Home » Pratiche »Progetti » Habitami: 20 riqualificazioni energetiche a costo zero per i condomini milanesi:

Habitami: 20 riqualificazioni energetiche a costo zero per i condomini milanesi

aprile 13, 2015 Pratiche, Progetti

E’ stato presentato nei giorni scorsi il bando “Condomìni 20.0” promosso da HabitaMI, campagna pubblica di riqualificazione energetica dei condomini di Milano, che vede tra i partner il Comune di Milano, la Regione Lombardia, Arpa Lombardia, Sacert, Assimpredil Ance, GBC Italia, Legambiente, Agenzia CasaClima, WWF Lombardia, ICMQ e Itas Assicurazioni. Un’iniziativa definita “best idea” dall’ex Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio.

Dopo un anno in-the-making, la campagna Habitami ha fatto il primo passo per aiutare i condomini milanesi a ridurre il proprio impatto ambientale. Il bando Condomini 20.0 è rivolto a tutti i milanesi. 20 è il numero magico, protagonista di questa equazione: le direttive europee impongono all’Italia di raggiungere il 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili entro il 2020 e il risparmio del 20% di energia consumata. Per ottenere questo risultato Habitami riqualificherà gratuitamente i primi 20 condomini che aderiranno e che abbiano i requisiti richiesti.

Zero costi, una strategia vincente per attirare l’attenzione su questo progetto e facilitare, almeno all’inizio, il rapporto tra domanda e offerta. La parola gratis genera sempre, però, molta attrattiva ma anche una certa ritrosia e incredulità. Com’è possibile apportare migliorie senza spendere un quattrino? La risposta è nelle modalità di azione delle Esco (Energy Service Company), società che si fanno carico degli interventi assumendosene rischi e logistica. I concreti risparmi economici ottenuti e certificati attraverso Titoli di Efficienza Energetica (TEE) sono poi condivisi tra il cliente finale e le società Esco secondo le varie tipologie contrattuali.

Un investimento a lungo termine di sostenibilità ambientale con una forte componente educativa. La promozione di una cultura del risparmio energetico è parte integrante di questa iniziativa che richiede la partecipazione attiva dei condomini. Proprio la volontà di instaurare un rapporto proficuo per entrambe le parti sarà alla base dei criteri con cui i condomìni saranno scelti. Il messaggio di Habitami è che la riqualificazione energetica è risparmio ed ecologia ma anche comfort e bellezza e la valorizzazione di un bene comune, il condominio.

I veri protagonisti del vivere sostenibile sono i milanesi: “Battiamo la strada, andiamo direttamente dai condomini e per arrivare alla ‘Signora Maria’, bisogna comunicare nelle parrocchie, al mercato rionale, nelle scuole”, dice Giovanni Pivetta, responsabile del progetto Habitami che punta tutto sulla divulgazione ai cittadini. Inoltre “gli interventi non mirano solo a migliorare l’efficienza energetica ma anche lo stesso vivere in condivisione”, aggiunge Francesco Brega di Legambiente. La riqualificazione energetica interviene sull’impianto energetico di un edificio, apporta migliorie all’involucro edilizio e promuove l’uso di fonti di energia rinnovabile per minimizzare gli sprechi e far diminuire le bollette.

Una volta stimolato l’interesse e trovato un accordo d’intenti, si passa alla pratica. Habitami agisce da facilitatore tra fruitori e fornitori del servizio e si avvale delle Esco aderenti a Habitat Network. L’iter è semplice: compilato il bando, disponibile online al sito www.habitami.it, gli auditor valutano i consumi energetici, i progettisti stabiliscono le azioni di riqualificazione più adatte, le Esco si occupano di trovare i fondi necessari per il progetto e la manutenzione futura. Ogni edificio è un caso a sé e deve essere valutato individualmente, “l’efficienza energetica è un vestito che s’indossa, ognuno ha quello più appropriato alle sue caratteristiche” dice Guido Ghirardi, amministratore delegato della società Evolve, partner di Habitami Network.

Dopo la conferenza stampa di presentazione e l’incontro al Teatro Parenti, in occasione del Fuori Salone, la campagna di Habitami si farà itinerante per le vie del centro di Milano. A bordo di un tram storico, intrattenimento e informazione si uniranno per fare informazione con leggerezza e sponsorizzare questa virtuosa iniziativa.

Valeria Senigaglia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende