Home » Eventi »Progetti »Smart City » Fitzcarraldo Smart Day: rete e partecipazione fanno la città intelligente:

Fitzcarraldo Smart Day: rete e partecipazione fanno la città intelligente

maggio 25, 2012 Eventi, Progetti, Smart City

Cultura, partecipazione, informazione, relazione: è questa la formula della Fondazione Fitzcarraldo per una città che sia davvero smart.

Ieri alle Officine Grandi Riparazioni di Torino, il Fitzcarraldo Smart Day ha messo a confronto diverse esperienze piemontesi sulla visione di una città più vivibile e accessibile. Che si parlasse di nuovi modelli abitativi privati o di fruizione dell’offerta culturale, di eco-design o di riappropriazione degli spazi pubblici, tutti si sono trovati d’accordo su un punto: l’esigenza di fare rete.

«Sempre più persone oggi hanno voglia di abitare in una relazione più aperta con il loro contesto – ha spiegato Paolo Castelnovi, architetto e ideatore, con la Fondazione, del portale landscapefor.eu – A questa domanda crescente di partecipazione alla gestione, l’Italia ancora non si dimostra preparata. È quindi necessario mettere in moto processi di relazione, creare una rete, innanzitutto di informazione e conoscenza, fra quelle realtà che già esistono e operano in questa direzione».

Dal social-housing, che trova a Torino un bell’esempio nel progetto Sharing, agli atelier di design che utilizzano materiali di recupero, come Nucleo, dalle banche del tempo ai gruppi di acquisto solidale, dagli orti urbani ai community gardens, le iniziative che sperimentano approcci alternativi alla vita metropolitana e nuove modalità di produzione e commercio di sicuro non mancano. Il problema è che spesso non si conoscono tra loro, non hanno modo di condividere conoscenze e prassi e di creare così delle sinergie che sarebbero preziose per incrementarne lo sviluppo.

È quello che è emerso, ad esempio, dall’intervento di Marco Giambra, giovane designer di MnMur, laboratorio creativo nel quartiere di San Salvario, che realizza borse e accessori con camere d’aria di biciclette: «Sarebbe bello se a Torino ci fosse un luogo dove incontrarsi e sperimentare insieme, mettendo in comune le conoscenze acquisite con l’esperienza e i propri metodi di lavorazione».

Su questa linea si muove anche il progetto Leonia, ideato da Izmo, un collettivo di architetti e ingegneri che lavora con materiali di recupero per installazioni in spazi pubblici. «Nel corso del nostro lavoro – ha spiegato Alessandro Grella – abbiamo spesso incontrato ostacoli normativi e burocratici, soprattutto per la collocazione di opere fatte con materie riciclate, come il pallet, in luoghi pubblici. Abbiamo così cominciato a pensare che raccogliere e ordinare le leggi e i regolamenti su questa materia sarebbe stato utile a tutti i progettisti nella nostra situazione». Cominciato come un workshop, Leonia è quindi diventato un portale, che presto metterà in rete, in italiano e in inglese, tutta la normativa europea, italiana e della Regione Piemonte in materia di rifiuti e riuso, design autoprodotto e installazioni negli spazi pubblici, schedando e raccontando anche una serie di buone pratiche e iniziative del settore.

Diverso ambito, ma stessi intenti di condivisione e messa in rete delle informazioni ha il portale collinapo.it , che fa capo alle Aree Protette del Po e della Collina Torinesi e all’Azienda Turismo Torino e Provincia. «La triste verità – ha esordito Ippolito Ostellino, direttore del Parco – è che i torinesi che vivono in città in genere ignorano tutti i Comuni della provincia, per quanto ricchi di opportunità culturali e naturalistiche siano. Il sito nasce dunque per rendere accessibili e diffondere una serie di informazioni su questi luoghi, ma ha anche l’ambizione di innescare un meccanismo di partecipazione diretta dei cittadini alla promozione del loro territorio». Promozione che, secondo Castelnovi, potrebbe puntare anche sul filone “smart”: «Investire su un’immagine di Torino come città dell’innovazione potrebbe essere la carta vincente per portare in Piemonte nuovi flussi di turismo, un po’ come accade per le folle di visitatori nelle sedi di Google o della Microsoft. Prima di tutto, però, è necessario unire e sistematizzare le varie esperienze smart». E, manco a dirlo, fare rete.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

settembre 15, 2018

“Cambiano come Montmartre”, artisti del riuso

Per il trentunesimo anno consecutivo, domenica 16 settembre torna a Cambiano, in provincia di Torino, la manifestazione “Cambiano come Montmartre“, un evento per stimolare la creatività dei cittadini con una serie di iniziative che quest’anno ruoteranno intorno al tema “Riuso, Riciclo Creativo e Sostenibilità”. Gli artisti, le associazioni del territorio, le scuole e i diversi attori [...]

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

settembre 4, 2018

Repower presenta la nuova barca “full electric” al Salone Nautico di Genova

Repower presenterà alla 58° edizione del Salone Nautico di Genova, dal 20 al 25 settembre prossimi, la sua nuova creazione, una delle prime barche nate “full electric”, ricaricabile anche attraverso sistemi di ricarica veloce del mondo e-cars. Con RepowerE, evoluzione cabinata della Reboat, una imbarcazione aperta attiva dal 2016 sul Lago di Garda, l’azienda svizzera – [...]

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

agosto 30, 2018

“Urbanpromo Green”: a Venezia la seconda edizione del convegno sull’urbanistica sostenibile

Due giorni incentrati sulle innovazioni che le politiche di sostenibilità generano nella pianificazione urbanistica e territoriale, nella progettazione urbana e architettonica, nelle tecniche costruttive e nella erogazione dei servizi urbani. Per il secondo anno consecutivo, il 20 e 21 settembre, si terrà a Palazzo Badoer, sede della Scuola di Dottorato dell’Università Iuav di Venezia, Urbanpromo [...]

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

agosto 27, 2018

Il valore dei fiumi: un report del WWF evidenzia i benefici nascosti

In un periodo in cui inondazioni e siccità devastano comunità e paesi in tutto il mondo, il nuovo rapporto del WWF internazionale “Valuing Rivers” sottolinea la capacità che hanno i fiumi, quando sono in buono stato di salute, di mitigare i disastri naturali: benefici che potremmo perdere se si continua a sottovalutare e trascurare il vero valore dei [...]

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

agosto 24, 2018

Le considerazioni dei geologi ad un anno dal terremoto: “alla fine la prevenzione rimane una chimera”

Oggi ricorre il secondo anniversario di quel 24 agosto 2016, quando un terribile terremoto colpì un’ampia fascia appenninica dell’Italia centrale portando con sé lutti e distruzione. A due anni di distanza il Consiglio Nazionale dei Geologi ha fatto quindi il punto, ricordando innanzitutto chi non c’è più e a chi ha perduto tutto – dai propri [...]

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

agosto 22, 2018

GSE: premio da 3.000 euro per tesi di laurea sulla bio-economia circolare

GSE, il Gestore Servizi Energetici conferma il suo impegno nell’iniziativa “Premi di Laurea” del Comitato Leonardo, giunta quest’anno alla XXI edizione, mettendo in palio una borsa di studio del valore di 3.000 euro per la migliore tesi di laurea in grado di presentare lo “Sviluppo di sistemi energetici in ambito agro-alimentare per promuovere nuovi modelli di bio-economia [...]

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

agosto 21, 2018

“Blue Heart”, il film di Patagonia contro l’idroelettrico selvaggio da oggi in streaming

Il film documentario di Patagonia, “Blue Heart” – disponibile a partire da oggi, 21 agosto 2018, in tutto il mondo, su piattaforme di streaming come iTunes, Amazon Video, Google Play e Sony PlayStation – racconta della lotta per proteggere gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa e concentra l’attenzione internazionale sul potenziale disastro ambientale che potrebbe colpire l’Europa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende