Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Edison Green Movie, il protocollo per ridurre l’impatto delle produzioni cinematografiche:

Edison Green Movie, il protocollo per ridurre l’impatto delle produzioni cinematografiche

dicembre 19, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

Il set di un film è un piccolo mondo mobile che consuma, fatto di energie, di cibo, di spostamenti. E consuma molto, ancora oggi. AzzeroCO2, società di Legambiente accreditata come ESCo (Energy Service Company) ha “misurato” una produzione media italiana di due mesi di riprese e ha stimato, per esempio, che ottimizzando il numero di gruppi elettrogeni utilizzati si può ottenere un risparmio all’incirca del 19%, passando da 19,43 t di CO2eq a 15,78 t di CO2eq; e che utilizzando corpi illuminanti più efficienti si può ottenere un’ulteriore riduzione dell’ordine del 10/15%. Se si considera il catering, le emissioni di circa 1.800 cestini con stoviglie di plastica ammontano a 0,37 t di CO2eq; utilizzando, invece, stoviglie e posate in materiale biodegradabile le emissioni scendono circa a 0,18 t di CO2eq, pari al 48% in meno.

Da questo quadretto nasce la volontà di creare un modello di produzione diverso e l’idea di un protocollo per un cinema sostenibile – oggi unico in Europa – che prende le mosse dalla collaborazione tra Edison e la giovane produzione cinematografica Tempesta, già artefice del film rivelazione ‘Corpo Celeste‘. Si chiama Edison Green Movie il protocollo destinato alle case di produzione per l’adozione di soluzioni in grado di ridurre l’impatto ambientale di un film visto che “anche per il cinema – si legge sul comunicato - è arrivato il momento di accettare la sfida di una nuova consapevolezza ecologica”.

Il protocollo è stato presentato durante l’ultima edizione del Festival di Cannes, occasione, secondo Andrea Prandi, direttore della comunicazione di Edison, per “coinvolgere i cinefili più sensibili al tema della sostenibilità, anche grazie al supporto di importanti testimonial e sostenitori”. Uno studio scientifico, finanziato da Edison e condotto da AzzeroCO2, ha elaborato una serie di linee guida per ridurre l’impatto ambientale di una produzione cinematografica. Attraverso l’analisi puntuale di tutti i reparti tecnici che contribuiscono alla realizzazione di un film e di alcuni casi studio, sono stati individuati i consumi di cose e persone su cui è possibile intervenire e sulla base di queste voci di consumo sono stati redatti gli indicatori di sostenibilità da prendere in considerazione per valutare la performance ambientale di una produzione cinematografica, legati principalmente a consumi energetici, trasporti di merci, trasporti di persone, consumi di materiali (carta, plastica, vetro, ecc.), gestione dei rifiuti, catering, coordinamento e comunicazione interna e compensazione.

Se tutte le produzioni seguissero le indicazioni del protocollo (In Italia si stimano 5.880 giorni di riprese ogni anno) si realizzerebbe una riduzione delle emissioni pari a 1.120 tonnellate di CO2, equivalenti a quelle relative all’illuminazione pubblica annuale di un comune di oltre 10.000 abitanti o a 1.120 voli andata e ritorno Roma–Dakar. Per facilitare la partecipazione attiva delle case di produzione, è prevista una fase di accompagnamento e assistenza nelle fasi di preparazione del film e durante le riprese sul set e una valutazione finale, alla fine della quale i film che avranno raggiunto i risultato prefissati riceveranno l’attestato Edison Green Movie.

Ci ragioniamo da parecchio tempo – dice Carlo Cresto-Dina, fondatore di Tempesta – vedevamo film marchiati ad emissioni ‘zero’, ma sapevamo che si trattava solo di azioni compensative: inquino, spreco e alla fine tiro un bel colpo di spugna, piantando alberi in qualche parte del mondo. A noi interessava fare qualcosa di più”.

Attraverso l’utilizzo di moderne tecnologie (generatori euro5, kit fotovoltaici, illuminazione a LED, ecc.) e con l’aiuto di alcuni fornitori convenzionati, saranno dunque incrementate le performance ambientali della produzione, proprio con l’obiettivo di realizzare un film sostenibile non soltanto compensando, ma risparmiando, usando fonti interamente rinnovabili e pratiche eco-compatibili in tutte le fasi della produzione.

A Edison premeva che il protocollo fosse scientificamente rigoroso – commenta ancora Prandi - e che tenesse conto di quanto complessa, delicata e costosa sia la macchina di un set. Siamo riusciti comunque a elaborare procedure molto semplici e flessibili, che non creino complicazioni alla produzione e siano applicabili anche alle microproduzioni con risorse economiche limitate”.

Oltre all’utilizzo dei kit fotovoltaici o all’illuminazione a LED, l’aspetto legato alla mobilità è particolarmente rilevante, sia per quanto riguarda il trasporto dell’attrezzatura tecnica che dello staff. I mezzi che si trovano sul test sono di elettricisti, sartoria, trucco, macchinisti e rimangono fermi durante tutte le riprese ma spesso accesi per alimentare il gruppo elettrogeno. Per ridurre l’impatto di questi mezzi potrebbe essere utile ridurre il numero dei camion grazie ad una migliore organizzazione degli spazi e all’ottimizzazione della quantità del materiale; utilizzare camion più nuovi, efficienti e meno impattanti; e collegarsi quando possibile alla rete nazionale per soddisfare i proprio fabbisogni energetici. Per lo staff meglio scegliere il treno o affittare auto ecologiche, a metano o gpl, cercando di accorpare i passeggeri e di ottimizzare gli spostamenti.

La novità annunciata in anteprima durante la conferenza stampa dello scorso 4 dicembre, alla Casa del Cinema a Roma, è che anche RAI Movie realizzerà presto il primo film “intelligente” con regia di  PaoloVirzì.

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende