Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Filca: a Milano le Biocase che uniscono sostenibilità e comfort abitativo:

Filca: a Milano le Biocase che uniscono sostenibilità e comfort abitativo

marzo 7, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

Eccellenza nell’efficienza energetica degli edifici e benessere abitativo. Sono queste le basi per la nuova edilizia. 3.499 tonnellate di minori emissioni di anidride carbonica, equivalenti all’azione di 349.900 alberi, è la stima degli effetti delle 4.946 biocase in parte già realizzate e in parte ancora in costruzione o in programma. L’abitare  sostenibile è il cardine della strategia ambientale che ha trovato declinazione concreta nel progetto Biocasa 2012 di Filca Cooperative, anche grazie al concorso di un Comitato Tecnico-Scientifico e alla collaborazione con il Politecnico di Milano.

“A partire da quest’anno – ha raccontato il presidente di Filca, Giacomo Fumeo - tutti i nostri nuovi interventi edilizi si collocheranno in classe energetica A oppure A+, una scelta di fondo che consolida le politiche aziendali di green building. A fine 2011 erano già 2.036 le Biocase Filca realizzate, il 28% delle quali in classe A e il restante 72% in classe B. Attualmente, sono 27 gli interventi in costruzione per 1.250 unità abitative, delle quali l’89% si colloca in classe A, oltre alla Residenza Verdiana, a consumo zero (8 abitazioni), in corso di realizzazione a Clusone: un progetto che è valso a Filca il Premio Nazionale Innovazione Amica dell’Ambiente 2011, promosso da Legambiente, Regione Lombardia e Confindustria”.

Per la Biocasa, ha illustrato Francesco Biffi, direttore tecnico di Filca, sono state individuate cinque linee guida: sostenibilità del sito (controllo dell’inquinamento prodotto dall’attività di costruzione, incentivazione dei trasporti ecosostenibili, promozione del verde, mitigazione dell’effetto “isola di calore”, diminuzione dell’inquinamento luminoso); riduzione dei consumi energetici (termici, elettrici, idrici); benessere psicofisico e sicurezza della persona (comfort acustico, qualità dell’aria interna e salubrità dei materiali); materiali naturali e risorse (caratteristiche dei materiali, raccolta e stoccaggio dei rifiuti riciclabili, gestione dei rifiuti da costruzione); bioclimatica (valutazione della qualità bioclimatica dell’edificio). “Se sul fronte del risparmio energetico – sostiene l’ingegner Biffi – la Biocasa Filca in classe A abbatte dell’80% i consumi termici attraverso l’impiego di tecnologie all’avanguardia, sono assai significativi anche i benefici legati all’abbattimento dei gas responsabili dell’effetto serra”.

Un processo costruttivo di qualità, però, non si limita a progettare e a realizzare edifici con standard energetici e ambientali elevati, ma ne verifica anche le prestazioni durante il loro utilizzo. I dati rilevati dal monitoraggio condotto dal Politecnico di Milano hanno quindi consentito di quantificare i costi reali per riscaldare una Biocasa Filca in classe A di 90 metri quadrati: la spesa media annua è di 300-350 euro (meno di 1 euro al giorno) contro i 1.500-1.800 euro di una casa comune.

All’efficienza energetica devono accompagnarsi infine la sicurezza e il benessere psicofisico della persona, come ha evidenziato il professor Carlo Signorelli, docente di Igiene all’Università di Parma e membro della Giunta Esecutiva della SItI (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità pubblica). “Il tema della casa sana è una delle priorità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità”, dice Signorelli. “Sono diversi i fattori in grado di alterare il benessere psicofisico della persona tra le pareti domestiche: dalla presenza di inquinanti chimici – che possono provocare asma, patologie respiratorie e talvolta intossicazioni e avvelenamenti – al cosiddetto “fumo passivo”, all’esposizione al radon, un gas nobile che emerge dal suolo, risultante dal decadimento radioattivo dell’uranio, che determina un aumentato rischio di tumori polmonari. A questo riguardo, un recente rapporto, indica per altro la Lombardia tra le zone più a rischio d’Europa”. “Per garantire un microclima abitativo ottimale – conclude Signorelli – occorre puntare da un lato sulla salubrità dei materiali da costruzione e delle finiture, dall’altro sui sistemi di ventilazione meccanica controllata per garantire un adeguato ricambio dell’aria interna viziata”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende