Home » Eventi »Progetti »Smart City » Fitzcarraldo Smart Day: rete e partecipazione fanno la città intelligente:

Fitzcarraldo Smart Day: rete e partecipazione fanno la città intelligente

maggio 25, 2012 Eventi, Progetti, Smart City

Cultura, partecipazione, informazione, relazione: è questa la formula della Fondazione Fitzcarraldo per una città che sia davvero smart.

Ieri alle Officine Grandi Riparazioni di Torino, il Fitzcarraldo Smart Day ha messo a confronto diverse esperienze piemontesi sulla visione di una città più vivibile e accessibile. Che si parlasse di nuovi modelli abitativi privati o di fruizione dell’offerta culturale, di eco-design o di riappropriazione degli spazi pubblici, tutti si sono trovati d’accordo su un punto: l’esigenza di fare rete.

«Sempre più persone oggi hanno voglia di abitare in una relazione più aperta con il loro contesto – ha spiegato Paolo Castelnovi, architetto e ideatore, con la Fondazione, del portale landscapefor.eu – A questa domanda crescente di partecipazione alla gestione, l’Italia ancora non si dimostra preparata. È quindi necessario mettere in moto processi di relazione, creare una rete, innanzitutto di informazione e conoscenza, fra quelle realtà che già esistono e operano in questa direzione».

Dal social-housing, che trova a Torino un bell’esempio nel progetto Sharing, agli atelier di design che utilizzano materiali di recupero, come Nucleo, dalle banche del tempo ai gruppi di acquisto solidale, dagli orti urbani ai community gardens, le iniziative che sperimentano approcci alternativi alla vita metropolitana e nuove modalità di produzione e commercio di sicuro non mancano. Il problema è che spesso non si conoscono tra loro, non hanno modo di condividere conoscenze e prassi e di creare così delle sinergie che sarebbero preziose per incrementarne lo sviluppo.

È quello che è emerso, ad esempio, dall’intervento di Marco Giambra, giovane designer di MnMur, laboratorio creativo nel quartiere di San Salvario, che realizza borse e accessori con camere d’aria di biciclette: «Sarebbe bello se a Torino ci fosse un luogo dove incontrarsi e sperimentare insieme, mettendo in comune le conoscenze acquisite con l’esperienza e i propri metodi di lavorazione».

Su questa linea si muove anche il progetto Leonia, ideato da Izmo, un collettivo di architetti e ingegneri che lavora con materiali di recupero per installazioni in spazi pubblici. «Nel corso del nostro lavoro – ha spiegato Alessandro Grella – abbiamo spesso incontrato ostacoli normativi e burocratici, soprattutto per la collocazione di opere fatte con materie riciclate, come il pallet, in luoghi pubblici. Abbiamo così cominciato a pensare che raccogliere e ordinare le leggi e i regolamenti su questa materia sarebbe stato utile a tutti i progettisti nella nostra situazione». Cominciato come un workshop, Leonia è quindi diventato un portale, che presto metterà in rete, in italiano e in inglese, tutta la normativa europea, italiana e della Regione Piemonte in materia di rifiuti e riuso, design autoprodotto e installazioni negli spazi pubblici, schedando e raccontando anche una serie di buone pratiche e iniziative del settore.

Diverso ambito, ma stessi intenti di condivisione e messa in rete delle informazioni ha il portale collinapo.it , che fa capo alle Aree Protette del Po e della Collina Torinesi e all’Azienda Turismo Torino e Provincia. «La triste verità – ha esordito Ippolito Ostellino, direttore del Parco – è che i torinesi che vivono in città in genere ignorano tutti i Comuni della provincia, per quanto ricchi di opportunità culturali e naturalistiche siano. Il sito nasce dunque per rendere accessibili e diffondere una serie di informazioni su questi luoghi, ma ha anche l’ambizione di innescare un meccanismo di partecipazione diretta dei cittadini alla promozione del loro territorio». Promozione che, secondo Castelnovi, potrebbe puntare anche sul filone “smart”: «Investire su un’immagine di Torino come città dell’innovazione potrebbe essere la carta vincente per portare in Piemonte nuovi flussi di turismo, un po’ come accade per le folle di visitatori nelle sedi di Google o della Microsoft. Prima di tutto, però, è necessario unire e sistematizzare le varie esperienze smart». E, manco a dirlo, fare rete.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende