Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Almax, per una vetrina più verde:

Almax, per una vetrina più verde

giugno 22, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Max Catanese, Courtesy of Ilaria Donatio“Il manichino di de Chirico più che un personaggio vero e proprio è un veicolo plastico. Ha qualcosa di solenne e di conturbante. L’involucro di un eroe antico o futuro non ancora identificato.”Le parole che un poeta italiano sceglie per definire gli enigmatici abitanti delle tele di Giorgio de Chirico, colgono bene la poetica e l’estetica del manichino, che Max Catanese, amministratore delegato trentatreenne diAlmax, ci racconta a modo suo. L’azienda, nata una quarantina di anni fa, è oggi leader a livello mondiale nella produzione di manichiniinteramente riciclabili: centocinquanta dipendenti e tre sedi, a Mariano Comense, a Toronto e a Parigi(oltre a una quarta, in apertura, a Shanghai), che riforniscono firme di fama internazionale, da BenettonCalzedoniaCoinDiesel, ma anche La PerlaLa RinascenteZara.

Una storia in mostra, per immagini, sul sito web dell’azienda, dove è possibile vedere le collezioni, scegliere i modelli (circa 800 modelli originali, per un totale di 1.500 volti “realistici, stilizzati e semi-astratti”, e diversi nei tratti etnici e fisici) e visitare persino lo showroom parigino. E dove viene spiegato il processo di produzione, al cento per cento italiano ed ecocompatibile, come testimoniano la certificazione “100% Made in Italy” e la “Iso 14001”, che garantisce la conformità agli standard internazionali di gestione ambientale delle organizzazioni. Dalla scultura vera e propria del modello (su cui lavorano cinque scultori) alla fase dello stampaggio, della verniciatura, fino alla cura dei dettagli per mano di un’équipe di truccatori e parrucchieri che seguono le tendenze e i gusti dei diversi clienti, tutto è fatto “in casa”.

“Il 90 per cento di tutti i manichini prodotti al mondo sono di provenienza asiatica”, spiega Max, “questo vuol dire che sono in fibradivetro,materiale non riciclabile che andrebbe trattato e dismesso in modo preciso”. Ma chi lo fa? “In pochi”, precisa. “Per questo dal 1° gennaio 2010 abbiamo lanciato la campagna Almax for a greener window, che offre ai clienti la possibilità di rottamare il loro usato,La campagna Almax“acquistando, a prezzo di listino, uno o più manichini delle serie adulte (uomo e donna) senza costi aggiuntivi, né per il ritiro del vecchio manichino, né per il suo trasporto, né per la consegna del nuovo in tutta Europa”. I manichini di Almax sono fatti di “polistirene antiurto”, materiale pulito in quantocompletamente riciclabile e duraturo, per l’elevato grado di infrangibilità. “Siamo gli unici poi”, prosegue Catanese, “a utilizzare vernici ad acqua”, a tutela dell’ambiente e della salute di chi lavora. Non solo. Dal 2008, Almax ha fatto un passo in più: la sede produttiva di Mariano Comense (che si estende su un’area di 15mila metri quadri, di cui 8mila coperti) utilizza “un sistema di pannelli fotovoltaici per l’auto-produzione di energia rinnovabile”.

Nella collezione donna, ci sono la conturbante Sharon, la nuova linea che interpreta “il lato sportivo e sensuale delle donne”, c’è la raffinata Sheila che propone una collezione per le giovani donne e Teen, quella dedicata alle adolescenti. Quanto alle proposte uomo, abbiamo l’imbarazzo della scelta: tra “David new”, la linea in pose più casual e disinvolte, David, che “valorizza il corretto mix tra uomo classico e moderno”, l’elegante Vip, e poi ancora Ross, per l’uomo “atletico e dinamico” e Alec, il giovane rasta, un po’ figlio dei fiori. Grazie a questa varietà artistica Catanese ha dato il via alla sponsorizzazione dei più importanti musei del mondo, come il MoMa di New York, il Mori Art Museum di Tokyo e il Musee des Arts Decoratifs di Parigi.

Almax, che è la somma  di Alfonso e Max, i nomi dei due fratelli Catanese, ha oggi un giro d’affari compreso tra i dieci e i quattordici milioni di euro: “La crisi ha rallentato molto le nostre attività, soprattutto con riguardo alle nuove aperture nei paesi esteri”, ma “non ci ha fermato, altrimenti”, dice il giovane amministratore delegato, “non staremmo qui a parlarne”. Altri progetti green per aumentare il vantaggio competitivo in futuro? “Sì, qualcosa bolle in pentola”, risponde tranquillamente (e misteriosamente) Max, “ma meglio non parlarne ora”. Certo, meglio lavorarci su e andare avanti.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende