Home » Idee »Progetti » Ikaros: in volo verso il Sole senza bruciarsi le ali:

Ikaros: in volo verso il Sole senza bruciarsi le ali

maggio 14, 2010 Idee, Progetti

ikarosNarra la leggenda che il re Minosse di Creta chiese a Dedalo di costruire un labirinto per nascondervi il Minotauro, la creatura con il corpo di uomo e la testa di toro che avrebbe dato – letteralmente – filo da torcere a Teseo. Perché il segreto del labirinto non potesse essere svelato, il crudele Minosse vi fece rinchiudere anche il costruttore e suo figlio Icaro; l’abile Dedalo, tuttavia, costruì delle forti ali per sé e per suo figlio, le attaccò ai corpi con della cera e i due riuscirono a scappare. Mentre si libravano nel cielo, però, incurante degli avvertimenti paterni Icaro si avvicinò al Sole più di quanto avrebbe dovuto: il calore fece sciogliere la cera, le ali si bruciarono e il fanciullo cadde nel mare, dove morì.

La navicella IKAROS si ispira al mito greco, invertendone però le sorti: si tratta infatti di una navicella spaziale la cui propulsione è data dalla luce del sole, “raccolta” da una grande vela quadrata la cui diagonale misura 20 metri. L’Interplanetary Kite-craft Accelerated by Radiation Of the Sun (letteralmente: aquilone interplanetario accelerato dalla radiazione solare) sarà lanciata il prossimo 18 maggio dalla base spaziale di Tanegashima, il più grande complesso spaziale di tutto il Giappone – noto anche per essere uno dei più belli al mondo.

La grande novità di IKAROS consiste nel fatto che è alimentato da una cosiddetta vela solare, senza dunque richiedere l’uso di carburanti: un vantaggio ambientale, sicuramente, e anche un aumento dell’efficienza, dal momento che solitamente le navicelle devono essere equipaggiate con abbastanza carburante per il viaggio di andata e il viaggio di ritorno – con conseguente aumento del carico complessivo e relativa diminuzione della velocità potenzialmente raggiungibile.

La tecnologia di IKAROS è relativamente semplice da comprendere: le vele solari sfruttano la pressione di radiazione, ossia la pressione esercitata dalla radiazione elettromagnetica (luce visibile, ma anche tutto il resto dello spettro) proveniente dalla nostra Stella; si tratta di una pressione piuttosto bassa – sulla Terra (o, meglio, fuori dall’atmosfera terrestre ma a quella data distanza dal Sole) la pressione di radiazione è pari a circa 10-5 Pascal (ossia un decimillesimo di Pascal), e considerato che la pressione al livello del mare è di 100.000 Pascal… gli ordini di grandezza di differenza sono davvero notevoli!

Ciò nonostante, la pressione di radiazione è sufficiente, secondo la teoria, per alimentare il movimento della vela di IKAROS nel suo viaggio alla volta di Venere. La membrana, come mostrato dall’immagine, è spessa soltanto 0.0075 mm ed è fatta di poliimmide, un polimero “ad alta prestazione” in quanto offre elevate prestazioni in termini di resistenza all’usura, all’attrito e alle alte temperature - benché quest’ultima caratteristica non sia di grande utilità nello spazio interplanetario, dove la temperatura media è intorno a -200 gradi centigradi… Si tratta comunque di un materiale innovativo e resistente, completato dalla presenza di una pellicola di cellule fotovoltaiche “spessa” soltanto 25 milionesimi di metro.

membrana

La storia delle vele solari ha radici piuttosto lontane nel tempo: secondo alcune fonti l’idea venne proposta per la prima volta addirittura da Giovanni Keplero, l’astronomo tedesco che nel diciassettesimo secolo scoprì e formalizzò le leggi che regolano il moto dei pianeti intorno al Sole. I primi esperimenti “concreti”, tuttavia, risalgono all’incirca agli anni ’90 del ventesimo secolo, e fino a oggi nessuna vela solare è ancora stata utilizzata con successo nello spazio come sistema di propulsione primario, come succederà invece nel caso di IKAROS. Dopo alcuni tentativi di alimentazione “mista” – in parte con usuali carburanti, in parte a vele solari – il primo esperimento “concreto” fu quello di Cosmos 1.

Un progetto della Planetary Society e di Cosmos Studios, Cosmos 1 non soltanto fu il primo veicolo spaziale ad alimentazione con vele solari a essere costruito e a essere lanciato nello spazio, ma fu anche (o meglio, come vedremo, sarebbe stata) la prima missione spaziale con finanziamenti interamente privati. Costruita in Russia, la navicella fu lanciata come da programmi il 21 giugno 2005 dal sottomarino russo Borisoglebesk, ubicato nel mare di Barens con il supporto di un razzo Volna; sfortunatamente, tuttavia, un difetto tecnico del Volna impedì alla navicella di entrare in orbita, provocando il (totale) fallimento dell’operazione.

C’è da sperare pertanto che l’impresa di IKAROS vada a buon fine, perché la possibilità di volare nello spazio utilizzando soltanto – o quasi – la spinta della luce solare sarebbe, fuor di dubbio, una vera e propria rivoluzione nel campo aerospaziale. Il tragitto che IKAROS dovrà compiere, per il momento, non è di particolare importanza; lanciato dalla base di Tanegashima sfruttando un razzo H-IIA, dovrebbe separarsi dal vettore e cominciare a roteare con una velocità pari a 20 rivoluzioni al minuto, cominciando a generare potenza solare grazie alla pellicola di cellule fotovoltaiche entro qualche settimana.

Nel caso in cui tutto questo si verifichi la missione sarà considerata un successo al livello di base. Se poi, con il trascorrere del tempo, sarà possibile mettere in atto la navigazione con la vela solare vera e propria durante il viaggio in direzione di Venere, la missione avrà raggiunto il successo completo - come auspicano ovviamente i coordinatori del progetto.

In caso di successo è prevista una seconda missione verso la fine di quest’anno; la vela solare sarà più grande, con un diametro (o una diagonale, nel caso di una vela quadrata) di 50 metri e un motore integrato a propulsione ionica; le destinazioni potrebbero essere Giove e gli asteroidi troiani.

Quel che è certo, tra le implicazioni indirette e non collegate al successo della missione, è che la tecnologia sviluppata da JAXA, l’agenzia spaziale giapponese, potrà abbattere significativamente i costi nella produzione di cellule fotovoltaiche – che come è noto sono un fattore chiave nella lotta contro i cambiamenti climatici.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende