Home » Aziende »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Green building “mediterraneo”: il prototipo di un podere toscano ecosostenibile:

Green building “mediterraneo”: il prototipo di un podere toscano ecosostenibile

Il nostro compito è oggi più che mai quello di ristrutturare l’esistente, e di cercare di farlo con grande intelligenza”. Così il professor Marco Sala, direttore del Centro Abita  - Centro Interuniversitario concepito per promuovere lo scambio di informazioni, metodi e programmi per sviluppare attività di ricerca e insegnamento sui temi della sostenibilità, del risparmio energetico e dell’integrazione delle energie rinnovabili in architettura e nelle tecnologie ambientali- e responsabile scientifico della ricerca Abitare mediterraneo, introduce il nuovo progetto, di prossima inaugurazione.

Sarà presentato il 10 agosto alla XXIVesima edizione di Festambiente, il festival nazionale di Legambiente, il prototipo di un podere tipico toscano ristrutturato secondo i criteri dell’architettura ecosostenibile. “Questo prototipo, continua il professore, della grandezza di una dozzina di metri per nove circa, è stato elaborato all’interno della ricerca “Abitare mediterraneo”, un progetto finanziato dalla Regione Toscana e coordinato dall’ Università di Firenze e dalla Scuola sant’Anna di Pisa, a cui hanno partecipato, dal 2009 fino ad oggi, anche istituti di ricerca e numerose aziende specializzate nell’edilizia sostenibile e di qualità. L’obiettivo della ricerca è quello di dimostrare come sia possibile costruire in modo sostenibile all’interno del contesto climatico, ambientale e culturale toscano e mediterraneo”.

Questo modello di casa ecosostenibile, totalmente autosufficiente dal punto di vista energetico, simula la ristrutturazione di un podere toscano tradizionale con una struttura di due piani per un totale di 70 metri quadri ed è stato realizzato cercando un’importante fusione di tecnologia tradizionale e innovativa. “E’ importante cercare di adeguare le tecniche e le metodologie di costruzione alle caratteristiche tipiche del bacino Mediterraneo, cercando di lavorare su due fronti: a livello energetico, riducendo i consumi e le spese, garantendo comunque un clima ottimale, e rafforzando la struttura soprattutto aumentando la resistenza sismica degli edifici”.

Così il piccolo podere in miniatura è realizzato con una particolare attenzione alle energie (pannelli fotovoltaici, solari termici), e utilizza il legno come materiale di base per un abitare sostenibile (pareti coibentate, pavimento radiante) che si adatta al clima mediterraneo, facendo un utilizzo di questo materiale diverso da quello ormai affermato nel Trentino o nel Nord Europa – per ovvie differenze climatiche. La struttura in legno è stata qui aggiunta alla tradizionale struttura in muratura ed è proprio in questo esempio di ristrutturazione  “mista” che sta la peculiarità del progetto.

All’interno del modellino elettrodomestici di nuova tecnologia e una mostra sugli stili di vita sostenibili e le tecnologie più avanzate; e intorno, invece, una mostra espositiva con i prototipi, le installazioni, le tecnologie, le ricerche e i progetti più innovativi nell’ambito energetico e sulla sostenibilità ambientale.

Il prototipo sarà visitabile durante la festa fino al 19 agosto e sarà utilizzato da Legambiente durante le fiere e manifestazioni di sensibilizzazione che organizzerà sul territorio. Ma soprattutto questa sperimentazione sarà oggetto di monitoraggio, misurazioni, calcoli e valutazioni da parte delle università coinvolte, con il fine di verificare scientificamente come i materiali e le tecnologie utilizzate reagiscono al clima mediterraneo, per affinare il progetto e arrivare dal prototipo a una vera e propria proposta applicabile nel contesto dell’edilizia sostenibile con una filiera di riferimento e caratteristiche definite”.

Ma come reagisce il territorio? “La Provincia di Lucca si è dimostrata molto sensibile a questi temi. Due settimane fa è stato inaugurato un nuovo polo tecnologico e uno degli edifici del complesso è stato interamente progettato da noi secondo i criteri e i risultati dei nostri studi”. Sempre a Lucca sono state ristrutturate alcune scuole e nella progettazione si è fatta particolare attenzione al risparmio energetico, ma anche alla messa in sicurezza degli edifici. Oggi la ricerca sostenuta dalla Regione Toscana è terminata, ma è stata fondata un’associazione che darà seguito autonomamente a progetti di ricerca, di formazione e sperimentazione sul contesto mediterraneo.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende