Home » Idee »Progetti » Emma Salerno racconta il Green Office Day: l’ecologia parte dal posto di lavoro:

Emma Salerno racconta il Green Office Day: l’ecologia parte dal posto di lavoro

giugno 6, 2013 Idee, Progetti

Come molte buone idee, quella del Green Office Day è nata per caso, quando nel 2009 Emma Salerno, responsabile marketing e comunicazione della sua azienda, si rese conto che è possibile contribuire a migliorare l’ambiente anche con  i piccoli gesti quotidiani sul posto di lavoro. Ebbe infatti l’idea di organizzare in ufficio una giornata dedicata alle tematiche green. Ne parlò con la direzione che accettò la proposta, coinvolse oltre 200 colleghi e iniziò poi a diffondere l’iniziativa tra amici e conoscenti. Da allora la giornata ha cominciato a raccogliere sempre più riscontri, con articoli su quotidiani nazionali, riviste e blog. Quest’anno il Green Office Day è il 7 giugno.


D) Emma, qual è la mission di Green Office Day?

R) Leggiamo spesso notizie riguardanti nuovi prodotti biodegradabili, cibo biologico, auto elettriche, pannelli solari, ecc. Ma, al di là dei grandi progetti ed investimenti pubblici, cosa può fare ciascuno di noi, come lavoratore, per ridurre l’impatto del proprio ambiente lavorativo?  Ciascuno, con piccoli gesti quotidiani,  durante le ore trascorse in ufficio, in azienda, in fabbrica, può contribuire a migliorare l’ambiente di lavoro con  benefici sia per la natura sia per lo stato di salute e di benessere personali. Dunque, il messaggio che vogliamo comunicare è che non è necessario aspettare che un G8, un meeting internazionale, una legge dello Stato, una direttiva aziendale ci inducano ad essere più “ecologici” ma che noi in primis, e proprio nel luogo che ci accoglie per tante ore ogni giorno,  dobbiamo svolgere un ruolo attivo e compiere azioni concrete.

D) Come si è sviluppato il progetto?

R) Dopo la prima giornata, è venuto spontaneo pensare di rendere il Green Office Day un evento di tutti, cioè non legato a un’azienda ma, in maniera trasversale, a tutti i lavoratori.  Si è quindi creato un gruppetto di volontari appassionati di ecologia che promuove ogni anno questa giornata con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e far crescere la consapevolezza che le proprie azioni quotidiane in ufficio, anche quelle ordinarie e talvolta banali, hanno una conseguenza sull’ambiente.

D) Come si struttura ongi edizione?

R) La giornata dedicata ai comportamenti ecocompatibili sul lavoro si celebra ogni anno a inizio giugno. Inutile dire che OGNI giorno dovrebbe essere un Green Office Day! Alla prima edizione del 2009 sono seguite, negli anni successivi, sempre nel mese di giugno, quelle dedicate al tema del Riciclo e del Riutilizzo.Ognuno può scegliere quale azione green adottare nella giornata: c’è chi decide di recarsi a lavoro in bicicletta, con mezzi pubblici o accordandosi con colleghi per condividere l’auto (e i crescenti costi della benzina). Chi opta per una riduzione dei documenti da stampare, chi utilizza sempre la carta riciclata, chi ricorda di spegnere computer, schermi e stampanti a fine giornata, chi fa sempre la raccolta differenziata in ufficio, chi semplicemente si domanda se un vecchio oggetto non possa essere riutilizzato in modo diverso. Nella mia azienda, ad esempio, lo scorso anno abbiamo collaborato con Legambiente e lanciato l’iniziativa del Book Swapping, l’anno precedente abbiamo deciso di riutilizzare vecchie brochure aziendali che sono state usate per creare delle bellissime borse fatte a mano da una famosa azienda bolognese, sono in assoluto il più bel gadget che abbiamo.

D) Che tipo di riscontro ha avuto finora la giornata? Chi sono le persone che aderiscono?

R) Green Office Day è rivolto a tutti coloro che lavorano, in uffici pubblici o privati, di qualsiasi settore.È un’iniziativa davvero trasversale e i modi e le idee per aderire sono tanti, l’importante è ricordare che anche i nostri piccoli comportamenti quotidiani influenzano l’ambiente che ci circonda e che, se tutti siamo più attenti, gli effetti (positivi) diventano rilevanti.Nel corso degli anni abbiamo ricevuto tanti feedback: dalla società che ha regalato delle piante ai propri clienti a chi ha coinvolto i dipendenti volontari a ripulire alcuni campi vicino alla propria azienda, fino a chi ha regalato sedie e mobiletti da ufficio a scuole e biblioteche pubbliche.

D) Quale sarà il tema di quest’anno?

R) Il Green Office Day 2013  promuove una campagna a favore dell’Alimentazione Sostenibile. Anche quando si fa la spesa e ci si siede a tavola possiamo fare qualcosa per contenere l’impatto sull’ambiente. Come? Scegliendo alimenti di stagione e del nostro territorio, evitando packaging elaborati, valutando l’opzione dei gruppi di acquisto, riducendo l’impronta idrica, informandosi maggiormente sui cicli produttivi dei principali alimenti. Esistono ormai tante fonti utili e giustificarsi dicendo che la composizione del proprio carrello della spesa non ha alcuna influenza è un attegiamento poco lungimirante e poco civile. E poi, un tocco di frivolezza: il 7 giugno indossiamo qualcosa di verde in segno di adesione!

D) In base a cosa sono scelti i temi di ciascuna edizione?

R) Guardiamo ai temi di cui si parla spesso nei mesi precedenti e poi pensiamo a come potrebbero essere declinati sul posto di lavoro. Ad esempio, il 5 giugno si è svolta la giornata Think-Eat-Save promossa dall’ONU e all’unanimità abbiamo scelto il tema dell’EcoFood per il nostro Green Office Day 2013.
D) Il vostro team si occupa di altre iniziative legate all’ambiente?

R) Abbiamo in mente di estendere il bacino di utenza ma siamo ancora ai primi step, il nostro obiettivo è di poter presentare una bella novità nella prossima edizione del 2014. Non è facile trovare il tempo per realizzare tutte le idee che avremmo in mente, siamo dei volontari e lavoriamo senza scopo di lucro, ma la nostra anima green ci spinge a ritagliarci sempre un pò di tempo per sensibilizzare quante più persone possibili sull’importanza di rispettare la nostra Terra.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende