Home » Progetti » I suoni del mare a portata di click:

I suoni del mare a portata di click

ottobre 13, 2010 Progetti

Lido, Courtesy of listentothedeep.netUn click per ascoltare i suoni delle profondità marine. Attraverso un nuovo programma web, Listening to the deep ocean environment (Lido), si può essere catapultati negli abissi più profondi dei mari senza bisogno di muoversi dalla propria scrivania. Il progetto, promosso da Michel André dell’Universitat Politecnica de Catalunya a Barcellona, fa parte dell’European sea floor observatory network (Esonet), il cui scopo primario è stato quello di creare, dopo lo Tsunami del 2004, una rete di strumenti diversi, interfacciati in un data base unico, per prevenire fenomeni sismici catastrofici.

Il funzionamento del Lido è semplice: attraverso l’utilizzo di 10 idrofoni, sparsi nelle acque europee ed uno in Canada, il sistema invia flussi di dati audio ad un server da cui i segnali vengono analizzati e poi pubblicati direttamente su internet . «È la prima volta che siamo stati in grado di monitorare eventi acustici su larga scala temporale e spaziale – ha spiegato André – questi osservatori erano già cablati alla riva per il monitoraggio dei dati di geofisici e astrofisici, così abbiamo sfruttato l’esistente rete per installare centri raccolta dati acustici in tempo reale».

L’ambiente marino infatti è ricco di rumori prodotti da agenti naturali, da creature viventi e, in misura sempre maggiore, dall’uomo: il software sviluppato dai ricercatori permette quindi di filtrare le diverse frequenze dei segnali acustici e identificare alcuni suoni specifici, come ad esempio il rumore prodotto dai trasporti marittimi o dai parchi eolici. Attraverso  i dati raccolti dal Lido, si cercherà in primo luogo di capire l’estensione e l’impatto dei suoni antropogenici sull’ecosistema marino. Nello studio del mare, il suono è uno dei più potenti mezzi di informazione, basti pensare alle mappature dei fondali effettuate attraverso i sonar. Il Lido permetterà di raccogliere quindi anche informazioni sulla dinamica delle comunità viventi nelle profondità oceaniche, sui movimenti degli animali marini, in particolare di cetacei come balene e delfini, in relazione anche alla disponibilità di cibo; e poi ancora sull’influenza delle perturbazioni ambientali sulle specie viventi, e sulle interazioni a lungo termine tra i suoni naturali e quelli prodotti dall’uomo sulla vita del mare.

Il progetto, oltre alle finalità scientifiche, ha anche interesse per un pubblico più vasto. Tra i suoni isolati dai ricercatori ci sono anche i canti di 26 specie di balene e delfini: gli amanti del mondo sottomarino possono, attraverso il sito, accedere ad una mappa in 3D dalla quale si possono scegliere i diversi osservatori disponibili, “immergendosi” per esempio nelle vicinanze del mare Ligure, o nelle acque ai confini del Mediterraneo, in Spagna, passando per il mare norvegese o dalle Azzorre.

«Questo programma rientra in un trend molto attuale e con sviluppi molto promettenti basato sull’idea di studiare l’ ambiente senza essere invasivi sull’ambiente stesso – ha spiegato Fabrizio Borsani, esperto di bioacustica all’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) – L’uso di strumentazioni particolarmente sensibili permette di registrare i ‘suoni del mare’ creando così un’ipotesi di una rete di controllo sia per i cetacei sia per il ‘traffico umano’ di navi lecite e illecite».

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende