Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Green jobs: è sufficiente una ridefinizione delle competenze esistenti?:

Green jobs: è sufficiente una ridefinizione delle competenze esistenti?

gennaio 13, 2011 Internazionali, Politiche, Progetti

Green jobs, Courtesy of ilo.orgSe la parola d’ordine per superare la crisi economica mondiale è “green”, allora anche nell’ambito delle competenze dei lavoratori si dovrà incentivare una loro ridefinizione in chiave ecologica.

Il Cedefop, Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale, in collaborazione con l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), ha esaminato dunque, in uno studio dal titolo Skills for green jobs: European Synthesis Report (inserito in una ricerca più ampia, Skills for green jobs: global synthesis report), le competenze necessarie per sviluppare un’economia a bassa emissione di carbonio in sei Stati membri dell’Unione Europea (Danimarca, Germania, Estonia, Spagna, Francia e Regno Unito). 

Dallo studio emerge che i confini tra i lavori a bassa emissione di carbonio e quelli che non lo sono stanno diventando sempre più sottili. Di conseguenza, per avere le competenze determinanti per il passaggio a un’economia a bassa emissione di carbonio è indispensabile migliorare le competenze attuali piuttosto che definire nuovi programmi di studio e di formazione che forniscano ”nuove” competenze ecologiche.

L’Europa, gli Stati Uniti, i nuovi colossi economici mondiali come la Cina e l’India nonché i Paesi dell’America Latina, hanno tutti consolidato l’idea che una delle azioni fondamentali per superare la crisi economica mondiale sia l’attuazione della green economy. L’obiettivo non è solo quello di ridurre le emissioni di carbonio o incentivare l’utilizzo di energie alternative e rinnovabili, ma, dal punto di vista strettamente economico, è la creazione di nuovi posti di lavoro e la riduzione della disoccupazione. Per cogliere le opportunità economiche offerte da questo tipo di economia, la forza lavoro deve disporre però delle giuste competenze.

L’obiettivo dello studio del Cedefop è quindi di fornire delle linee guida, in ambito UE,  riguardanti un mercato del lavoro sempre più “verde”.  Stando a quanto emerge dalla ricerca molte delle competenze necessarie per i lavori “green” si possono trovare nelle occupazioni esistenti. Ovvero, per lo sviluppo della green economy, una combinazione equilibrata di competenze generiche (per esempio, autonomia e comunicazione), competenze ecologiche di base (come la capacità di gestire riduzione dei rifiuti e miglioramento dell’efficienza energetica e delle risorse) e l’aggiornamento delle competenze professionali esistenti sarebbe molto più importante rispetto alla disponibilità di competenze ecologiche più specifiche.

In sostanza, proprio come nel caso delle competenze in materia di tecnologie dell’informazione, che sono diventate essenziali per molti aspetti della vita lavorativa, secondo il Cedefop, anche le competenze ecologiche diventeranno altrettanto importanti, ma “naturali”, per quasi tutti i lavori.

Se ne deduce che alla crescente domanda di lavori “green” si possa sopperire con semplici corsi di aggiornamento professionale, necessari per consentire ai lavoratori un upgrade verso occupazioni “più ecologiche”.

In realtà, lo studio del Cedefop mette anche in evidenza alcune lacune, presenti nei sei Paesi campione, che possono essere ricondotte a tutti gli stati membri dell’Unione. Ad esempio, le carenze di competenze gestionali, tecniche e professionali – molte delle quali legate a discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche – secondo la ricerca, dovrebbero preoccupare di più della mancanza di nuove competenze ecologiche. In Europa, scienza, tecnologia, ingegneria e matematica sono infatti materie sempre meno popolari nell’ambito dell’istruzione secondaria e terziaria.

In ordine alle necessità del mercato del lavoro e alle competenze lavorative esistenti nei settori tradizionali, i Paesi europei dovrebbero sviluppare una strategia che integri lo sviluppo sostenibile e le questioni ambientali nelle qualifiche esistenti, senza dover ricorrere a nuovi standard formativi. Tale strategia dovrebbe partire dal superamento delle lacune esistenti. Una prima azione sarebbe dunque quella di incentivare lo studio delle materie scientifiche, in quanto forniscono la base di competenze nel campo della riduzione delle emissioni di carbonio. In secondo luogo, l’aggiornamento delle competenze dovrebbe essere accessibile e proficuo. In terzo luogo, andrebbero migliorate le competenze generiche, quelle richieste in quasi tutte le occupazioni, di tutta la forza lavoro. Infine, dovrebbe essere rivolta maggiore attenzione alla formazione dei formatori. Basterà?

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende