Home » Eventi »Progetti » IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale:

IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale

gennaio 31, 2011 Eventi, Progetti

Oscar Farinetti alla presentazione del Master IEDIl Cedefop, Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale, ha recentemente esaminato, nello studio Skills for green jobs: European Synthesis Report, le competenze necessarie per sviluppare un’economia a bassa emissione di carbonio in sei Stati membri dell’Unione Europea (Danimarca, Germania, Estonia, Spagna, Francia e Regno Unito).  La conclusione è che la green economy non richieda competenze specifiche, ma sia sufficiente una ridefinizione di quelle tradizionali.

Questa conclusione è condivisibile? Vale anche per l’Italia? E soprattutto vale per tutti i settori professionali? 

Sul fronte della comunicazione lo IED, l’Istituto Europeo di Design, ha cercato di dare una risposta in occasione della presentazione del nuovo master professionale in Comunicazione per la Sostenibilità, tenutasi da Eataly, a Torino, il 20 gennaio scorso. Ospiti l’imprenditore e padrone di casa Oscar Farinetti, il metereologo Luca Mercalli, Marco Moro, direttore editoriale di Edizioni Ambiente, Roberto Cavallo, presidente di AICA, Associazione Internazionale di Comunicazione Ambientale e Erik Balzaretti, coordinatore del master IED.  

Se si condivide il punto di convergenza di tutti i relatori, ovvero che il ruolo della sostenibilità ambientale sarà sempre più determinante nei rapporti tra le imprese e i consumatori, ma soprattutto tra l’uomo, l’ambiente e la società, questa previsione richiede non soltanto nuove strategie, linguaggi e modelli di creatività, ma anche professionisti della comunicazione in grado di farsi portavoce di tale cambiamento.

Che ridurre l’impatto ambientale attraverso il risparmio energetico, la progettazione sistemica e il riciclo dei rifiuti sia un’opportunità e non un costo per le aziende è infatti, innanzitutto, un problema di comunicazione. Nè è ben consapevole Farinetti, che ha accompagnato ogni scelta strategica di Eataly (recupero di sedi industriali dismesse, ottimizzazione del packaging ecc.) con un’attenta comunicazione, intesa come dialogo trasparente con il consumatore e non mera pubblicità autocelebrativa. Tanto che il suo invito è a impegnarsi per creare un nuovo abito mentale, che rifugga il crepaccio della black-mind, da cui la nostra società non si è ancora allontanata abbastanza. “Dobbiamo lavorare sulla sostenibilità delle relazioni umani, sulla sostenibilità della politica, sulla sostenibilità del linguaggio”, dice l’imprenditore, “perché ho l’impressione che stiamo lavorando molto sulla pulizia del fuori e poi ci ritroviamo con le menti inquinate da un nuovo estremismo, che è quello delle menti che non cambiano idea. Noi di Eataly siamo per la sostenibilità della mente, per la green-mind, per una mente verde, non inquinata, a partire proprio dalle relazioni umane”.  

Ma green-minded lo si è o si può imparare a diventarlo? Un conto sono la flessibilità e l’apertura al cambiamento e all’innovazione, indubbiamente doti innate e, talvolta, anagrafiche (anche se le frequentazioni possono aiutare, nel bene o nel male), un altro è la sensibilità a un certo orientamento e le competenze specifiche (anche tecniche) per perseguirlo.

Il tema della formazione è dunque imprescindibile e sull’adeguatezza di questa si gioca il successo (o meno) della green economy. Per questo Greenews.info e .Eco, magazine di “green thinking” e di educazione ambientale, hanno deciso di coinvolgere gli allievi del Master IED in un esperimento concreto e dedicare alla “Formazione per le professioni della green economy” il primo dei Workshop annuali della serie IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), che si terrà, nel 2011, al Museo di Scienze Naturali di Torino il 26 e 27 maggio prossimi.     

Un’occasione nata “dal basso” e offerta alle imprese, alle università, ai centri di ricerca e agli enti pubblici per confrontarsi pragmaticamente su quali siano, ad oggi in Italia, le esigenze reali, ma soprattutto le competenze e le conoscenze necessarie per gestire correttamente la sfida posta, a livello mondiale, dalla green economy. 

Andrea Gandiglio 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende