Home » Aziende »Nazionali »Politiche »Pratiche »Progetti » Finanza e green economy a Milano. Terni: “non abbiamo nulla a che fare con la decrescita”:

Finanza e green economy a Milano. Terni: “non abbiamo nulla a che fare con la decrescita”

La green economy è una vera opportunità di investimento? VedoGreen, nato come osservatorio del mercato dei capitali, snocciola dati su dati. Numeri, ma non solo. Al workshop di questa mattina alla Borsa di Milano, il mondo della finanza si è riunito intorno all’evento organizzato da TerniEnergiaRinnovabili, efficienza energetica. Waste management, Green Startup alla sfida dell’internalizzazione“. Al centro dell’iniziativa le nuove occasioni per l’industria verde italiana, di cui il gruppo Terni è uno degli esemplari meglio strutturati.

“L’identikit dell’azienda green Europea nel 2011 – racconta l’amministratrice di VedoGreen, Anna Lambiase – è molto interessante da osservare perché ci fa intravedere le prospettive future. I ricavi si aggirano intorno i 241 milioni, market cap di 83 milioni, mentre il margine reddituale che misura l’utile di un’azienda prima degli interessi, delle imposte, delle tasse, delle componenti straordinarie, delle svalutazioni e degli ammortamenti è di 19,5 milioni e l’Ebitda margin, invece, del 16%. Le aziende denunciano però le difficoltà finanziarie, l’incertezza sull’andamento del business, la forte pressione sui margini e il riposizionamento strategico del core business alla luce del mutato contesto normativo. Poi ci siamo chiesti, quali fossero le strategie delle società. Sei società green hanno annunciato nuovi piani industriali triennali, mentre la linea strategica principale è l’internazionalizzazione. Abbiamo misurato il sentiment del mercato borsistico e i ricavi di 50 società italiane green eccellenti selezionate,  ma non ancora quotate, ricavi che si aggirano intorno ai 43 milioni e un numero di dipendenti medio di 106 unità. Più del 90% degli investitori intervistati considera il green investing tra le proprie scelte di investimento e il 75% lo considera un obiettivo di business. Gli ostacoli per l’85% degli investitori è l’incertezza normativa, ma ’80% vuole investire nei prossimi tre anni con il green”, conclude la Lambiase.

Secondo Stefano Neri, Chairman & CEO TerniEnergia, l’obiettivo è generale e non riguarda solo Terni, bisogna cioè fare gruppo e cambiare lo strato industriale italiano. “Siamo un po’ fuori tempo, mi riferisco alla politica. Se non ci organizziamo noi non si organizza nessun altro, è questa la questione di cui si fa portavoce TerniEnergia. Mi soffermo ancora sull’acqua. L’acqua è un’opportunità. Se nel settore del trattamento delle acque c’è qualcuno che vuole fare business, noi siamo pronti ad ascoltare perché quello è un settore che a noi interessa molto. Il settore idrico può essere letto in maniera più evoluta rispetto al passato: trattamento e conservazione dell’acqua. In Europa il settore si sta sviluppando, ma ha il limite del peso della storia. E poi, oggi dobbiamo evitare un rischio, la tentazione della decrescita. Per noi questo è un danno incredibile. Questa filosofia associa l’idea del green a un idea di sacrificio, di risparmio, a me terrorizza, a me piace vivere bene. Dobbiamo relegare ai margini questi approcci filosofici e amatoriali, questo dobbiamo fare. Bisogna dire che il settore green è il settore dell’industria e se lo è dell’industria lo è anche della finanza”. Nessun appello dunque per le idee di Latouche e Pallante, nonostante si giochi “in casa”, nella casa della green economy.

Ma la grande novità di questa mattinata densa di interventi è la nascita del portale on line italeaf.com, nel quale sarà possibile pubblicare progetti, idee e attività che si candidano ad assumere una dimensione industriale e intendano localizzarsi negli spazi dell’azienda, contribuendo a creare il primo vero polo italiano della green economy. Anche Federico Zacaglioni, Head of Corporate Communication T.E.R.N.I. Research, presentando il progetto web, se la prende con la decrescita felice. “Noi siamo stufi della retorica della decrescita felice, noi la decrescita non la leggiamo sui libri, noi la viviamo sulla nostra pelle con il contesto del declino: meno posti di lavoro e meno opportunità di crescita.” Zacaglione parla di un’economia, quella italiana, col freno a mano. “L’Italia è un paese in cui è difficile fare impresa e non è un Paese per giovani”, dice Zacaglione. “I numeri sono preoccupanti: siamo al 77esimo posto per start up, 84esimo per la protezione di proprietà intellettuale. Ma la sostenibilità ci salverà: c’è una previsione di aumento di fatturato per 68% delle imprese”.

Ma quali sono le leadership del Made in Italy? La Fondazione Edison ha svolto, a questo proposito, un’approfondita analisi dell’export italiano. Tra le 4 A del Made in Italy, il settore automazione-meccanica-plastica-gomma detiene il 74% del totale del saldo commerciale. “Non solo manifattura e moda, questo è il Made in Italy”, sottolinea Zacaglione. “E Italeaf è una startupper company che supporta e sostiene la creazione d’impresa Made in Italy nel green. Italeaf è il connubio tra sostenibilità e prodotti dal marchio tricolore. Italeaf è un ecosistema, è la piattaforma in cui si sviluppa un’azione innovativa di intermediazione su più fronti: a servizio delle imprese insediate e non solo. Nasce a sostegno di progetti di nuove imprese e di vecchie. I settori di interesse: smart grid, solar, energy storage, communication, transportation, air & environment, biofuel & biomaterials, wind, agri & bio, water & wastewater, energy efficiency. I luoghi? Il governo ha realizzato una road map per la valorizzazione delle aree industriali dismesse in zone urbane. Obiettivo: il recupero di aree strategiche per lo sviluppo. La nostra area è già pronta e si chiama Nera Montorno (TR). Il business model è un cocktail, gli ingredienti si trovano tutti dentro il portale www.italeaf.com: servizi di assistenza, facilitazione di incontro con gli investitori, comunicazione integrata d’impresa, mentoring. I punti di forza sono l’appartenenza a un gruppo, un management team qualificato, localizzazione industriale plug&play (ndr, la location esiste già, è Nera Montorno) e un target ambizioso di 50 iniziative in 24 mesi”. Una sfida continua che sembra aprire le porte a nuovi e giovani imprenditori.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende