Home » Idee »Internazionali »Politiche »Progetti » Global Forest Watch: una “nuvola” di dati per proteggere le foreste:

Global Forest Watch: una “nuvola” di dati per proteggere le foreste

maggio 13, 2013 Idee, Internazionali, Politiche, Progetti

Sarà la “nuvola” a salvare le foreste del pianeta? Pare di sì, o almeno sarà di grande aiuto. L’ultima frontiera nella lotta alla deforestazione passa infatti per le nuove tecnologie di raccolta ed elaborazione dei dati – il cloud computing –  che, unite a sistemi satellitari all’avanguardia, saranno in grado di fornire un monitoraggio costante e quasi in tempo reale sullo stato di tutte le foreste della Terra.
Il Global Forest Watch,  messo a punto dal World Resources Institute e presentato in anteprima a Istanbul durante l’ultimo Forum delle Nazioni Unite, sarà in sostanza una piattaforma interattiva, che combinerà dati satellitari, informazioni ufficiali dei vari enti e organi forestali e indicazioni inviate dagli stessi utenti, per offrire un quadro sempre aggiornato sulla perdita di aree forestali, consultabile da chiunque e in qualunque momento.

La trasparenza e soprattutto la tempestività che si vogliono ottenere sono cruciali: “Oggi è possibile tracciare quotidianamente le informazioni finanziarie di un’azienda, ma i dati sulle foreste sono spesso indietro di anni – scrive il World Resources Institute – Nel tempo che occorre perché le immagini di un satellite siano rese disponibili, analizzate e diffuse, nuove aree verdi saranno già state distrutte. I taglialegna abusivi avranno cambiato zona, il bestiame starà già pascolando in mezzo ai tronchi tagliati e nuove coltivazioni di palma da olio saranno già state impiantate. Noi semplicemente lo avremo scoperto troppo tardi”.

I dati ufficiali più recenti sulla deforestazione globale sono quelli diffusi dalla FAO e relativi al decennio 2000-2010 . Si parla di 13 milioni di ettari all’anno di area forestale convertita ad altro uso o persa per cause naturali, con una perdita netta nell’arco dell’intero decennio di 5,2 milioni di ettari: una superficie pari a quella del Costarica, ma comunque minore di quella distrutta nel corso degli anni ’90 (8,3 milioni di ettari). Il tasso di deforestazione sta dunque rallentando, grazie soprattutto a politiche concertate a livello locale e internazionale. E si potrà fare ancora di più, una volta che si avranno a disposizione dati aggiornati in tempo reale: “Il Global Forest Watch – ha dichiarato Wu Hongbo, vice-segretario generale dell’ONU – è un importante strumento che darà la possibilità a governi e comunità di prendere decisioni sulla gestione sostenibile delle aree forestali sulla base di informazioni affidabili e puntuali”.

Un esempio di efficacia dei sistemi di monitoraggio lo offre il Brasile, che già da qualche tempo sta investendo su nuove tecnologie di controllo e studio delle aree forestali e che, infatti, ha potuto annunciare una sensibile diminuzione del tasso di deforestazione dell’Amazzonia. “Tasso che si è ridotto dell’80% dal 2004 – ha spiegato Nigel Sizer del World Resources Institute – anche grazie al miglioramento della qualità e accessibilità delle informazioni, rese rapidamente disponibili a chi ha il potere di prendere decisioni concrete”. Così Imazon,  l’istituto brasiliano di ricerca no-profit che da oltre vent’anni studia la foresta amazzonica, ha messo a disposizione la sua esperienza sul campo diventando partner del progetto Global Forest Watch con le tecnologie del suo Amazon Alert System.
Tra i vari partner, insieme al Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite (Unep), c’è inoltre il Google Earth Engine, che si è adoperato per ottimizzare l’accesso alle informazioni tramite il cloud computing. Grazie ai software open source e all’internet veloce, poi, i dati raccolti dal satellite potranno essere processati a costi ridotti utilizzando server sparsi in ogni angolo del pianeta. Un bel vantaggio, se si considera che il problema maggiore nel monitoraggio delle foreste è stato finora quello dei costi: “I singolo paesi – ha ricordato Sizer – spendono milioni di dollari per reperire e analizzare i dati, quando potrebbero utilizzare quel denaro per interventi concreti”.

Ma è l’integrazione nel sistema di smartphone, crowd sourcing e social media a rendere davvero rivoluzionario il progetto. Utenti da ogni parte del mondo, giornalisti e attivisti potranno inviare segnalazioni e condividere fotografie georeferenziate delle distruzioni forestali in corso, e nello stesso tempo documentarsi su ciò che avviene dall’altra parte del pianeta attraverso mappe, numeri, immagini. Non è però solo il potenziale aiuto alla raccolta dati o lo scambio di informazioni a fare la forza delle reti sociali. Più importante ancora è il potere di coinvolgimento che i social media mettono in campo, la capacità di mobilitare la gente, di incoraggiare l’auto-organizzazione in gruppi e comunità per sostenere un’istanza. Insomma, di promuovere la partecipazione.Dal download di una mappa aggiornata della deforestazione globale alla stesura di una petizione per il proprio governo il passo diventa così più corto. E forse ci condurrà su una strada di azioni concrete per la salvaguardia dei nostri polmoni verdi.

Giorgia Marino

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende