Home » Idee »Internazionali »Politiche »Progetti » Global Forest Watch: una “nuvola” di dati per proteggere le foreste:

Global Forest Watch: una “nuvola” di dati per proteggere le foreste

maggio 13, 2013 Idee, Internazionali, Politiche, Progetti

Sarà la “nuvola” a salvare le foreste del pianeta? Pare di sì, o almeno sarà di grande aiuto. L’ultima frontiera nella lotta alla deforestazione passa infatti per le nuove tecnologie di raccolta ed elaborazione dei dati – il cloud computing –  che, unite a sistemi satellitari all’avanguardia, saranno in grado di fornire un monitoraggio costante e quasi in tempo reale sullo stato di tutte le foreste della Terra.
Il Global Forest Watch,  messo a punto dal World Resources Institute e presentato in anteprima a Istanbul durante l’ultimo Forum delle Nazioni Unite, sarà in sostanza una piattaforma interattiva, che combinerà dati satellitari, informazioni ufficiali dei vari enti e organi forestali e indicazioni inviate dagli stessi utenti, per offrire un quadro sempre aggiornato sulla perdita di aree forestali, consultabile da chiunque e in qualunque momento.

La trasparenza e soprattutto la tempestività che si vogliono ottenere sono cruciali: “Oggi è possibile tracciare quotidianamente le informazioni finanziarie di un’azienda, ma i dati sulle foreste sono spesso indietro di anni – scrive il World Resources Institute – Nel tempo che occorre perché le immagini di un satellite siano rese disponibili, analizzate e diffuse, nuove aree verdi saranno già state distrutte. I taglialegna abusivi avranno cambiato zona, il bestiame starà già pascolando in mezzo ai tronchi tagliati e nuove coltivazioni di palma da olio saranno già state impiantate. Noi semplicemente lo avremo scoperto troppo tardi”.

I dati ufficiali più recenti sulla deforestazione globale sono quelli diffusi dalla FAO e relativi al decennio 2000-2010 . Si parla di 13 milioni di ettari all’anno di area forestale convertita ad altro uso o persa per cause naturali, con una perdita netta nell’arco dell’intero decennio di 5,2 milioni di ettari: una superficie pari a quella del Costarica, ma comunque minore di quella distrutta nel corso degli anni ’90 (8,3 milioni di ettari). Il tasso di deforestazione sta dunque rallentando, grazie soprattutto a politiche concertate a livello locale e internazionale. E si potrà fare ancora di più, una volta che si avranno a disposizione dati aggiornati in tempo reale: “Il Global Forest Watch – ha dichiarato Wu Hongbo, vice-segretario generale dell’ONU – è un importante strumento che darà la possibilità a governi e comunità di prendere decisioni sulla gestione sostenibile delle aree forestali sulla base di informazioni affidabili e puntuali”.

Un esempio di efficacia dei sistemi di monitoraggio lo offre il Brasile, che già da qualche tempo sta investendo su nuove tecnologie di controllo e studio delle aree forestali e che, infatti, ha potuto annunciare una sensibile diminuzione del tasso di deforestazione dell’Amazzonia. “Tasso che si è ridotto dell’80% dal 2004 – ha spiegato Nigel Sizer del World Resources Institute – anche grazie al miglioramento della qualità e accessibilità delle informazioni, rese rapidamente disponibili a chi ha il potere di prendere decisioni concrete”. Così Imazon,  l’istituto brasiliano di ricerca no-profit che da oltre vent’anni studia la foresta amazzonica, ha messo a disposizione la sua esperienza sul campo diventando partner del progetto Global Forest Watch con le tecnologie del suo Amazon Alert System.
Tra i vari partner, insieme al Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite (Unep), c’è inoltre il Google Earth Engine, che si è adoperato per ottimizzare l’accesso alle informazioni tramite il cloud computing. Grazie ai software open source e all’internet veloce, poi, i dati raccolti dal satellite potranno essere processati a costi ridotti utilizzando server sparsi in ogni angolo del pianeta. Un bel vantaggio, se si considera che il problema maggiore nel monitoraggio delle foreste è stato finora quello dei costi: “I singolo paesi – ha ricordato Sizer – spendono milioni di dollari per reperire e analizzare i dati, quando potrebbero utilizzare quel denaro per interventi concreti”.

Ma è l’integrazione nel sistema di smartphone, crowd sourcing e social media a rendere davvero rivoluzionario il progetto. Utenti da ogni parte del mondo, giornalisti e attivisti potranno inviare segnalazioni e condividere fotografie georeferenziate delle distruzioni forestali in corso, e nello stesso tempo documentarsi su ciò che avviene dall’altra parte del pianeta attraverso mappe, numeri, immagini. Non è però solo il potenziale aiuto alla raccolta dati o lo scambio di informazioni a fare la forza delle reti sociali. Più importante ancora è il potere di coinvolgimento che i social media mettono in campo, la capacità di mobilitare la gente, di incoraggiare l’auto-organizzazione in gruppi e comunità per sostenere un’istanza. Insomma, di promuovere la partecipazione.Dal download di una mappa aggiornata della deforestazione globale alla stesura di una petizione per il proprio governo il passo diventa così più corto. E forse ci condurrà su una strada di azioni concrete per la salvaguardia dei nostri polmoni verdi.

Giorgia Marino

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende