraverso il racconto:

Econarrazione: la prima scuola per sviluppare la sensibilità ambientale attraverso il racconto

febbraio 13, 2014 Idee, Progetti

L’uomo da millenni racconta storie, è il suo istinto, e l’ambiente, molti secoli prima della nascita di una coscienza ecologista come la intendiamo oggi, era già presente nelle narrazioni più antiche. Ha un ruolo importante anche nella nostra storia personale, nei ricordi dell’infanzia ma anche dell’età adulta. Duccio Demetrio, filosofo e co-fondatore della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (Arezzo), è partito dai legami stretti tra narrazione ed ecologia, e da come questa vicinanza possa essere utilizzata per sensibilizzare le persone al rispetto ambientale. E, dopo anni di insegnamento universitario, esperienza nella formazione, l’autobiografia e la guida di gruppi in cammino alla scoperta della natura, ha dato vita alla prima Scuola di Econarrazione. Un ciclo di lezioni che si aprirà ad Anghiari il 20 marzo e terminerà il 21 dicembre, diviso in quattro parti secondo le stagioni, e organizzato con il sostegno di UniCoop Firenze, Aboca, Lipu, Fondazione Barbanera e Navdanya International, l’associazione nata in Italia per volere di Vandana Shiva.

Un modo per approfondire la propria storia personale e il rapporto che ci lega alla natura, ma anche uno strumento di sensibilizzazione ambientale. Non si diventa infatti più attenti alla natura solo attraverso l’educazione o la messa in atto di buone abitudini, dalla raccolta differenziata al risparmio energetico. Anche l’ecologia narrativa può fare la propria parte. “Da millenni – spiega Demetrio – la natura è ispiratrice delle narrazioni umane. Ha voci inconsapevoli, mille frammenti che l’uomo tenta di ricomporre inventando storie e valorizzando così ciò che la natura ci comunica, attraverso racconti che possono assumere varie forme: la poesia, il romanzo, ma anche la scienza, che presenta degli aspetti discorsivi, come le descrizioni degli animali nella biologia”. Le narrazioni che costruiamo, però, avverte il filosofo, “spesso sono anche contro la natura. E’ l’uomo a curvare le narrazioni a suo vantaggio”. Vedi i casi dei racconti di disastri ambientali, come frane o alluvioni, in cui non sempre viene completamente evidenziata la responsabilità antropica alla base dei fenomeni.

In quest’ottica, “abbiamo bisogno di nuove narrazioni che facciano conoscere alle persone i rischi che corre la Terra. Tendiamo sempre a dimenticare che anche noi siamo natura e i pericoli per il Pianeta ci riguardano in prima persona”. Nuovi racconti anche per cambiare l’approccio che oggi, soprattutto nei paesi industrializzati, le persone hanno alla natura: “Oggi è vista soprattutto come madre. L’uomo ha l’atteggiamento del bambino che usufruisce della figura materna senza dare niente in cambio. Dobbiamo invece vedere la natura come figlia e ripristinare lo scambio tra uomo e natura che esisteva nelle culture antiche, in cui per esempio alle divinità si doveva sacrificare qualcosa come ringraziamento. Ma oggi chi ringrazia la natura? Gli atteggiamenti verso l’ambiente sono quasi sempre improntati all’aggressività”, continua il filosofo, che ha trattato il tema anche nel suo libro “La religiosità della Terra“, da poco pubblicato dalla casa editrice Raffaello Cortina. Serve quindi un racconto che “ci riporti alla nostra responsabilità di custodi della natura anche quando questa riesplode, e spesso non per sua colpa”.

Per costruire queste grandi narrazioni – che possono poi declinarsi a livello personale in ricordi, riflessioni, contemplazioni della natura, ascolto di storie di chi vive ogni giorno in campagna, per esempio gli agricoltori – bisogna fare appello, spiega Demetrio, alle emozioni universali che la natura suscita. “Lo stupore, la religiosità della natura possono unire anche popoli e culture diverse. In particolare, spero che finiscano le risse tra gli ecologisti e che nasca un’alleanza tra credenti e non credenti per costruire una grande narrazione della Terra”.

Un messaggio di rispetto e cura che potrebbe avere tra i primi destinatari proprio gli agricoltori, i quali lavorano a diretto contatto con la natura, ma non sempre hanno avuto comportamenti di sostenibilità e rispetto ambientale: “Oggi sono spesso esclusi dal dibattito culturale, anche se qualcosa, grazie a figure come Carlo Petrini e Vandana Shiva, sta cambiando”.

In attesa che tutti coloro che hanno a cuore il Pianeta mettano fine a polemiche e schermaglie, si può partire dalle singole storie e narrazioni individuali. La scuola di Econarrazione e tutta l’offerta formativa della Libera Università dell’Autobiografia puntano a questo. “Ciascuno di noi ha la sua storia personale da raccontare in rapporto ai suoi contatti con l’ambiente naturale. Sarebbe impossibile raccontarci se fossimo privati della natura”. Da qui può cominciare un percorso di consapevolezza e sensibilità, preludio all’affermazione di una concreta sostenibilità.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Auguri ai colleghi di Lifegate: 20 anni di promozione della sostenibilità

aprile 28, 2020

Auguri ai colleghi di Lifegate: 20 anni di promozione della sostenibilità

La redazione di Greenews.info fa gli auguri ai “colleghi” di LifeGate, il network fondato da Marco Roveda che compie oggi 20 anni di vita! In pieno lockdown, fanno sapere da LifeGate, il grande evento di celebrazione dovrà necessariamente essere rimandato, ma resta l’occasione per festeggiare e ringraziare una community di cinque milioni di persone e cinquemila [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende