Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Filca: a Milano le Biocase che uniscono sostenibilità e comfort abitativo:

Filca: a Milano le Biocase che uniscono sostenibilità e comfort abitativo

marzo 7, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

Eccellenza nell’efficienza energetica degli edifici e benessere abitativo. Sono queste le basi per la nuova edilizia. 3.499 tonnellate di minori emissioni di anidride carbonica, equivalenti all’azione di 349.900 alberi, è la stima degli effetti delle 4.946 biocase in parte già realizzate e in parte ancora in costruzione o in programma. L’abitare  sostenibile è il cardine della strategia ambientale che ha trovato declinazione concreta nel progetto Biocasa 2012 di Filca Cooperative, anche grazie al concorso di un Comitato Tecnico-Scientifico e alla collaborazione con il Politecnico di Milano.

“A partire da quest’anno – ha raccontato il presidente di Filca, Giacomo Fumeo - tutti i nostri nuovi interventi edilizi si collocheranno in classe energetica A oppure A+, una scelta di fondo che consolida le politiche aziendali di green building. A fine 2011 erano già 2.036 le Biocase Filca realizzate, il 28% delle quali in classe A e il restante 72% in classe B. Attualmente, sono 27 gli interventi in costruzione per 1.250 unità abitative, delle quali l’89% si colloca in classe A, oltre alla Residenza Verdiana, a consumo zero (8 abitazioni), in corso di realizzazione a Clusone: un progetto che è valso a Filca il Premio Nazionale Innovazione Amica dell’Ambiente 2011, promosso da Legambiente, Regione Lombardia e Confindustria”.

Per la Biocasa, ha illustrato Francesco Biffi, direttore tecnico di Filca, sono state individuate cinque linee guida: sostenibilità del sito (controllo dell’inquinamento prodotto dall’attività di costruzione, incentivazione dei trasporti ecosostenibili, promozione del verde, mitigazione dell’effetto “isola di calore”, diminuzione dell’inquinamento luminoso); riduzione dei consumi energetici (termici, elettrici, idrici); benessere psicofisico e sicurezza della persona (comfort acustico, qualità dell’aria interna e salubrità dei materiali); materiali naturali e risorse (caratteristiche dei materiali, raccolta e stoccaggio dei rifiuti riciclabili, gestione dei rifiuti da costruzione); bioclimatica (valutazione della qualità bioclimatica dell’edificio). “Se sul fronte del risparmio energetico – sostiene l’ingegner Biffi – la Biocasa Filca in classe A abbatte dell’80% i consumi termici attraverso l’impiego di tecnologie all’avanguardia, sono assai significativi anche i benefici legati all’abbattimento dei gas responsabili dell’effetto serra”.

Un processo costruttivo di qualità, però, non si limita a progettare e a realizzare edifici con standard energetici e ambientali elevati, ma ne verifica anche le prestazioni durante il loro utilizzo. I dati rilevati dal monitoraggio condotto dal Politecnico di Milano hanno quindi consentito di quantificare i costi reali per riscaldare una Biocasa Filca in classe A di 90 metri quadrati: la spesa media annua è di 300-350 euro (meno di 1 euro al giorno) contro i 1.500-1.800 euro di una casa comune.

All’efficienza energetica devono accompagnarsi infine la sicurezza e il benessere psicofisico della persona, come ha evidenziato il professor Carlo Signorelli, docente di Igiene all’Università di Parma e membro della Giunta Esecutiva della SItI (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità pubblica). “Il tema della casa sana è una delle priorità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità”, dice Signorelli. “Sono diversi i fattori in grado di alterare il benessere psicofisico della persona tra le pareti domestiche: dalla presenza di inquinanti chimici – che possono provocare asma, patologie respiratorie e talvolta intossicazioni e avvelenamenti – al cosiddetto “fumo passivo”, all’esposizione al radon, un gas nobile che emerge dal suolo, risultante dal decadimento radioattivo dell’uranio, che determina un aumentato rischio di tumori polmonari. A questo riguardo, un recente rapporto, indica per altro la Lombardia tra le zone più a rischio d’Europa”. “Per garantire un microclima abitativo ottimale – conclude Signorelli – occorre puntare da un lato sulla salubrità dei materiali da costruzione e delle finiture, dall’altro sui sistemi di ventilazione meccanica controllata per garantire un adeguato ricambio dell’aria interna viziata”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende