Home » Progetti » Elettrosmog & Co. Come l’ambiente circostante influisce sulla nostra salute:

Elettrosmog & Co. Come l’ambiente circostante influisce sulla nostra salute

ottobre 26, 2012 Progetti

Quasi ogni giorno i tecnici dello studio d’ingegneria per l’ambiente Nir vengono chiamati da privati cittadini, preoccupati dai campi elettromagnetici a cui sono esposti a casa o a lavoro. Gli ingegneri arrivano, fanno le loro misurazioni e consegnano la perizia. Spesso – raccontano – l’esito è negativo. “Ovviamente è interesse anche di chi posiziona gli impianti (antenne televisive o telefoniche, ripetitori..) che questi restino tendenzialmente entro i limiti imposti della legge, per cui è infrequente che si riscontrino livelli di elettrosmog pericolosi per la salute“. I cittadini che sentono strane vibrazioni o fischi nelle orecchie, spiegano i tecnici, spesso sono solo suggestionati dalla crescita tecnologica e impiantistica delle città, con il moltiplicarsi di antenne e ripetitori.

Ma probabilmente non hanno tutti i torti. Pochi giorni fa la Cassazione ha infatti imposto all’Inail di risarcire un manager di Brescia, riconoscendogli l’invalidità professionale: per la prima volta in Italia la Corte ha riconosciuto un legame diretto fra l’uso eccessivo dei telefoni cellulari e il tumore al cervello che ha colpito l’uomo.

Se ne discute ormai da decenni, ma ancora non si ha la completa certezza “scientifica” su quali siano gli effetti dei telefoni cellulari sul nostro organismo. Anche se studi epidemiologici e sentenze come quella di Brescia insistono sui possibili danni dell’uso prolungato o “eccessivo”. Carlo La Vecchia è a capo del Dipartimento di Epidemiologia dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, e fa parte della maggioranza degli scienziati, quelli che vorrebbero ridimensionare le preoccupazioni. Sottolinea come non ci sia la prova scientifica che i campi elettromagnetici a cui siamo normalmente esposti possano causare tumori: “Riguardo alle onde radio utilizzate ad esempio dai telefonini non si è mai dimostrato un rischio per la salute – spiega – Per i campi elettromagnetici a bassa frequenza, quelli degli elettrodotti, alcuni studi fatti all’estero hanno evidenziato un aumento delle leucemie nei bambini che vivevano nelle vicinanze. In Italia i limiti di sicurezza sono dieci volte più bassi di quelli decisi dall’Unione Europea, e anche così i nostri impianti sono sostanzialmente al di sotto dei valori massimi previsti”. La situazione va comunque tenuta sotto controllo, nuovi effetti potrebbe rivelarsi sul lungo termine. Ma nemmeno l’aumentare del numero di ripetitori, stazioni wi-fi e celle per i telefonini deve creare allarme? Secondo La Vecchia essendo più ravvicinati rispetto al passato hanno bisogno di segnali meno potenti e intensi, così si dovrebbe eliminare quell’effetto di riscaldamento (di alcune frazioni di grado) che avevano i vecchi telefonini appoggiati all’orecchio. Il professore fa riferimento ai maggiori studi internazionali gestiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, (OMS) e, di fatto, finanziati dalle maggiori case produttrici di apparecchi per la telefonia: “Sono state fatte critiche sulla trasparenza delle ricerche, ma l’OMS ha organizzato controlli rigidi cercando di tenere la massima distanza fra i ricercatori e chi metteva i soldi. A mio parere, gli studi sono più che affidabili”.

Nessun motivo di preoccupazione quindi, secondo la maggioranza degli esperti, ma attenzione da mantenere alta perché i livelli di elettrosmog non crescano fino a mettere a rischio la nostra salute. Anche perché dobbiamo difenderci da altre “sostanze invisibili” prodotte dall’uomo che, nel nostro ambiente quotidiano, possono portare malattie. Pesticidi, nanoparticelle, polveri tossiche: ogni giorno entriamo in contatto con almeno cinquecento diverse sostanze, e alcune di queste possono causare patologie anche gravi. “Ormai la scienza ha acclarato la correlazione fra alcune malattie e l’esposizione a elementi chimici – spiega Antonio Maria Pasciuto, fondatore di ASSIMAS (Associazione Italiana di Medicina Ambiente e Salute) – Sappiamo ad esempio che il morbo di Parkinson può essere causato dai metalli pesanti. Il problema è che spesso queste conoscenze non si traducono nella pratica medica”. Pasciuto è membro dell’Accademia Europea di Medicina Ambientale e da febbraio ha dato vita all’associazione italiana. Il suo obbiettivo è informare i cittadini sui possibili rischi e formare i medici perché sappiano riconoscere e intervenire sui problemi che l’ambiente quotidiano può dare ai loro pazienti. “Sappiamo dove sono i pericoli e dobbiamo imparare a contrastarli prima che facciano danni – spiega – Spesso gli studi epidemiologici sugli effetti di vari tipi di inquinamento, come quelli avviati con grave ritardo all’Ilva di Taranto, rischiano di servire solo a spiegarci che i buoi sono già scappati dal recinto”.

Per questo sabato 27 ottobre, a Milano, si terrà il primo convegno organizzato da ASSIMAS. I medici iscritti sono più di settanta, tanto che nella stessa città verrà organizzato un altro incontro a metà novembre. A Roma invece l’appuntamento è per il 10 novembre, e anche lì i partecipanti sono già una cinquantina. “Segno che l’attenzione su questi temi è forte – dice ancora Pasciuto – Dobbiamo partire dal basso per ottenere leggi più attente ed evitare di avere a che fare con prodotti dannosi per la nostra salute”. In pratica, essere più informati e preparati per conoscere meglio gli ambienti in cui ci muoviamo, essere più sicuri, ma senza farci suggestionare da allarmi a volte ingiustificati.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende