Home » Eventi »Progetti » IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale:

IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale

gennaio 31, 2011 Eventi, Progetti

Oscar Farinetti alla presentazione del Master IEDIl Cedefop, Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale, ha recentemente esaminato, nello studio Skills for green jobs: European Synthesis Report, le competenze necessarie per sviluppare un’economia a bassa emissione di carbonio in sei Stati membri dell’Unione Europea (Danimarca, Germania, Estonia, Spagna, Francia e Regno Unito).  La conclusione è che la green economy non richieda competenze specifiche, ma sia sufficiente una ridefinizione di quelle tradizionali.

Questa conclusione è condivisibile? Vale anche per l’Italia? E soprattutto vale per tutti i settori professionali? 

Sul fronte della comunicazione lo IED, l’Istituto Europeo di Design, ha cercato di dare una risposta in occasione della presentazione del nuovo master professionale in Comunicazione per la Sostenibilità, tenutasi da Eataly, a Torino, il 20 gennaio scorso. Ospiti l’imprenditore e padrone di casa Oscar Farinetti, il metereologo Luca Mercalli, Marco Moro, direttore editoriale di Edizioni Ambiente, Roberto Cavallo, presidente di AICA, Associazione Internazionale di Comunicazione Ambientale e Erik Balzaretti, coordinatore del master IED.  

Se si condivide il punto di convergenza di tutti i relatori, ovvero che il ruolo della sostenibilità ambientale sarà sempre più determinante nei rapporti tra le imprese e i consumatori, ma soprattutto tra l’uomo, l’ambiente e la società, questa previsione richiede non soltanto nuove strategie, linguaggi e modelli di creatività, ma anche professionisti della comunicazione in grado di farsi portavoce di tale cambiamento.

Che ridurre l’impatto ambientale attraverso il risparmio energetico, la progettazione sistemica e il riciclo dei rifiuti sia un’opportunità e non un costo per le aziende è infatti, innanzitutto, un problema di comunicazione. Nè è ben consapevole Farinetti, che ha accompagnato ogni scelta strategica di Eataly (recupero di sedi industriali dismesse, ottimizzazione del packaging ecc.) con un’attenta comunicazione, intesa come dialogo trasparente con il consumatore e non mera pubblicità autocelebrativa. Tanto che il suo invito è a impegnarsi per creare un nuovo abito mentale, che rifugga il crepaccio della black-mind, da cui la nostra società non si è ancora allontanata abbastanza. “Dobbiamo lavorare sulla sostenibilità delle relazioni umani, sulla sostenibilità della politica, sulla sostenibilità del linguaggio”, dice l’imprenditore, “perché ho l’impressione che stiamo lavorando molto sulla pulizia del fuori e poi ci ritroviamo con le menti inquinate da un nuovo estremismo, che è quello delle menti che non cambiano idea. Noi di Eataly siamo per la sostenibilità della mente, per la green-mind, per una mente verde, non inquinata, a partire proprio dalle relazioni umane”.  

Ma green-minded lo si è o si può imparare a diventarlo? Un conto sono la flessibilità e l’apertura al cambiamento e all’innovazione, indubbiamente doti innate e, talvolta, anagrafiche (anche se le frequentazioni possono aiutare, nel bene o nel male), un altro è la sensibilità a un certo orientamento e le competenze specifiche (anche tecniche) per perseguirlo.

Il tema della formazione è dunque imprescindibile e sull’adeguatezza di questa si gioca il successo (o meno) della green economy. Per questo Greenews.info e .Eco, magazine di “green thinking” e di educazione ambientale, hanno deciso di coinvolgere gli allievi del Master IED in un esperimento concreto e dedicare alla “Formazione per le professioni della green economy” il primo dei Workshop annuali della serie IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), che si terrà, nel 2011, al Museo di Scienze Naturali di Torino il 26 e 27 maggio prossimi.     

Un’occasione nata “dal basso” e offerta alle imprese, alle università, ai centri di ricerca e agli enti pubblici per confrontarsi pragmaticamente su quali siano, ad oggi in Italia, le esigenze reali, ma soprattutto le competenze e le conoscenze necessarie per gestire correttamente la sfida posta, a livello mondiale, dalla green economy. 

Andrea Gandiglio 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende