Home » Eventi »Progetti »Smart City » Fitzcarraldo Smart Day: rete e partecipazione fanno la città intelligente:

Fitzcarraldo Smart Day: rete e partecipazione fanno la città intelligente

maggio 25, 2012 Eventi, Progetti, Smart City

Cultura, partecipazione, informazione, relazione: è questa la formula della Fondazione Fitzcarraldo per una città che sia davvero smart.

Ieri alle Officine Grandi Riparazioni di Torino, il Fitzcarraldo Smart Day ha messo a confronto diverse esperienze piemontesi sulla visione di una città più vivibile e accessibile. Che si parlasse di nuovi modelli abitativi privati o di fruizione dell’offerta culturale, di eco-design o di riappropriazione degli spazi pubblici, tutti si sono trovati d’accordo su un punto: l’esigenza di fare rete.

«Sempre più persone oggi hanno voglia di abitare in una relazione più aperta con il loro contesto – ha spiegato Paolo Castelnovi, architetto e ideatore, con la Fondazione, del portale landscapefor.eu – A questa domanda crescente di partecipazione alla gestione, l’Italia ancora non si dimostra preparata. È quindi necessario mettere in moto processi di relazione, creare una rete, innanzitutto di informazione e conoscenza, fra quelle realtà che già esistono e operano in questa direzione».

Dal social-housing, che trova a Torino un bell’esempio nel progetto Sharing, agli atelier di design che utilizzano materiali di recupero, come Nucleo, dalle banche del tempo ai gruppi di acquisto solidale, dagli orti urbani ai community gardens, le iniziative che sperimentano approcci alternativi alla vita metropolitana e nuove modalità di produzione e commercio di sicuro non mancano. Il problema è che spesso non si conoscono tra loro, non hanno modo di condividere conoscenze e prassi e di creare così delle sinergie che sarebbero preziose per incrementarne lo sviluppo.

È quello che è emerso, ad esempio, dall’intervento di Marco Giambra, giovane designer di MnMur, laboratorio creativo nel quartiere di San Salvario, che realizza borse e accessori con camere d’aria di biciclette: «Sarebbe bello se a Torino ci fosse un luogo dove incontrarsi e sperimentare insieme, mettendo in comune le conoscenze acquisite con l’esperienza e i propri metodi di lavorazione».

Su questa linea si muove anche il progetto Leonia, ideato da Izmo, un collettivo di architetti e ingegneri che lavora con materiali di recupero per installazioni in spazi pubblici. «Nel corso del nostro lavoro – ha spiegato Alessandro Grella – abbiamo spesso incontrato ostacoli normativi e burocratici, soprattutto per la collocazione di opere fatte con materie riciclate, come il pallet, in luoghi pubblici. Abbiamo così cominciato a pensare che raccogliere e ordinare le leggi e i regolamenti su questa materia sarebbe stato utile a tutti i progettisti nella nostra situazione». Cominciato come un workshop, Leonia è quindi diventato un portale, che presto metterà in rete, in italiano e in inglese, tutta la normativa europea, italiana e della Regione Piemonte in materia di rifiuti e riuso, design autoprodotto e installazioni negli spazi pubblici, schedando e raccontando anche una serie di buone pratiche e iniziative del settore.

Diverso ambito, ma stessi intenti di condivisione e messa in rete delle informazioni ha il portale collinapo.it , che fa capo alle Aree Protette del Po e della Collina Torinesi e all’Azienda Turismo Torino e Provincia. «La triste verità – ha esordito Ippolito Ostellino, direttore del Parco – è che i torinesi che vivono in città in genere ignorano tutti i Comuni della provincia, per quanto ricchi di opportunità culturali e naturalistiche siano. Il sito nasce dunque per rendere accessibili e diffondere una serie di informazioni su questi luoghi, ma ha anche l’ambizione di innescare un meccanismo di partecipazione diretta dei cittadini alla promozione del loro territorio». Promozione che, secondo Castelnovi, potrebbe puntare anche sul filone “smart”: «Investire su un’immagine di Torino come città dell’innovazione potrebbe essere la carta vincente per portare in Piemonte nuovi flussi di turismo, un po’ come accade per le folle di visitatori nelle sedi di Google o della Microsoft. Prima di tutto, però, è necessario unire e sistematizzare le varie esperienze smart». E, manco a dirlo, fare rete.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende