Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Edison Green Movie, il protocollo per ridurre l’impatto delle produzioni cinematografiche:

Edison Green Movie, il protocollo per ridurre l’impatto delle produzioni cinematografiche

dicembre 19, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

Il set di un film è un piccolo mondo mobile che consuma, fatto di energie, di cibo, di spostamenti. E consuma molto, ancora oggi. AzzeroCO2, società di Legambiente accreditata come ESCo (Energy Service Company) ha “misurato” una produzione media italiana di due mesi di riprese e ha stimato, per esempio, che ottimizzando il numero di gruppi elettrogeni utilizzati si può ottenere un risparmio all’incirca del 19%, passando da 19,43 t di CO2eq a 15,78 t di CO2eq; e che utilizzando corpi illuminanti più efficienti si può ottenere un’ulteriore riduzione dell’ordine del 10/15%. Se si considera il catering, le emissioni di circa 1.800 cestini con stoviglie di plastica ammontano a 0,37 t di CO2eq; utilizzando, invece, stoviglie e posate in materiale biodegradabile le emissioni scendono circa a 0,18 t di CO2eq, pari al 48% in meno.

Da questo quadretto nasce la volontà di creare un modello di produzione diverso e l’idea di un protocollo per un cinema sostenibile – oggi unico in Europa – che prende le mosse dalla collaborazione tra Edison e la giovane produzione cinematografica Tempesta, già artefice del film rivelazione ‘Corpo Celeste‘. Si chiama Edison Green Movie il protocollo destinato alle case di produzione per l’adozione di soluzioni in grado di ridurre l’impatto ambientale di un film visto che “anche per il cinema – si legge sul comunicato - è arrivato il momento di accettare la sfida di una nuova consapevolezza ecologica”.

Il protocollo è stato presentato durante l’ultima edizione del Festival di Cannes, occasione, secondo Andrea Prandi, direttore della comunicazione di Edison, per “coinvolgere i cinefili più sensibili al tema della sostenibilità, anche grazie al supporto di importanti testimonial e sostenitori”. Uno studio scientifico, finanziato da Edison e condotto da AzzeroCO2, ha elaborato una serie di linee guida per ridurre l’impatto ambientale di una produzione cinematografica. Attraverso l’analisi puntuale di tutti i reparti tecnici che contribuiscono alla realizzazione di un film e di alcuni casi studio, sono stati individuati i consumi di cose e persone su cui è possibile intervenire e sulla base di queste voci di consumo sono stati redatti gli indicatori di sostenibilità da prendere in considerazione per valutare la performance ambientale di una produzione cinematografica, legati principalmente a consumi energetici, trasporti di merci, trasporti di persone, consumi di materiali (carta, plastica, vetro, ecc.), gestione dei rifiuti, catering, coordinamento e comunicazione interna e compensazione.

Se tutte le produzioni seguissero le indicazioni del protocollo (In Italia si stimano 5.880 giorni di riprese ogni anno) si realizzerebbe una riduzione delle emissioni pari a 1.120 tonnellate di CO2, equivalenti a quelle relative all’illuminazione pubblica annuale di un comune di oltre 10.000 abitanti o a 1.120 voli andata e ritorno Roma–Dakar. Per facilitare la partecipazione attiva delle case di produzione, è prevista una fase di accompagnamento e assistenza nelle fasi di preparazione del film e durante le riprese sul set e una valutazione finale, alla fine della quale i film che avranno raggiunto i risultato prefissati riceveranno l’attestato Edison Green Movie.

Ci ragioniamo da parecchio tempo – dice Carlo Cresto-Dina, fondatore di Tempesta – vedevamo film marchiati ad emissioni ‘zero’, ma sapevamo che si trattava solo di azioni compensative: inquino, spreco e alla fine tiro un bel colpo di spugna, piantando alberi in qualche parte del mondo. A noi interessava fare qualcosa di più”.

Attraverso l’utilizzo di moderne tecnologie (generatori euro5, kit fotovoltaici, illuminazione a LED, ecc.) e con l’aiuto di alcuni fornitori convenzionati, saranno dunque incrementate le performance ambientali della produzione, proprio con l’obiettivo di realizzare un film sostenibile non soltanto compensando, ma risparmiando, usando fonti interamente rinnovabili e pratiche eco-compatibili in tutte le fasi della produzione.

A Edison premeva che il protocollo fosse scientificamente rigoroso – commenta ancora Prandi - e che tenesse conto di quanto complessa, delicata e costosa sia la macchina di un set. Siamo riusciti comunque a elaborare procedure molto semplici e flessibili, che non creino complicazioni alla produzione e siano applicabili anche alle microproduzioni con risorse economiche limitate”.

Oltre all’utilizzo dei kit fotovoltaici o all’illuminazione a LED, l’aspetto legato alla mobilità è particolarmente rilevante, sia per quanto riguarda il trasporto dell’attrezzatura tecnica che dello staff. I mezzi che si trovano sul test sono di elettricisti, sartoria, trucco, macchinisti e rimangono fermi durante tutte le riprese ma spesso accesi per alimentare il gruppo elettrogeno. Per ridurre l’impatto di questi mezzi potrebbe essere utile ridurre il numero dei camion grazie ad una migliore organizzazione degli spazi e all’ottimizzazione della quantità del materiale; utilizzare camion più nuovi, efficienti e meno impattanti; e collegarsi quando possibile alla rete nazionale per soddisfare i proprio fabbisogni energetici. Per lo staff meglio scegliere il treno o affittare auto ecologiche, a metano o gpl, cercando di accorpare i passeggeri e di ottimizzare gli spostamenti.

La novità annunciata in anteprima durante la conferenza stampa dello scorso 4 dicembre, alla Casa del Cinema a Roma, è che anche RAI Movie realizzerà presto il primo film “intelligente” con regia di  PaoloVirzì.

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende