Home » Progetti »Smart City » Genova, strategie per una smart city:

Genova, strategie per una smart city

luglio 23, 2012 Progetti, Smart City

La diga di Begato è una fila di casermoni di cemento avvinghiati alla collina sopra Bolzaneto, a Genova. Case popolari, simbolo di una poco riuscita edilizia anni ottanta. Ma ora la Diga sta per diventare un esempio di efficienza energetica per residenze sostenibili.

Tutta Genova è al lavoro per diventare una città intelligente, sostenibile, digitalizzata, strategica e concreta allo stesso tempo. È partita con un ambizioso progetto più di due anni fa, in rete con altri centri europei. E prima di altre città italiane sta raccogliendo i frutti dell’investimento. Genova ha infatti già vinto tre bandi europei per un totale di cinque milioni e mezzo di finanziamenti. “I coordinatori dei progetti stanno definendo gli ultimi dettagli con la Commissione Europea. Da gennaio partiremo con la messa in pratica di quanto è sulla carta”, spiega Gloria Piaggio, responsabile di Genova Smart City per il Comune.

L’associazione ha il ruolo di tenere insieme tutti gli attori del processo, in una formula che coinvolge imprese e soggetti istituzionali, ed è il vero punto di forza della smart city genovese: “Come associazione tentiamo di far sedere a uno stesso tavolo tanti interlocutori: aziende, mondo della ricerca e mondo finanziario, Comune, ong – dice ancora Piaggio – Per avviare collaborazioni efficaci dobbiamo sempre sapere su cosa lavorano le aziende e che studi si portano avanti in Università”.

Così, a breve, i brutti palazzi di Begato, progettati in un’epoca in cui al risparmio energetico si badava poco, avranno un sistema all’avanguardia in termini di sostenibilità. Grazie al progetto R2Cities, coordinato dagli esperti di Istanbul, con Genova e Valladolid, verranno installati pannelli fotovoltaici nelle facciate a sud, i camminamenti saranno isolati contro la dispersione del calore e l’uso dell’energia sarà costantemente monitorato, come in un organismo sotto esame, per saper in ogni momento come e dove migliorare. Oltre al Comune e all’Università, partecipano aziende genovesi e Unicredit, attraverso il programma Officine Verdi.

Il tema energetico è cruciale per la smart city del futuro e per quella del presente. Genova riceverà dall’Europa altri 2,5 milioni di euro per il progetto Celsius: una serie di iniziative portate avanti anche da Goteborg, Rotterdam, Colonia e Londra per il teleriscaldamento e teleraffreddamento. Il capoluogo ligure riadatterà infatti una vecchia centrale elettrica in Val Bisagno per creare microreti di riscaldamento al servizio di aree  (case, negozi, scuole) di piccolo diametro. Si comincerà da quelle colpite dall’alluvione dell’anno scorso. Il progetto sarà fondamentale per raggiungere gli obbiettivi del Paes (il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) approvato due anni fa, che prevede di ridurre di quasi un quarto le emissioni cittadine entro il 2012.

Un altro importante progetto è Transform, che riguarda la pianificazione integrata della smart city, per creare una visione il più possibile d’insieme, a livello europeo. Partecipano Vienna, Amsterdam, Copenhagen, Lione e Amburgo, confrontandosi su casi pratici, punti in comune ed eventuali difficoltà. L’idea è creare “un’agenda della trasformazione”, come la definisce Gloria Piaggio, che renda replicabili le migliori esperienze continentali.

A luglio sono usciti nuovi bandi europei e Genova ha proposto altre idee: “Vorremmo rendere più efficiente l’illuminazione del porto e dell’acquario – racconta Piaggio – così come migliorare l’utilizzo di energia nelle scuole. C’è infine il progetto Icity, per creare piattaforme aperte per applicazioni create dagli utenti”.

Perché se molto è stato fatto, secondo la responsabile di Genova Smart City, le possibilità di crescita sono ancora tantissime: “L’Italia è uno dei Paesi che riceve meno risorse dall’Europa sui fondi non strutturali. In Liguria vogliamo colmare questo divario, partecipando a quelle reti internazionali che producono innovazione”.

Il prossimo obbiettivo sarà coinvolgere maggiormente i cittadini con l’associazione Genova Smart People, in modo da allargare ancora di più la base di confronto. Collaborare con aziende e centri di ricerca è importante ma non può bastare. Occorre anche progettare in maniera partecipata la smart city che verrà.

I ricchi finanziamenti in arrivo dimostrano che la strada intrapresa da Genova è quella giusta. Ora si tratta di continuare a percorrerla.

Matteo Acmè

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende