Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Almax, per una vetrina più verde:

Almax, per una vetrina più verde

giugno 22, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Max Catanese, Courtesy of Ilaria Donatio“Il manichino di de Chirico più che un personaggio vero e proprio è un veicolo plastico. Ha qualcosa di solenne e di conturbante. L’involucro di un eroe antico o futuro non ancora identificato.”Le parole che un poeta italiano sceglie per definire gli enigmatici abitanti delle tele di Giorgio de Chirico, colgono bene la poetica e l’estetica del manichino, che Max Catanese, amministratore delegato trentatreenne diAlmax, ci racconta a modo suo. L’azienda, nata una quarantina di anni fa, è oggi leader a livello mondiale nella produzione di manichiniinteramente riciclabili: centocinquanta dipendenti e tre sedi, a Mariano Comense, a Toronto e a Parigi(oltre a una quarta, in apertura, a Shanghai), che riforniscono firme di fama internazionale, da BenettonCalzedoniaCoinDiesel, ma anche La PerlaLa RinascenteZara.

Una storia in mostra, per immagini, sul sito web dell’azienda, dove è possibile vedere le collezioni, scegliere i modelli (circa 800 modelli originali, per un totale di 1.500 volti “realistici, stilizzati e semi-astratti”, e diversi nei tratti etnici e fisici) e visitare persino lo showroom parigino. E dove viene spiegato il processo di produzione, al cento per cento italiano ed ecocompatibile, come testimoniano la certificazione “100% Made in Italy” e la “Iso 14001”, che garantisce la conformità agli standard internazionali di gestione ambientale delle organizzazioni. Dalla scultura vera e propria del modello (su cui lavorano cinque scultori) alla fase dello stampaggio, della verniciatura, fino alla cura dei dettagli per mano di un’équipe di truccatori e parrucchieri che seguono le tendenze e i gusti dei diversi clienti, tutto è fatto “in casa”.

“Il 90 per cento di tutti i manichini prodotti al mondo sono di provenienza asiatica”, spiega Max, “questo vuol dire che sono in fibradivetro,materiale non riciclabile che andrebbe trattato e dismesso in modo preciso”. Ma chi lo fa? “In pochi”, precisa. “Per questo dal 1° gennaio 2010 abbiamo lanciato la campagna Almax for a greener window, che offre ai clienti la possibilità di rottamare il loro usato,La campagna Almax“acquistando, a prezzo di listino, uno o più manichini delle serie adulte (uomo e donna) senza costi aggiuntivi, né per il ritiro del vecchio manichino, né per il suo trasporto, né per la consegna del nuovo in tutta Europa”. I manichini di Almax sono fatti di “polistirene antiurto”, materiale pulito in quantocompletamente riciclabile e duraturo, per l’elevato grado di infrangibilità. “Siamo gli unici poi”, prosegue Catanese, “a utilizzare vernici ad acqua”, a tutela dell’ambiente e della salute di chi lavora. Non solo. Dal 2008, Almax ha fatto un passo in più: la sede produttiva di Mariano Comense (che si estende su un’area di 15mila metri quadri, di cui 8mila coperti) utilizza “un sistema di pannelli fotovoltaici per l’auto-produzione di energia rinnovabile”.

Nella collezione donna, ci sono la conturbante Sharon, la nuova linea che interpreta “il lato sportivo e sensuale delle donne”, c’è la raffinata Sheila che propone una collezione per le giovani donne e Teen, quella dedicata alle adolescenti. Quanto alle proposte uomo, abbiamo l’imbarazzo della scelta: tra “David new”, la linea in pose più casual e disinvolte, David, che “valorizza il corretto mix tra uomo classico e moderno”, l’elegante Vip, e poi ancora Ross, per l’uomo “atletico e dinamico” e Alec, il giovane rasta, un po’ figlio dei fiori. Grazie a questa varietà artistica Catanese ha dato il via alla sponsorizzazione dei più importanti musei del mondo, come il MoMa di New York, il Mori Art Museum di Tokyo e il Musee des Arts Decoratifs di Parigi.

Almax, che è la somma  di Alfonso e Max, i nomi dei due fratelli Catanese, ha oggi un giro d’affari compreso tra i dieci e i quattordici milioni di euro: “La crisi ha rallentato molto le nostre attività, soprattutto con riguardo alle nuove aperture nei paesi esteri”, ma “non ci ha fermato, altrimenti”, dice il giovane amministratore delegato, “non staremmo qui a parlarne”. Altri progetti green per aumentare il vantaggio competitivo in futuro? “Sì, qualcosa bolle in pentola”, risponde tranquillamente (e misteriosamente) Max, “ma meglio non parlarne ora”. Certo, meglio lavorarci su e andare avanti.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende