Home » Idee »Progetti » Healing garden e ortoterapia: il medico cura, la natura guarisce:

Healing garden e ortoterapia: il medico cura, la natura guarisce

maggio 22, 2014 Idee, Progetti

Che la storia dell’umanità abbia inizio in un giardino non è certo un caso. Se poi quell’Eden originario corrisponde anche, nell’immaginario collettivo, a un archetipo di perfetto benessere psico-fisico, allora come non appropriarsi dell’esempio biblico quando si parla di healing gardens?

La professoressa Elena Accati, responsabile del master in Progettazione del paesaggio dell’Università di Torino, ama infatti cominciare così le sue lezioni su una pratica come quella dei giardini curativi che, nonostante abbia ricevuto un nome solo di recente, affonda le radici in un bisogno innato dell’uomo: la ricerca, cioè, di un rinnovato e terapeutico rapporto con la natura. “Vivere e invecchiare in città che sono diventate luoghi di solitudine spirituale porta a sviluppare una serie di disagi psico-fisici, stress, ansie e addirittura crisi di panico. – ha spiegato, durante l’intervento al forum “Nutrirsi di paesaggio” nell’ambito del Salone del Libro di Torino –  Un giardino, per quanto piccolo, può allora costituire un momento di pausa nel conteso urbano e un rimedio a tali malanni. Del resto sin dall’antico Egitto (e abbiamo un papiro a provarlo) i medici hanno sempre consigliato ai propri pazienti di passeggiare fra le piante di un giardino”.

Ma se i generici benefici del verde sono istintivamente riconosciuti un po’ da tutti, meno noto è lo specifico potere curativo di orti e giardini nell’ambito di molte patologie, sia fisiche che psichiche: dalle più comuni, come ansia, ipertensione, problemi motori o post-operatori, fino alla depressione o a sindromi gravi come l’ Alzheimer e l’autismo.

Non tutte le aiuole però fanno al caso: perché gli effetti siano tangibili, gli spazi verdi devono essere realizzati secondo precisi criteri. “Progettare un healing garden all’interno di una struttura sanitaria o un giardino terapeutico in altri contesti (parchi pubblici, scuole, strutture lavorative, carceri) significa tenere conto di una serie di caratteristiche che non riguardano solo l’estetica. – precisa Monica Botta, architetto fra i pochissimi in Italia ad occuparsi di questo ramo della paesaggistica – Si va dall’accessibilità, percorribilità e sicurezza degli spazi alla qualità della vegetazione, dalla ricerca di particolari stimoli sensoriali alla giusta alternanza di zone d’ombra e di luce, fino alla creazione di spazi meditativi. Si deve poi tenere conto dei target diversi a cui ci si rivolge: ci sono percorsi sensoriali per non vedenti, aree di fisioterapia o ginnastica dolce per gli anziani, giardini terapeutici per disabili. Con la Asl di Perugia, ad esempio, sto lavorando in questo periodo a un progetto rivolto a bambini autistici. Negli Stati Uniti, che in questo campo sono trent’anni avanti rispetto a noi, esistono addirittura giardini terapeutici per ex militari tornati da zone di guerra“.

Progetti così complessi nascono naturalmente dalla confluenza di discipline diverse, come architettura, botanica, medicina, fisioterapia, psicologia, pedagogia, e raccolgono influenze lontane nello spazio e nel tempo, dai giardini zen giapponesi ai chiostri medievali fino ai contemporanei orti urbani. Anche l’orticoltura, in veste di ortoterapia, può infatti trovare un suo peculiare spazio nella progettazione di un giardino terapeutico. «Il primo ad attestare gli effetti benefici di giardinaggio e coltivazione su pazienti psichiatrici – ha ricordato Elena Accati – fu Benjamin Rush, il padre della psichiatria americana, alla fine del XVIII secolo». Non è un caso che gli Stati Uniti e in generale il mondo anglosassone vantino una lunga tradizione di horticultural therapy e numerose società scientifiche e associazioni, come l’American Horticultural Therapy Association o la britannica Thrive, che si occupano della diffusione di questa pratica e dello studio di specifici percorsi formativi. “Cosa ancora lontana per l’Italia – fa notare Botta – dove la figura dell’ortoterapista non è riconosciuta, benché questa metodologia sia spesso utilizzata efficacemente da psichiatri, psicologi e fisioterapisti”.

Se è vero che ogni sforzo creativo e di apprendimento di attività pratiche può avere valore terapeutico, l’ortoterapia aggiunge però alla soddisfazione del “fai-da-te”, il contatto diretto con la natura e la possibilità, in molte situazioni preziosissima, di socializzare. Ne è un bell’esempio il parco realizzato dall’architetto Botta per la casa di riposo di Bellinzago Novarese, che in un percorso storico-sensoriale unisce i profumi e i colori delle piante aromatiche, la tradizione locale rappresentata da antichi attrezzi agricoli con i nomi in dialetto e uno spazio per l’orto aperto anche ad attività didattiche per i bambini o terapeutiche per gruppi di disabili provenienti da altri centri. “Lo scopo – spiega Botta – era di creare delle sinergie tra i fruitori del parco. Quando alcune classi hanno cominciato a utilizzare l’orto per l’educazione ambientale, ad esempio, gli anziani ospiti della residenza si sono incuriosisti e, autonomamente, hanno iniziato a frequentare il giardino, facendo amicizia con i bambini e dando consigli sulle attività”. L’orto, insomma, li ha attirati fuori dalla loro solitudine.

Affondare le mani nella terra, zappare, seminare, raccogliere, potare, riconoscere fiori e frutti, anche solo nutrirsi di odori e colori: fa riflettere che attività semplici, un tempo ascritte alla sfera quotidiana del lavoro, oggi facciano tanta fatica a tornare nella vita di tutti i giorni, magari ricomparendo solo in casi estremi, come avanguardie terapeutiche sponsorizzate da pochi esperti illuminati. Eppure, dovremmo ricordarcelo, lo diceva già Aristotele: “Il medico cura, la natura guarisce”.

Di questi temi si parlerà oggi e domani al 4° Workshop Nazionale IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), dedicato quest’anno al tema “Medicina ambientale e salute: verso la smart health”

#workshopimage2014

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende