Home » Progetti »Rassegna Stampa » Il 70% delle aziende prevede di investire sui cambiamenti climatici:

Il 70% delle aziende prevede di investire sui cambiamenti climatici

giugno 29, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

Courtesy of GERMANY STOCK MARKETSSecondo la recentissima ricerca “Action amid uncertainty: the business response to climate change“, condotta dalla società di consulenza e revisione contabile Ernst&Young su 300 top managers di tutto il mondo a capo di aziende con fatturato minimo di 1 miliardo di dollari, sono ben il 70% gli executive che prevedono di aumentare la spesa per iniziative sul cambiamento climatico, tra il 2010 e il 2012.

Un dato sorprendente, se si tiene conto delle impegnative condizioni economiche e dell’incertezza normativa sul settore, che riflette tuttavia la convinzione delle grandi aziende che il tema del cambiamento climatico impatterà significativamente sulle performance e sulle strategie di business dei prossimi anni.

L’indagine ha rilevato inoltre che gli executive si aspettano di effettuare importanti investimenti non solo per generare risparmi sui costi, ma anche nuove opportunità di ricavi legati al cambiamento climatico, come reso possibile dal sistema del Clean Development Mechanism. Per questo quasi la metà del campione intervistato prevede di spendere dallo 0,5% a più del 5% dei propri ricavi in iniziative legate al cambiamento climatico, il che si traduce, per una società da 1 miliardo di dollari, in una spesa prevista compresa tra i 5 e i 50 milioni di dollari all’anno.

Secondo Roberto Giacomelli, Italy Climate Change and Sustainability Services Leader di Ernst & Young, “Le aziende leader non stanno permettendo che la mancanza di normative standard globali rallenti i loro investimenti nel cambiamento climatico. Gli altri driver di mercato, come ad esempio il crescente interesse degli analisti nella performance del cambiamento climatico, stanno spingendo ulteriormente la necessità di azioni e di maggior trasparenza”.

I consumatori e gli analisti (incaricati di valutare le aziende) sono dunque i due fattori che stanno guidando questo trend degli investimenti, con l’89% degli intervistati che dichiara come le attività aziendali sul cambiamento climatico siano guidate principalmente dalle richieste in continua evoluzione dei clienti. Alcuni settori, tra cui l’automotive e quelli dei prodotti di consumo e della tecnologia, ritengono poi, all’unanimità, che le preferenze dei clienti, cambiando, abbiano creato uno stimolo fondamentale all’azione e all’innovazione.

Ma anche l’opera degli analisti finanziari, che stanno sempre più legando la risposta al cambiamento climatico delle aziende alla valutazione delle stesse influenza il 40% dei senior executive intervistati.

L’efficienza energetica risulta al primo posto nella lista delle azioni previste, con l’82% degli intervistati che pianifica di investire in quest’area a partire dai prossimi 12 mesi. Circa la metà conferma invece che spin-off o start-up di nuovi business siano alcune delle nuove attività su cui concentrarsi. Il 65% degli executive intende comunque focalizzare gli investimenti su nuovi prodotti e servizi.

Conclude Giacomelli: “ Gli executive più avveduti riconoscono nell’integrazione della risposta al cambiamento climatico nei propri piani di business l’opportunità di perseguire contemporaneamente tre obiettivi di assoluto rilievo: generare ricchezza, risparmiare denaro e rispondere alle aspettative degli stakeholder. Al fine di cogliere tale opportunità è necessario che anche le aziende di settori non direttamente impattati dalle normative sul contenimento delle emissioni di gas serra avviino un percorso di definizione e attuazione di una propria strategia organica sulle tematiche dell’energia e del clima. Un percorso efficace dovrà integrare coerentemente la visione del management sul posizionamento atteso nel medio-lungo periodo con le attività di mappatura e riduzione delle emissioni di gas serra e con la comunicazione ai portatori di interesse rilevanti”.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende