Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Almax, per una vetrina più verde:

Almax, per una vetrina più verde

giugno 22, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Max Catanese, Courtesy of Ilaria Donatio“Il manichino di de Chirico più che un personaggio vero e proprio è un veicolo plastico. Ha qualcosa di solenne e di conturbante. L’involucro di un eroe antico o futuro non ancora identificato.”Le parole che un poeta italiano sceglie per definire gli enigmatici abitanti delle tele di Giorgio de Chirico, colgono bene la poetica e l’estetica del manichino, che Max Catanese, amministratore delegato trentatreenne diAlmax, ci racconta a modo suo. L’azienda, nata una quarantina di anni fa, è oggi leader a livello mondiale nella produzione di manichiniinteramente riciclabili: centocinquanta dipendenti e tre sedi, a Mariano Comense, a Toronto e a Parigi(oltre a una quarta, in apertura, a Shanghai), che riforniscono firme di fama internazionale, da BenettonCalzedoniaCoinDiesel, ma anche La PerlaLa RinascenteZara.

Una storia in mostra, per immagini, sul sito web dell’azienda, dove è possibile vedere le collezioni, scegliere i modelli (circa 800 modelli originali, per un totale di 1.500 volti “realistici, stilizzati e semi-astratti”, e diversi nei tratti etnici e fisici) e visitare persino lo showroom parigino. E dove viene spiegato il processo di produzione, al cento per cento italiano ed ecocompatibile, come testimoniano la certificazione “100% Made in Italy” e la “Iso 14001”, che garantisce la conformità agli standard internazionali di gestione ambientale delle organizzazioni. Dalla scultura vera e propria del modello (su cui lavorano cinque scultori) alla fase dello stampaggio, della verniciatura, fino alla cura dei dettagli per mano di un’équipe di truccatori e parrucchieri che seguono le tendenze e i gusti dei diversi clienti, tutto è fatto “in casa”.

“Il 90 per cento di tutti i manichini prodotti al mondo sono di provenienza asiatica”, spiega Max, “questo vuol dire che sono in fibradivetro,materiale non riciclabile che andrebbe trattato e dismesso in modo preciso”. Ma chi lo fa? “In pochi”, precisa. “Per questo dal 1° gennaio 2010 abbiamo lanciato la campagna Almax for a greener window, che offre ai clienti la possibilità di rottamare il loro usato,La campagna Almax“acquistando, a prezzo di listino, uno o più manichini delle serie adulte (uomo e donna) senza costi aggiuntivi, né per il ritiro del vecchio manichino, né per il suo trasporto, né per la consegna del nuovo in tutta Europa”. I manichini di Almax sono fatti di “polistirene antiurto”, materiale pulito in quantocompletamente riciclabile e duraturo, per l’elevato grado di infrangibilità. “Siamo gli unici poi”, prosegue Catanese, “a utilizzare vernici ad acqua”, a tutela dell’ambiente e della salute di chi lavora. Non solo. Dal 2008, Almax ha fatto un passo in più: la sede produttiva di Mariano Comense (che si estende su un’area di 15mila metri quadri, di cui 8mila coperti) utilizza “un sistema di pannelli fotovoltaici per l’auto-produzione di energia rinnovabile”.

Nella collezione donna, ci sono la conturbante Sharon, la nuova linea che interpreta “il lato sportivo e sensuale delle donne”, c’è la raffinata Sheila che propone una collezione per le giovani donne e Teen, quella dedicata alle adolescenti. Quanto alle proposte uomo, abbiamo l’imbarazzo della scelta: tra “David new”, la linea in pose più casual e disinvolte, David, che “valorizza il corretto mix tra uomo classico e moderno”, l’elegante Vip, e poi ancora Ross, per l’uomo “atletico e dinamico” e Alec, il giovane rasta, un po’ figlio dei fiori. Grazie a questa varietà artistica Catanese ha dato il via alla sponsorizzazione dei più importanti musei del mondo, come il MoMa di New York, il Mori Art Museum di Tokyo e il Musee des Arts Decoratifs di Parigi.

Almax, che è la somma  di Alfonso e Max, i nomi dei due fratelli Catanese, ha oggi un giro d’affari compreso tra i dieci e i quattordici milioni di euro: “La crisi ha rallentato molto le nostre attività, soprattutto con riguardo alle nuove aperture nei paesi esteri”, ma “non ci ha fermato, altrimenti”, dice il giovane amministratore delegato, “non staremmo qui a parlarne”. Altri progetti green per aumentare il vantaggio competitivo in futuro? “Sì, qualcosa bolle in pentola”, risponde tranquillamente (e misteriosamente) Max, “ma meglio non parlarne ora”. Certo, meglio lavorarci su e andare avanti.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende