Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Green jobs: è sufficiente una ridefinizione delle competenze esistenti?:

Green jobs: è sufficiente una ridefinizione delle competenze esistenti?

gennaio 13, 2011 Internazionali, Politiche, Progetti

Green jobs, Courtesy of ilo.orgSe la parola d’ordine per superare la crisi economica mondiale è “green”, allora anche nell’ambito delle competenze dei lavoratori si dovrà incentivare una loro ridefinizione in chiave ecologica.

Il Cedefop, Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale, in collaborazione con l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), ha esaminato dunque, in uno studio dal titolo Skills for green jobs: European Synthesis Report (inserito in una ricerca più ampia, Skills for green jobs: global synthesis report), le competenze necessarie per sviluppare un’economia a bassa emissione di carbonio in sei Stati membri dell’Unione Europea (Danimarca, Germania, Estonia, Spagna, Francia e Regno Unito). 

Dallo studio emerge che i confini tra i lavori a bassa emissione di carbonio e quelli che non lo sono stanno diventando sempre più sottili. Di conseguenza, per avere le competenze determinanti per il passaggio a un’economia a bassa emissione di carbonio è indispensabile migliorare le competenze attuali piuttosto che definire nuovi programmi di studio e di formazione che forniscano ”nuove” competenze ecologiche.

L’Europa, gli Stati Uniti, i nuovi colossi economici mondiali come la Cina e l’India nonché i Paesi dell’America Latina, hanno tutti consolidato l’idea che una delle azioni fondamentali per superare la crisi economica mondiale sia l’attuazione della green economy. L’obiettivo non è solo quello di ridurre le emissioni di carbonio o incentivare l’utilizzo di energie alternative e rinnovabili, ma, dal punto di vista strettamente economico, è la creazione di nuovi posti di lavoro e la riduzione della disoccupazione. Per cogliere le opportunità economiche offerte da questo tipo di economia, la forza lavoro deve disporre però delle giuste competenze.

L’obiettivo dello studio del Cedefop è quindi di fornire delle linee guida, in ambito UE,  riguardanti un mercato del lavoro sempre più “verde”.  Stando a quanto emerge dalla ricerca molte delle competenze necessarie per i lavori “green” si possono trovare nelle occupazioni esistenti. Ovvero, per lo sviluppo della green economy, una combinazione equilibrata di competenze generiche (per esempio, autonomia e comunicazione), competenze ecologiche di base (come la capacità di gestire riduzione dei rifiuti e miglioramento dell’efficienza energetica e delle risorse) e l’aggiornamento delle competenze professionali esistenti sarebbe molto più importante rispetto alla disponibilità di competenze ecologiche più specifiche.

In sostanza, proprio come nel caso delle competenze in materia di tecnologie dell’informazione, che sono diventate essenziali per molti aspetti della vita lavorativa, secondo il Cedefop, anche le competenze ecologiche diventeranno altrettanto importanti, ma “naturali”, per quasi tutti i lavori.

Se ne deduce che alla crescente domanda di lavori “green” si possa sopperire con semplici corsi di aggiornamento professionale, necessari per consentire ai lavoratori un upgrade verso occupazioni “più ecologiche”.

In realtà, lo studio del Cedefop mette anche in evidenza alcune lacune, presenti nei sei Paesi campione, che possono essere ricondotte a tutti gli stati membri dell’Unione. Ad esempio, le carenze di competenze gestionali, tecniche e professionali – molte delle quali legate a discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche – secondo la ricerca, dovrebbero preoccupare di più della mancanza di nuove competenze ecologiche. In Europa, scienza, tecnologia, ingegneria e matematica sono infatti materie sempre meno popolari nell’ambito dell’istruzione secondaria e terziaria.

In ordine alle necessità del mercato del lavoro e alle competenze lavorative esistenti nei settori tradizionali, i Paesi europei dovrebbero sviluppare una strategia che integri lo sviluppo sostenibile e le questioni ambientali nelle qualifiche esistenti, senza dover ricorrere a nuovi standard formativi. Tale strategia dovrebbe partire dal superamento delle lacune esistenti. Una prima azione sarebbe dunque quella di incentivare lo studio delle materie scientifiche, in quanto forniscono la base di competenze nel campo della riduzione delle emissioni di carbonio. In secondo luogo, l’aggiornamento delle competenze dovrebbe essere accessibile e proficuo. In terzo luogo, andrebbero migliorate le competenze generiche, quelle richieste in quasi tutte le occupazioni, di tutta la forza lavoro. Infine, dovrebbe essere rivolta maggiore attenzione alla formazione dei formatori. Basterà?

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende