Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Edison Green Movie, il protocollo per ridurre l’impatto delle produzioni cinematografiche:

Edison Green Movie, il protocollo per ridurre l’impatto delle produzioni cinematografiche

dicembre 19, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

Il set di un film è un piccolo mondo mobile che consuma, fatto di energie, di cibo, di spostamenti. E consuma molto, ancora oggi. AzzeroCO2, società di Legambiente accreditata come ESCo (Energy Service Company) ha “misurato” una produzione media italiana di due mesi di riprese e ha stimato, per esempio, che ottimizzando il numero di gruppi elettrogeni utilizzati si può ottenere un risparmio all’incirca del 19%, passando da 19,43 t di CO2eq a 15,78 t di CO2eq; e che utilizzando corpi illuminanti più efficienti si può ottenere un’ulteriore riduzione dell’ordine del 10/15%. Se si considera il catering, le emissioni di circa 1.800 cestini con stoviglie di plastica ammontano a 0,37 t di CO2eq; utilizzando, invece, stoviglie e posate in materiale biodegradabile le emissioni scendono circa a 0,18 t di CO2eq, pari al 48% in meno.

Da questo quadretto nasce la volontà di creare un modello di produzione diverso e l’idea di un protocollo per un cinema sostenibile – oggi unico in Europa – che prende le mosse dalla collaborazione tra Edison e la giovane produzione cinematografica Tempesta, già artefice del film rivelazione ‘Corpo Celeste‘. Si chiama Edison Green Movie il protocollo destinato alle case di produzione per l’adozione di soluzioni in grado di ridurre l’impatto ambientale di un film visto che “anche per il cinema – si legge sul comunicato - è arrivato il momento di accettare la sfida di una nuova consapevolezza ecologica”.

Il protocollo è stato presentato durante l’ultima edizione del Festival di Cannes, occasione, secondo Andrea Prandi, direttore della comunicazione di Edison, per “coinvolgere i cinefili più sensibili al tema della sostenibilità, anche grazie al supporto di importanti testimonial e sostenitori”. Uno studio scientifico, finanziato da Edison e condotto da AzzeroCO2, ha elaborato una serie di linee guida per ridurre l’impatto ambientale di una produzione cinematografica. Attraverso l’analisi puntuale di tutti i reparti tecnici che contribuiscono alla realizzazione di un film e di alcuni casi studio, sono stati individuati i consumi di cose e persone su cui è possibile intervenire e sulla base di queste voci di consumo sono stati redatti gli indicatori di sostenibilità da prendere in considerazione per valutare la performance ambientale di una produzione cinematografica, legati principalmente a consumi energetici, trasporti di merci, trasporti di persone, consumi di materiali (carta, plastica, vetro, ecc.), gestione dei rifiuti, catering, coordinamento e comunicazione interna e compensazione.

Se tutte le produzioni seguissero le indicazioni del protocollo (In Italia si stimano 5.880 giorni di riprese ogni anno) si realizzerebbe una riduzione delle emissioni pari a 1.120 tonnellate di CO2, equivalenti a quelle relative all’illuminazione pubblica annuale di un comune di oltre 10.000 abitanti o a 1.120 voli andata e ritorno Roma–Dakar. Per facilitare la partecipazione attiva delle case di produzione, è prevista una fase di accompagnamento e assistenza nelle fasi di preparazione del film e durante le riprese sul set e una valutazione finale, alla fine della quale i film che avranno raggiunto i risultato prefissati riceveranno l’attestato Edison Green Movie.

Ci ragioniamo da parecchio tempo – dice Carlo Cresto-Dina, fondatore di Tempesta – vedevamo film marchiati ad emissioni ‘zero’, ma sapevamo che si trattava solo di azioni compensative: inquino, spreco e alla fine tiro un bel colpo di spugna, piantando alberi in qualche parte del mondo. A noi interessava fare qualcosa di più”.

Attraverso l’utilizzo di moderne tecnologie (generatori euro5, kit fotovoltaici, illuminazione a LED, ecc.) e con l’aiuto di alcuni fornitori convenzionati, saranno dunque incrementate le performance ambientali della produzione, proprio con l’obiettivo di realizzare un film sostenibile non soltanto compensando, ma risparmiando, usando fonti interamente rinnovabili e pratiche eco-compatibili in tutte le fasi della produzione.

A Edison premeva che il protocollo fosse scientificamente rigoroso – commenta ancora Prandi - e che tenesse conto di quanto complessa, delicata e costosa sia la macchina di un set. Siamo riusciti comunque a elaborare procedure molto semplici e flessibili, che non creino complicazioni alla produzione e siano applicabili anche alle microproduzioni con risorse economiche limitate”.

Oltre all’utilizzo dei kit fotovoltaici o all’illuminazione a LED, l’aspetto legato alla mobilità è particolarmente rilevante, sia per quanto riguarda il trasporto dell’attrezzatura tecnica che dello staff. I mezzi che si trovano sul test sono di elettricisti, sartoria, trucco, macchinisti e rimangono fermi durante tutte le riprese ma spesso accesi per alimentare il gruppo elettrogeno. Per ridurre l’impatto di questi mezzi potrebbe essere utile ridurre il numero dei camion grazie ad una migliore organizzazione degli spazi e all’ottimizzazione della quantità del materiale; utilizzare camion più nuovi, efficienti e meno impattanti; e collegarsi quando possibile alla rete nazionale per soddisfare i proprio fabbisogni energetici. Per lo staff meglio scegliere il treno o affittare auto ecologiche, a metano o gpl, cercando di accorpare i passeggeri e di ottimizzare gli spostamenti.

La novità annunciata in anteprima durante la conferenza stampa dello scorso 4 dicembre, alla Casa del Cinema a Roma, è che anche RAI Movie realizzerà presto il primo film “intelligente” con regia di  PaoloVirzì.

Alfonsa Sabatino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende