Home » Progetti » Gli obiettivi della direttiva sull’efficienza passano anche attraverso LEED:

Gli obiettivi della direttiva sull’efficienza passano anche attraverso LEED

maggio 19, 2014 Progetti

Con l’emissione della direttiva 27/2012, la Comunità europea ha tracciato la via per il futuro della gestione efficiente del patrimonio edilizio esistente. I Paesi membri sono chiamati a recepire le indicazioni comunitarie con leggi specifiche sulla riqualificazione energetica del costruito con propri strumenti attuativi. La direttiva 27 definisce la necessità di implementare azioni operative e coordinate per raggiungere la riduzione dei consumi energetici connessi all’edilizia, come audit energetici, raccolta e analisi dei consumi, valutazioni di fattibilità tecnico-economiche per guidare interventi di ristrutturazione più o meno impattanti.

Tra i vari percorsi che l’Ue suggerisce per raggiungere gli ambiziosi obiettivi previsti, c’è anche la certificazione dei sistemi di gestione dell’energia ISO 50001. Uno strumento che da quest’anno è stato integrato anche all’interno di LEED, il protocollo per la certificazione di edifici sostenibili realizzato dal Green Building Council statunitense. “I temi della Direttiva 27/2012 si ritrovano anche all’interno del protocollo LEED dedicato alla certificazione della gestione efficiente in esercizio degli edifici noto come LEED EB:O&M (Existing Building Operation & Maintenance), che contiene un’intera sezione dedicata a valorizzare procedure di indagine diagnostica sugli edifici esistenti”, spiega Daniele Guglielmino, di GBC Italia. Con l’aggiornamento delle documentazioni di supporto al protocollo LEED, emesse a inizio aprile 2014, anche la certificazione ISO 50001 è diventata uno strumento riconosciuto per dimostrare la conformità ai requisiti dell’area Energia & Atmosfera di LEED.

Il processo che ha portato al riconoscimento della certificazione ISO 50001 all’interno del protocollo LEED fa parte del più ampio percorso “Global, Regional, Local”, avviato dal GBC statunitense nel tentativo di accelerare lo sviluppo sostenibile in tutto il mondo. Con due obiettivi strategici: da una parte abbattere le eventuali barriere di mercato presenti delle diverse aree per la completa applicazione del protocollo; dall’altra dimostrare come LEED sia uno strumento efficace per l’interpretazione e l’applicabilità delle direttive europee nei diversi Paesi. Si tratta di una strategia per contestualizzare il sistema LEED in mercati diversi, tra i quali quello europeo, che ha un ruolo cruciale per il numero dei progetti e di operatori che utilizzano LEED. “Concretamente”, continua Guglielmino, “il LEED International Roundtable (che comprende rappresentanti di 34 Paesi diversi, tra cui l’Italia), ha definito una serie di Percorsi di Conformità Alternativi (cosiddetti ACP, Alternative Compliance Paths) per conseguire i requisiti di sostenibilità che LEED pone, attraverso standard diversi da quelli convenzionalmente utilizzati negli Stati Uniti, dove LEED è nato”. Strade diverse per arrivare allo stesso obiettivo, delineate sfruttando le esperienze maturate dagli utenti internazionali e coinvolgendo in Europa diversi Paesi: Germania, Francia, Turchia, Spagna, Svezia, Italia, Romania, Finlandia, Norvegia e Polonia.

“Gli ACP forniscono opzioni o approcci aggiuntivi ai crediti LEED che soddisfano le esigenze specifiche dei progetti e i relativi sviluppi scientifici e tecnologici. “L’Europa è stata scelta come punto di partenza essendo in forte espansione l’adozione del sistema LEED a livello continentale e in particolare per il sistema LEED EBOM”, continua Guglielmino.

E mentre LEED diventa in Europa un anello di congiunzione tra gli obiettivi comunitari nell’ambito dell’edilizia ad alta efficienza e i sistemi di certificazione per la sostenibilità, USGBC continua a lavorare per garantire la flessibilità del protocollo anche in altri mercati, sempre attraverso lo sviluppo di ACP. In Cina ad aprile lo staff di USGBC ha incontrato esperti tecnici locali per cominciare ad esplorare il processo di sviluppo di Percorsi di conformità alternativi per l’Asia, e lo stesso si farà poi in Sud America, dove il protocollo rappresenta anche una via di sviluppo economico. “LEED – conclude Guglielmino – è stato uno degli strumenti che ha permesso al Brasile di vincere la candidatura per i Mondiali di Calcio 2016. Ivillaggi olimpici saranno certificati LEED”.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende