Home » Progetti » Elettrosmog & Co. Come l’ambiente circostante influisce sulla nostra salute:

Elettrosmog & Co. Come l’ambiente circostante influisce sulla nostra salute

ottobre 26, 2012 Progetti

Quasi ogni giorno i tecnici dello studio d’ingegneria per l’ambiente Nir vengono chiamati da privati cittadini, preoccupati dai campi elettromagnetici a cui sono esposti a casa o a lavoro. Gli ingegneri arrivano, fanno le loro misurazioni e consegnano la perizia. Spesso – raccontano – l’esito è negativo. “Ovviamente è interesse anche di chi posiziona gli impianti (antenne televisive o telefoniche, ripetitori..) che questi restino tendenzialmente entro i limiti imposti della legge, per cui è infrequente che si riscontrino livelli di elettrosmog pericolosi per la salute“. I cittadini che sentono strane vibrazioni o fischi nelle orecchie, spiegano i tecnici, spesso sono solo suggestionati dalla crescita tecnologica e impiantistica delle città, con il moltiplicarsi di antenne e ripetitori.

Ma probabilmente non hanno tutti i torti. Pochi giorni fa la Cassazione ha infatti imposto all’Inail di risarcire un manager di Brescia, riconoscendogli l’invalidità professionale: per la prima volta in Italia la Corte ha riconosciuto un legame diretto fra l’uso eccessivo dei telefoni cellulari e il tumore al cervello che ha colpito l’uomo.

Se ne discute ormai da decenni, ma ancora non si ha la completa certezza “scientifica” su quali siano gli effetti dei telefoni cellulari sul nostro organismo. Anche se studi epidemiologici e sentenze come quella di Brescia insistono sui possibili danni dell’uso prolungato o “eccessivo”. Carlo La Vecchia è a capo del Dipartimento di Epidemiologia dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, e fa parte della maggioranza degli scienziati, quelli che vorrebbero ridimensionare le preoccupazioni. Sottolinea come non ci sia la prova scientifica che i campi elettromagnetici a cui siamo normalmente esposti possano causare tumori: “Riguardo alle onde radio utilizzate ad esempio dai telefonini non si è mai dimostrato un rischio per la salute – spiega – Per i campi elettromagnetici a bassa frequenza, quelli degli elettrodotti, alcuni studi fatti all’estero hanno evidenziato un aumento delle leucemie nei bambini che vivevano nelle vicinanze. In Italia i limiti di sicurezza sono dieci volte più bassi di quelli decisi dall’Unione Europea, e anche così i nostri impianti sono sostanzialmente al di sotto dei valori massimi previsti”. La situazione va comunque tenuta sotto controllo, nuovi effetti potrebbe rivelarsi sul lungo termine. Ma nemmeno l’aumentare del numero di ripetitori, stazioni wi-fi e celle per i telefonini deve creare allarme? Secondo La Vecchia essendo più ravvicinati rispetto al passato hanno bisogno di segnali meno potenti e intensi, così si dovrebbe eliminare quell’effetto di riscaldamento (di alcune frazioni di grado) che avevano i vecchi telefonini appoggiati all’orecchio. Il professore fa riferimento ai maggiori studi internazionali gestiti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, (OMS) e, di fatto, finanziati dalle maggiori case produttrici di apparecchi per la telefonia: “Sono state fatte critiche sulla trasparenza delle ricerche, ma l’OMS ha organizzato controlli rigidi cercando di tenere la massima distanza fra i ricercatori e chi metteva i soldi. A mio parere, gli studi sono più che affidabili”.

Nessun motivo di preoccupazione quindi, secondo la maggioranza degli esperti, ma attenzione da mantenere alta perché i livelli di elettrosmog non crescano fino a mettere a rischio la nostra salute. Anche perché dobbiamo difenderci da altre “sostanze invisibili” prodotte dall’uomo che, nel nostro ambiente quotidiano, possono portare malattie. Pesticidi, nanoparticelle, polveri tossiche: ogni giorno entriamo in contatto con almeno cinquecento diverse sostanze, e alcune di queste possono causare patologie anche gravi. “Ormai la scienza ha acclarato la correlazione fra alcune malattie e l’esposizione a elementi chimici – spiega Antonio Maria Pasciuto, fondatore di ASSIMAS (Associazione Italiana di Medicina Ambiente e Salute) – Sappiamo ad esempio che il morbo di Parkinson può essere causato dai metalli pesanti. Il problema è che spesso queste conoscenze non si traducono nella pratica medica”. Pasciuto è membro dell’Accademia Europea di Medicina Ambientale e da febbraio ha dato vita all’associazione italiana. Il suo obbiettivo è informare i cittadini sui possibili rischi e formare i medici perché sappiano riconoscere e intervenire sui problemi che l’ambiente quotidiano può dare ai loro pazienti. “Sappiamo dove sono i pericoli e dobbiamo imparare a contrastarli prima che facciano danni – spiega – Spesso gli studi epidemiologici sugli effetti di vari tipi di inquinamento, come quelli avviati con grave ritardo all’Ilva di Taranto, rischiano di servire solo a spiegarci che i buoi sono già scappati dal recinto”.

Per questo sabato 27 ottobre, a Milano, si terrà il primo convegno organizzato da ASSIMAS. I medici iscritti sono più di settanta, tanto che nella stessa città verrà organizzato un altro incontro a metà novembre. A Roma invece l’appuntamento è per il 10 novembre, e anche lì i partecipanti sono già una cinquantina. “Segno che l’attenzione su questi temi è forte – dice ancora Pasciuto – Dobbiamo partire dal basso per ottenere leggi più attente ed evitare di avere a che fare con prodotti dannosi per la nostra salute”. In pratica, essere più informati e preparati per conoscere meglio gli ambienti in cui ci muoviamo, essere più sicuri, ma senza farci suggestionare da allarmi a volte ingiustificati.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende