Home » Progetti » I Moratti trovano il gas metano in Sardegna:

I Moratti trovano il gas metano in Sardegna

novembre 24, 2011 Progetti

Dove un tempo c’era il Regno d’Arborea, di quella Eleonora che da Giudicessa divenne mito, ora sorgerà un pozzo, firmato Saras. Nell’Oristanese, appunto, ad Arborea, partiranno le trivellazioni per accertare la presenza di metano, già individuato nel corso degli ultimi anni attraverso studi e ricerche. Un pozzo lungo 3.000 metri e profondo altri 2.800. Nell’area sud dello stagno di S’Ena Arrubia (a circa 5 chilometri dall’abitato) i dati elaborati e interpretati con le più sofisticate tecnologie hanno evidenziato la presenza di un potenziale accumulo di gas naturale nel sottosuolo che, se confermato, potrebbe soddisfare i bisogni locali per circa 25 anni – in attesa della crescita delle rinnovabili nel mix energetico.

Fonte energetica relativamente “pulita”, il metano, rispetto alle altre fonti fossili, garantisce una significativa riduzione delle emissioni in atmosfera, con residui di combustione, composti metallici e polveri, praticamente nulli. La combustione del metano produce infatti circa il 25-30% in meno di emissioni di CO2 rispetto alle fonti fossili in genere, fino ad un riduzione del 40-50% rispetto alla combustione del carbone. “Il metano appresenta una delle opzioni più importanti per raggiungere l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra secondo quanto previsto dagli obiettivi Europei al 2020 per ciascuno stato membro”, precisa Giulio Casula, project manager di Sargas, che racconta a Greenews.info, il futuro del nuovo progetto.

D) Come avete scoperto la presenza del gas naturale?

R) La valutazione delle condizioni per la presenza di gas naturale nel sottosuolo della Sardegna si è basata su due elementi: il miglioramento dei modelli interpretativi della struttura geologica (in particolare dei suoi bacini sedimentari) e la disponibilità di tecnologie esplorative innovative. Gli studi geologici hanno consentito di verificare la presenza di tutte le condizioni e i processi atti alla formazione, accumulo e conservazione di idrocarburi in alcune aree del sottosuolo sardo, in particolare sotto forma di gas metano. Il rilievo geofisico è stato eseguito con tecnologie non invasive (sismica a riflessione e geochimica dei suoli e delle acque), che consentono di riconoscere e ricostruire la conformazione delle strutture geologiche presenti nel sottosuolo ed evidenziare gli indicatori della presenza di idrocarburi gassosi.

D) Un vero business, questo metano, dopo la fine del nucleare. In Sardegna ora c’è anche il progetto di gasdotto Algeria – Sardegna – Toscana, proposto da Galsi s.p.a. Non c’è conflitto?

R) No, la presenza di una struttura di trasporto come il metanodotto Galsi, quando realizzato, rappresenta una naturale integrazione tra produttore e distributore. Si determinerebbe quindi una giusta e proficua sinergia tra le due iniziative.

D) In che tempi?

R) L’iter autorizzativo è in corso e si prevede che possa concludersi entro l’anno. E’ stata infatti richiesta all’Assessorato Industria della Regione Sardegna l’autorizzazione a realizzare un pozzo esplorativo mentre all’assessorato Ambiente è stato presentato il relativo studio ambientale. I tempi previsti per la realizzazione del pozzo variano da quattro a sei mesi una volta completato l’iter autorizzativo. L’avvio dei lavori avverrà nel corso del secondo o terzo trimestre 2012.

D) E se il pozzo non dovesse garantire i risultati sperati?

R) Nel caso di pozzo sterile verrà rilasciata l’intera postazione completamente ripristinata.

D) Le associazioni ecologiste hanno presentato alcune “osservazioni” per il gasdotto di Galsi, anche per il vostro progetto si prevedono obiezioni?

R) La ricerca verrà realizzata con l’adozione di tutte le misure volte all’eliminazione di ogni tipo di impatto nel territorio, con particolare cura alla protezione delle acque sotterranee e di quelle superficiali, il controllo e la riduzione delle emissioni in atmosfera e la raccolta e smaltimento dei rifiuti prodotti.

Redazione Greenews.info

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende