Home » Eventi »Progetti » IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale:

IED e IMAGE: l’importanza della formazione per la sostenibilità ambientale

gennaio 31, 2011 Eventi, Progetti

Oscar Farinetti alla presentazione del Master IEDIl Cedefop, Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale, ha recentemente esaminato, nello studio Skills for green jobs: European Synthesis Report, le competenze necessarie per sviluppare un’economia a bassa emissione di carbonio in sei Stati membri dell’Unione Europea (Danimarca, Germania, Estonia, Spagna, Francia e Regno Unito).  La conclusione è che la green economy non richieda competenze specifiche, ma sia sufficiente una ridefinizione di quelle tradizionali.

Questa conclusione è condivisibile? Vale anche per l’Italia? E soprattutto vale per tutti i settori professionali? 

Sul fronte della comunicazione lo IED, l’Istituto Europeo di Design, ha cercato di dare una risposta in occasione della presentazione del nuovo master professionale in Comunicazione per la Sostenibilità, tenutasi da Eataly, a Torino, il 20 gennaio scorso. Ospiti l’imprenditore e padrone di casa Oscar Farinetti, il metereologo Luca Mercalli, Marco Moro, direttore editoriale di Edizioni Ambiente, Roberto Cavallo, presidente di AICA, Associazione Internazionale di Comunicazione Ambientale e Erik Balzaretti, coordinatore del master IED.  

Se si condivide il punto di convergenza di tutti i relatori, ovvero che il ruolo della sostenibilità ambientale sarà sempre più determinante nei rapporti tra le imprese e i consumatori, ma soprattutto tra l’uomo, l’ambiente e la società, questa previsione richiede non soltanto nuove strategie, linguaggi e modelli di creatività, ma anche professionisti della comunicazione in grado di farsi portavoce di tale cambiamento.

Che ridurre l’impatto ambientale attraverso il risparmio energetico, la progettazione sistemica e il riciclo dei rifiuti sia un’opportunità e non un costo per le aziende è infatti, innanzitutto, un problema di comunicazione. Nè è ben consapevole Farinetti, che ha accompagnato ogni scelta strategica di Eataly (recupero di sedi industriali dismesse, ottimizzazione del packaging ecc.) con un’attenta comunicazione, intesa come dialogo trasparente con il consumatore e non mera pubblicità autocelebrativa. Tanto che il suo invito è a impegnarsi per creare un nuovo abito mentale, che rifugga il crepaccio della black-mind, da cui la nostra società non si è ancora allontanata abbastanza. “Dobbiamo lavorare sulla sostenibilità delle relazioni umani, sulla sostenibilità della politica, sulla sostenibilità del linguaggio”, dice l’imprenditore, “perché ho l’impressione che stiamo lavorando molto sulla pulizia del fuori e poi ci ritroviamo con le menti inquinate da un nuovo estremismo, che è quello delle menti che non cambiano idea. Noi di Eataly siamo per la sostenibilità della mente, per la green-mind, per una mente verde, non inquinata, a partire proprio dalle relazioni umane”.  

Ma green-minded lo si è o si può imparare a diventarlo? Un conto sono la flessibilità e l’apertura al cambiamento e all’innovazione, indubbiamente doti innate e, talvolta, anagrafiche (anche se le frequentazioni possono aiutare, nel bene o nel male), un altro è la sensibilità a un certo orientamento e le competenze specifiche (anche tecniche) per perseguirlo.

Il tema della formazione è dunque imprescindibile e sull’adeguatezza di questa si gioca il successo (o meno) della green economy. Per questo Greenews.info e .Eco, magazine di “green thinking” e di educazione ambientale, hanno deciso di coinvolgere gli allievi del Master IED in un esperimento concreto e dedicare alla “Formazione per le professioni della green economy” il primo dei Workshop annuali della serie IMAGE (Incontri sul Management della Green Economy), che si terrà, nel 2011, al Museo di Scienze Naturali di Torino il 26 e 27 maggio prossimi.     

Un’occasione nata “dal basso” e offerta alle imprese, alle università, ai centri di ricerca e agli enti pubblici per confrontarsi pragmaticamente su quali siano, ad oggi in Italia, le esigenze reali, ma soprattutto le competenze e le conoscenze necessarie per gestire correttamente la sfida posta, a livello mondiale, dalla green economy. 

Andrea Gandiglio 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende