Home » Pratiche »Progetti » Geoparchi: la rete delle aree protette per tutelare la diversità “inanimata”:

Geoparchi: la rete delle aree protette per tutelare la diversità “inanimata”

febbraio 22, 2013 Pratiche, Progetti

Tecnicamente si chiama geodiversità ed è il patrimonio ambientale inanimato: montagne, rocce, minerali, formazioni sedimentarie. Una ricchezza millenaria che racconta la storia del nostro pianeta e a cui anche l’Unesco guarda con sempre maggiore attenzione. Se infatti già nel 1972 la Convenzione sulla protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale specificava che in esso rientravano anche “i monumenti naturali costituiti da formazioni fisiche oppure da gruppi di tali formazioni, le formazioni geologiche e fisiografiche”, nel 2000 l’agenzia delle Nazioni Unite ha lanciato una strategia dedicata ai Geoparchi, dando vita prima alla Rete Europea e poi, nel 2004, a quella globale.

Oggi sono in tutto 90, distribuiti in gran parte nel vecchio continente, dove se ne contano 52. L’Italia, che può vantare, anche grazie alla varietà del suo paesaggio, una grande ricchezza geologica, è al primo posto in Europa, insieme alla Spagna, per numero dei Geoparchi, in tutto otto, e al secondo posto a livello mondiale, dopo la Cina (27). Quasi sempre già riconosciuti come aree protette, i parchi geologici italiani vanno dal Trentino (Parco naturale Adamello Brenta) alla Sardegna (Parco Geominerario Storico e Ambientale), dalla Liguria (Parco naturale regionale del Beigua) alla Sicilia (Distretto Rocca di Cerere, Parco naturale regionale delle Madonie), passando per la Toscana (Parco delle Colline Metallifere grossetane, Parco regionale Alpi Apuane) e la Campania (Parco nazionale Cilento e Vallo di Diano).

Al contrario di quello che si potrebbe pensare però, non si riducono ad aree di interesse naturale con qualche roccia particolare. Al patrimonio geologico, infatti, per entrare nella rete ed essere riconosciuto dall’Unesco un parco deve accompagnare una vera e propria strategia di sviluppo sostenibile. “Un Geoparco ha un ruolo attivo nello sviluppo economico del suo territorio e deve realizzare un impatto positivo sulle condizioni di vita dei suoi abitanti e sull’ambiente. Deve esserci un piano di sviluppo che stabilisca gli interventi e le risorse finanziarie necessarie”, spiega Maurizio Burlando, direttore del parco del Beigua, in Liguria, e coordinatore del Forum nazionale dei Geoparchi italiani che ieri si è riunito a Roma per l’assemblea annuale. In quest’ottica, “è fondamentale coinvolgere i Comuni e gli altri enti locali, le aziende, le associazioni, gli operatori turistici. Nel parco del Beigua, per esempio, abbiamo impostato il nostro percorso sul turismo sostenibile, coinvolgendo fattorie didattiche e strutture ricettive. Stiamo puntando sull’educazione ambientale anche con il turismo scolastico, sulla ricerca, in collaborazione con l’università, sull’ampliamento della rete sentieristica”. Un modello che, racconta Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei geologici e membro del Forum, “favorisce il coinvolgimento diretto dei cittadini: le persone che vivono in queste aree diventano sentinelle del proprio territorio e non permetteranno mai di farne scempio”.

Il parco delle Madonie, per esempio, ha creato il marchio PaniereNatura, dedicato alle aziende biologiche, mentre quello Geominerario della Sardegna ha cercato di recuperare l’architettura e le tradizioni legate alle attività delle ex miniere. Il parco delle Alpi Apuane, invece, sta lavorando a un progetto in collaborazione con il M’Goun Géoparc marocchino che permetterà, se la proposta sarà finanziata dall’Unione europea, di valorizzare il patrimonio della regione di Tadla Azilal, tra il Medio e l’Alto Atlante, famosa per le tracce di dinosauri del Giurassico e le incisioni rupestri.

I primi Geoparchi italiani sono stati quelli siciliani, nati nel 2001. A più di dieci anni, il bilancio è positivo: “L’interesse è crescente, perché queste aree rappresentano un modo innovativo di fruire il territorio, attirando tanti tipi di turismo, da quello della terza età a quello scolastico. Offriamo anche l’opportunità di fare molte attività sportive, come andare a cavallo o fare arrampicate sulle pareti rocciose, o sulle cascate ghiacciate. In un periodo di crisi come questo, sono anche un modo per trascorrere vacanze poco costose, più sostenibili, vicino a casa”, continua Burlando.

La rete – “non siamo una semplice lista, ma un network di parchi che lavorano spesso insieme”, ci tiene a precisare il coordinatore del Forum – sta crescendo velocemente. Nell’autunno scorso sono state presentate altre sette candidature europee. Due sono italiane: il Geoparco dell’Appennino Emiliano-Romagnolo e quello del Sesia-Valgrande. A settembre, in occasione della conferenza internazionale in programma nel parco del Cilento, si saprà se sono state accettate. Intanto, l’Unesco sta portando avanti anche l’iter per rafforzare il suo impegno a favore dei Geoparchi: non più un semplice patrocinio, ma un programma ufficiale che merita particolare attenzione.

Veronica Ulivieri

Tecnicamente si chiama geodiversità ed è il patrimonio ambientale inanimato: montagne, rocce, minerali, formazioni sedimentarie. Una ricchezza millenaria che racconta la storia del nostro pianeta e a cui anche l’Unesco guarda con sempre maggiore attenzione. Se infatti già nel 1972 la Convenzione sulla protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale specificava che in esso rientravano anche “i monumenti naturali costituiti da formazioni fisiche oppure da gruppi di tali formazioni, le formazioni geologiche e fisiografiche”, nel 2000 l’agenzia delle Nazioni Unite ha lanciato una strategia dedicata ai Geoparchi, dando vita prima alla Rete Europea e poi, nel 2004, a quella globale. Oggi sono in tutto 90, distribuiti in gran parte in Europa, dove se ne contano 52. L’Italia, che può vantare, anche grazie alla varietà del suo paesaggio, una grande ricchezza geologica, è al primo posto, insieme alla Spagna, per numero dei Geoparchi, in tutto otto, e al secondo posto a livello mondiale, dopo la Cina (27). Quasi sempre già riconosciuti come aree protette, i parchi geologici italiani vanno dal Trentino (Parco naturale Adamello Brenta) alla Sardegna (Parco Geominerario Storico e Ambientale), dalla Liguria (Parco naturale regionale del Beigua) alla Sicilia (Distretto Rocca di Cerere, Parco naturale regionale delle Madonie), passando per la Toscana (Parco delle Colline Metallifere grossetane, Parco regionale Alpi Apuane) e la Campania (Parco nazionale Cilento e Vallo di Diano).

 

Al contrario di quello che si potrebbe pensare però, non si riducono ad aree di interesse naturale con qualche roccia particolare. Al patrimonio geologico, infatti, per entrare nella rete ed essere riconosciuto dall’Unesco, un parco deve accompagnare una vera e propria strategia di sviluppo sostenibile. “Un Geoparco ha un ruolo attivo nello sviluppo economico del suo territorio e deve realizzare un impatto positivo sulle condizioni di vita dei suoi abitanti e sull’ambiente. Deve esserci un piano di sviluppo che stabilisca gli interventi e le risorse finanziarie necessarie”, spiega Maurizio Burlando, direttore del parco del Beigua, in Liguria, e coordinatore nazionale del Forum nazionale dei Geoparchi italiani che ieri si è riunito a Roma per la riunione annuale. In quest’ottica, “è fondamentale coinvolgere i Comuni e gli altri enti locali, le aziende, le associazioni, gli operatori turistici. Nel parco del Beigua, per esempio, abbiamo impostato il nostro percorso sul turismo sostenibile, coinvolgendo fattorie didattiche e strutture ricettive. Stiamo puntando sull’educazione ambientale anche con il turismo scolastico, sulla ricerca, in collaborazione con l’università, sull’ampliamento della rete sentieristica”. Un modello che, racconta Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio nazionale dell’ordine dei geologici e membro del Forum, “favorisce il coinvolgimento diretto dei cittadini: le persone che vivono in queste aree diventano sentinelle del proprio territorio e non permetteranno mai di farne scempio”.

Il parco delle Madonie, per esempio, ha creato il marchio PaniereNatura, dedicato alle aziende biologiche, mentre quello Geominerario della Sardegna ha cercato di valorizzare l’architettura e le tradizioni legate alle attività delle ex miniere. Il parco delle Alpi Apuane, invece, sta lavorando a un progetto in collaborazione con il M’Goun Géoparc marocchino che permetterà, se la proposta sarà finanziata dall’Unione europea, di valorizzare il patrimonio della regione di Tadla Azilal, tra il Medio e l’Alto Atlante, famosa per le tracce di dinosauri del Giurassico e le incisioni rupestri.

I primi geoparchi italiani sono stati quelli siciliani, nati nel 2001. A più di dieci anni, il bilancio è positivo: “L’interesse è crescente, perché i geoparchi rappresentano un modo innovativo di fruire il territorio, attirando tanti tipi di turismo, da quello della terza età a quello scolastico. Offriamo anche l’opportunità di fare tante attività sportive, come andare a cavallo o fare arrampicate sulle pareti rocciose, o sulle cascate ghiacciate. In un periodo di crisi come questo, sono anche un modo per trascorrere vacanze poco costose, più sostenibili, vicino a casa”, continua Burlando.

La rete – “non siamo una semplice lista, ma un network di parchi che lavorano spesso insieme”, ci tiene a precisare il coordinatore del Forum – sta crescendo velocemente. Nell’autunno scorso sono state presentate altre sette candidature europee. Due sono italiane: il geoparco dell’Appennino Emiliano-Romagnolo e quello del Sesia-Valgrande. A settembre, in occasione della conferenza internazionale in programma nel parco del Cilento, si saprà se sono state accettate. Intanto, l’Unesco sta portando avanti anche l’iter per rafforzare il suo impegno a favore dei Geoparchi: non più un semplice patrocinio, ma un programma ufficiale che merita particolare attenzione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende