Home » Eventi »Progetti » IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale:

IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale

gennaio 31, 2011 Eventi, Progetti

Oscar Farinetti alla presentazione del Master IEDIl Cedefop, Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale, ha recentemente esaminato, nello studio Skills for green jobs: European Synthesis Report, le competenze necessarie per sviluppare un’economia a bassa emissione di carbonio in sei Stati membri dell’Unione Europea (Danimarca, Germania, Estonia, Spagna, Francia e Regno Unito).  La conclusione è che la green economy non richieda competenze specifiche, ma sia sufficiente una ridefinizione di quelle tradizionali.

Questa conclusione è condivisibile? Vale anche per l’Italia? E soprattutto vale per tutti i settori professionali? 

Sul fronte della comunicazione lo IED, l’Istituto Europeo di Design, ha cercato di dare una risposta in occasione della presentazione del nuovo master professionale in Comunicazione per la Sostenibilità, tenutasi da Eataly, a Torino, il 20 gennaio scorso. Ospiti l’imprenditore e padrone di casa Oscar Farinetti, il metereologo Luca Mercalli, Marco Moro, direttore editoriale di Edizioni Ambiente, Roberto Cavallo, presidente di AICA, Associazione Internazionale di Comunicazione Ambientale e Erik Balzaretti, coordinatore del master IED.  

Se si condivide il punto di convergenza di tutti i relatori, ovvero che il ruolo della sostenibilità ambientale sarà sempre più determinante nei rapporti tra le imprese e i consumatori, ma soprattutto tra l’uomo, l’ambiente e la società, questa previsione richiede non soltanto nuove strategie, linguaggi e modelli di creatività, ma anche professionisti della comunicazione in grado di farsi portavoce di tale cambiamento.

Che ridurre l’impatto ambientale attraverso il risparmio energetico, la progettazione sistemica e il riciclo dei rifiuti sia un’opportunità e non un costo per le aziende è infatti, innanzitutto, un problema di comunicazione. Nè è ben consapevole Farinetti, che ha accompagnato ogni scelta strategica di Eataly (recupero di sedi industriali dismesse, ottimizzazione del packaging ecc.) con un’attenta comunicazione, intesa come dialogo trasparente con il consumatore e non mera pubblicità autocelebrativa. Tanto che il suo invito è a impegnarsi per creare un nuovo abito mentale, che rifugga il crepaccio della black-mind, da cui la nostra società non si è ancora allontanata abbastanza. “Dobbiamo lavorare sulla sostenibilità delle relazioni umani, sulla sostenibilità della politica, sulla sostenibilità del linguaggio”, dice l’imprenditore, “perché ho l’impressione che stiamo lavorando molto sulla pulizia del fuori e poi ci ritroviamo con le menti inquinate da un nuovo estremismo, che è quello delle menti che non cambiano idea. Noi di Eataly siamo per la sostenibilità della mente, per la green-mind, per una mente verde, non inquinata, a partire proprio dalle relazioni umane”.  

Ma green-minded lo si è o si può imparare a diventarlo? Un conto sono la flessibilità e l’apertura al cambiamento e all’innovazione, indubbiamente doti innate e, talvolta, anagrafiche (anche se le frequentazioni possono aiutare, nel bene o nel male), un altro è la sensibilità a un certo orientamento e le competenze specifiche (anche tecniche) per perseguirlo.

Il tema della formazione è dunque imprescindibile e sull’adeguatezza di questa si gioca il successo (o meno) della green economy. Per questo Greenews.info e .Eco, magazine di “green thinking” e di educazione ambientale, hanno deciso di coinvolgere gli allievi del Master IED in un esperimento concreto e dedicare alla “Formazione per le professioni della green economy” il primo dei Workshop annuali della serie IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), che si terrà, nel 2011, al Museo di Scienze Naturali di Torino il 26 e 27 maggio prossimi.     

Un’occasione nata “dal basso” e offerta alle imprese, alle università, ai centri di ricerca e agli enti pubblici per confrontarsi pragmaticamente su quali siano, ad oggi in Italia, le esigenze reali, ma soprattutto le competenze e le conoscenze necessarie per gestire correttamente la sfida posta, a livello mondiale, dalla green economy. 

Andrea Gandiglio 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende