Home » Idee »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Ecopunti: in Veneto buoni sconto per chi rispetta l’ambiente:

Ecopunti: in Veneto buoni sconto per chi rispetta l’ambiente

In questo periodo dove la crisi morde, prende il via nel Veneziano un’idea per incentivare i comportamenti ecosostenibili favorendo al contempo i consumi. Portare i propri rifiuti all’ecocentro o fare il compostaggio domestico farà vincere buoni sconto utilizzabili nei negozi che aderiscono all’iniziativa, circa un centinaio nell’area del Portogruarese. In pratica, le azioni virtuose dei cittadini si traducono in buoni a sostegno dell’economia locale, in particolare del commercio al dettaglio dei piccoli centri urbani, uno dei settori più penalizzati. Ecopunti, questo il nome del progetto di Achab Group, è operativo da lunedì.

Sono coinvolte circa 45.000 famiglie, quasi 92.000 persone, degli undici comuni del bacino Asvo Spa, l’azienda di raccolta e smaltimento rifiuti a capitale interamente pubblico che serve il mandamento di Portogruaro (Annone Veneto, Caorle, Cinto Caomaggiore, Concordia Sagittaria, Fossalta di Portogruaro, Gruaro, Portogruaro, Pramaggiore, San Michele al Tagliamento, San Stino di Livenza e Teglio Veneto), per una superficie complessiva di circa 600 chilometri quadrati. Il bacino comprende anche Caorle e Bibione (dove da pochi giorni è stata lanciata dal comune di San Michele al Tagliamento, in collaborazione con Asvo, la campagna “Respira il mare” per ridurre il fumo e la dispersione di mozziconi nella battigia), due delle più importanti località balneari del Nord Italia che contano da sole 10 milioni di turisti e moltissime seconde case, i cui proprietari sono anch’essi ammessi al sistema incentivante.

Il funzionamento è semplice. Ogni volta che il cittadino si recherà in uno dei dieci ecocentri del bacino gli operatori di Asvo, tramite palmare, gli caricheranno attraverso il codice fiscale personale gli ecopunti a seconda della tipologia di rifiuto conferito. Ad esempio, portare al centro di raccolta verde e ramaglie, così come olii e grassi vegetali, fa “guadagnare” 200 punti per un controvalore di tre euro, conferire rifiuti ingombranti 400 punti che corrispondono a sei euro. Anche il compostaggio domestico vale 400 punti ogni anno. L’utente potrà poi verificare il saldo punti sul sito dedicato Asvo.ecopunti.it implementato da Achab Group oppure nelle sedi territoriali Asvo o direttamente all’ecocentro, stampando i buoni sconto maturati da spendere nei negozi del territorio che espongono l’apposita vetrofania. Ciascun esercente decide al momento dell’adesione la scontistica da applicare e può promuovere promozioni specifiche per i possessori di Ecosconti pubblicizzandole attraverso il portale.

Le offerte prevedono 25 categorie merceologiche (ad esempio, abbigliamento, cartolerie, ferramenta, parrucchiere, erboristerie, hobbistica, negozi specializzati in prodotti per animali) con cento offerte differenti per 50.000 ecobuoni immessi in circuito entro fine anno per un valore medio di tre euro.

Considerando il numero medio di accessi alle isole ecologiche e la tipologia di spazzatura smaltita ogni anno da una famiglia, gli organizzatori stimano un risparmio in buoni sconto di 81 euro l’anno a nucleo familiare, che può aggiungersi a eventuali promozioni avviate dai singoli punti vendita. “Con questa semplice formula il progetto Ecopunti – spiegano – distribuirà sconti per 150.000 euro e genererà un indotto da un milione e mezzo di euro, premiando azioni ecosostenibili e valorizzando il commercio al dettaglio. Attraverso il meccanismo degli sconti, infatti, l’investimento iniziale viene amplificato fino a potenziarsi dieci volte tanto”.

Secondo Paolo Silingardi, presidente di Achab Group e ideatore del progetto, “Ecopunti superando la vecchia logica “più consumi più ti premio” afferma un nuovo concetto “meglio ti comporti più ti premio”, attraverso un sistema replicabile in qualsiasi contesto nazionale che mette in circolo azioni positive per l’ambiente, trasformandole in un importante indotto economico anticrisi”. Lo stesso meccanismo premiante è stato già sperimentato ad Ascoli Piceno ed entro l’estate partirà in via sperimentale a Pontelongo, un piccolo comune nel Padovano, per studiare la replicabilità anche in realtà minori. Mentre è nell’aria la possibilità di avviare la piattaforma anche a Napoli, nell’ambito di un progetto sulle smart city.

Il sistema è ad alta tecnologia e comprende l’informatizzazione degli ecocentri, app dedicate, lettori laser di codici a barre, database cloud. “Ma siamo solo all’inizio – annuncia Silingardi – perché Ecopunti premierà in futuro anche chi utilizza mezzi ecologici, chi si muove in bicicletta o con il trasporto pubblico, chi produce energia rinnovabile accreditando mensilmente su un conto on line i punti equivalenti alla riduzione delle emissioni di CO2 per comportamenti sostenibili. Stiamo testando strumenti hardware e software per tracciare diversi comportamenti positivi e allargare le possibilità di integrazione tra sistema premiante e territorio”.

Abitudini virtuose, come la corretta raccolta dei rifiuti, innescano ricadute economiche positive non solo per l’accumulo di buoni sconto. “Incentivare il conferimento dei rifiuti all’ecocentro o il compostaggio domestico, in alternativa alla raccolta porta a porta o a chiamata, equivale a minori costi per lo smaltimento a carico delle aziende municipalizzate e quindi del cittadino”, commenta Gianpaolo Fagotto, responsabile comunicazione di Asvo Spa. Ovvero un risparmio di soldi pubblici, trattandosi quasi sempre di società partecipate in toto o in (gran) parte da enti pubblici. La multiutility portogruarese non è nuova a iniziative del genere. Già nel 2012 aveva lanciato l’estrazione a premi “Vieni all’ecocentro e vinci” che prevedeva, sempre attraverso l’utilizzo della tessera col codice fiscale, l’estrazione di iPad, smartphone, buoni spesa, Ri-ciclette e addirittura di un auto come superpremio finale tra gli utenti che conferivano i rifiuti al centro di raccolta.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende