Home » Progetti » Elettrosmog & Co. Come l’ambiente circostante influisce sulla nostra salute:

Elettrosmog & Co. Come l’ambiente circostante influisce sulla nostra salute

ottobre 26, 2012 Progetti

Quasi ogni giorno i tecnici dello studio d’ingegneria per l’ambiente Nir vengono chiamati da privati cittadini, preoccupati dai campi elettromagnetici a cui sono esposti a casa o a lavoro. Gli ingegneri arrivano, fanno le loro misurazioni e consegnano la perizia. Spesso – raccontano – l’esito è negativo. “Ovviamente è interesse anche di chi posiziona gli impianti (antenne televisive o telefoniche, ripetitori..) che questi restino tendenzialmente entro i limiti imposti della legge, per cui è infrequente che si riscontrino livelli di elettrosmog pericolosi per la salute“. I cittadini che sentono strane vibrazioni o fischi nelle orecchie, spiegano i tecnici, spesso sono solo suggestionati dalla crescita tecnologica e impiantistica delle città, con il moltiplicarsi di antenne e ripetitori.

Ma probabilmente non hanno tutti i torti. Pochi giorni fa la Cassazione ha infatti imposto all’Inail di risarcire un manager di Brescia, riconoscendogli l’invalidità professionale: per la prima volta in Italia la Corte ha riconosciuto un legame diretto fra l’uso eccessivo dei telefoni cellulari e il tumore al cervello che ha colpito l’uomo.

Se ne discute ormai da decenni, ma ancora non si ha la completa certezza “scientifica” su quali siano gli effetti dei telefoni cellulari sul nostro organismo. Anche se studi epidemiologici e sentenze come quella di Brescia insistono sui possibili danni dell’uso prolungato o “eccessivo”. Carlo La Vecchia è a capo del Dipartimento di Epidemiologia dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, e fa parte della maggioranza degli scienziati, quelli che vorrebbero ridimensionare le preoccupazioni. Sottolinea come non ci sia la prova scientifica che i campi elettromagnetici a cui siamo normalmente esposti possano causare tumori: “Riguardo alle onde radio utilizzate ad esempio dai telefonini non si è mai dimostrato un rischio per la salute – spiega – Per i campi elettromagnetici a bassa frequenza, quelli degli elettrodotti, alcuni studi fatti all’estero hanno evidenziato un aumento delle leucemie nei bambini che vivevano nelle vicinanze. In Italia i limiti di sicurezza sono dieci volte più bassi di quelli decisi dall’Unione Europea, e anche così i nostri impianti sono sostanzialmente al di sotto dei valori massimi previsti”. La situazione va comunque tenuta sotto controllo, nuovi effetti potrebbe rivelarsi sul lungo termine. Ma nemmeno l’aumentare del numero di ripetitori, stazioni wi-fi e celle per i telefonini deve creare allarme? Secondo La Vecchia essendo più ravvicinati rispetto al passato hanno bisogno di segnali meno potenti e intensi, così si dovrebbe eliminare quell’effetto di riscaldamento (di alcune frazioni di grado) che avevano i vecchi telefonini appoggiati all’orecchio. Il professore fa riferimento ai maggiori studi internazionali gestiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, (OMS) e, di fatto, finanziati dalle maggiori case produttrici di apparecchi per la telefonia: “Sono state fatte critiche sulla trasparenza delle ricerche, ma l’OMS ha organizzato controlli rigidi cercando di tenere la massima distanza fra i ricercatori e chi metteva i soldi. A mio parere, gli studi sono più che affidabili”.

Nessun motivo di preoccupazione quindi, secondo la maggioranza degli esperti, ma attenzione da mantenere alta perché i livelli di elettrosmog non crescano fino a mettere a rischio la nostra salute. Anche perché dobbiamo difenderci da altre “sostanze invisibili” prodotte dall’uomo che, nel nostro ambiente quotidiano, possono portare malattie. Pesticidi, nanoparticelle, polveri tossiche: ogni giorno entriamo in contatto con almeno cinquecento diverse sostanze, e alcune di queste possono causare patologie anche gravi. “Ormai la scienza ha acclarato la correlazione fra alcune malattie e l’esposizione a elementi chimici – spiega Antonio Maria Pasciuto, fondatore di ASSIMAS (Associazione Italiana di Medicina Ambiente e Salute) – Sappiamo ad esempio che il morbo di Parkinson può essere causato dai metalli pesanti. Il problema è che spesso queste conoscenze non si traducono nella pratica medica”. Pasciuto è membro dell’Accademia Europea di Medicina Ambientale e da febbraio ha dato vita all’associazione italiana. Il suo obbiettivo è informare i cittadini sui possibili rischi e formare i medici perché sappiano riconoscere e intervenire sui problemi che l’ambiente quotidiano può dare ai loro pazienti. “Sappiamo dove sono i pericoli e dobbiamo imparare a contrastarli prima che facciano danni – spiega – Spesso gli studi epidemiologici sugli effetti di vari tipi di inquinamento, come quelli avviati con grave ritardo all’Ilva di Taranto, rischiano di servire solo a spiegarci che i buoi sono già scappati dal recinto”.

Per questo sabato 27 ottobre, a Milano, si terrà il primo convegno organizzato da ASSIMAS. I medici iscritti sono più di settanta, tanto che nella stessa città verrà organizzato un altro incontro a metà novembre. A Roma invece l’appuntamento è per il 10 novembre, e anche lì i partecipanti sono già una cinquantina. “Segno che l’attenzione su questi temi è forte – dice ancora Pasciuto – Dobbiamo partire dal basso per ottenere leggi più attente ed evitare di avere a che fare con prodotti dannosi per la nostra salute”. In pratica, essere più informati e preparati per conoscere meglio gli ambienti in cui ci muoviamo, essere più sicuri, ma senza farci suggestionare da allarmi a volte ingiustificati.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende