Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Il bio rende di più. Lo dimostra il modello Biosus dell’INEA:

Il bio rende di più. Lo dimostra il modello Biosus dell’INEA

settembre 11, 2013 Aziende, Pratiche, Progetti

Si è chiusa ieri, con numeri a segno più per tutto il settore del biologico, l’edizione numero 25 del Sana. In Italia continuano a crescere i consumi di prodotti bio, con un aumento di quasi il 9% del primo quadrimestre 2013, e sale anche il numero delle aziende bio: più 3 per cento nel 2012, arrivando a 49.079 operatori, con una superficie agricola coltivata pari a oltre un 1 milione di ettari. Una scelta sempre più diffusa, perché in grado di coniugare la sostenibilità ambientale con quella economica, in tempi di margini sempre più ridotti per gli agricoltori. Il progetto Biosus, realizzato dalle Università di Bologna e di Ferrara e dall’Inea e finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole, dimostra che il biologico è l’opzione aziendale più remunerativa e contribuisce ad abbattere le emissioni dei gas serra.

Biosus ha visto la realizzazione di un modello aziendale dinamico per simulare il processo produttivo agricolo delle aziende per diverse combinazioni di colture e allevamenti in regime convenzionale e biologico e stimare, attraverso bilanci aziendali, gli impatti economici, sociali e ambientali. Metà delle aziende italiane (il biologico è  maggiormente concentrato al centro, mentre al sud l’agricoltura resta convenzionale) ne trarrebbero più guadagno, anche con l’attuale situazione di sussidi. L’85% delle aziende non subirebbe variazioni dal mutamento dello scenario politico, mentre il 15% ne sarebbe sensibile. Infine, si è dimostrato come la presenza di seminativi sia più redditizia nel biologico, mentre quella di arboricoltura in convenzionale, superfici naturali e zootecnia non sembrano  prediligere lo stesso orientamento.

Il progetto Biosus risponde a un’esigenza programmatica legata all’approvazione della nuova PAC14 (la Politica Agricola Comune europea) e alla volontà di ridurre le emissioni di gas serra da parte dell’Unione Europea: il rapporto della FAO 2009 sulla sostenibilità dei sistemi agricoli moderni riporta infatti che l’agricoltura contribuisce al riscaldamento globale per una percentuale compresa tra il 10% e il 12% del totale complessivo. È diventato quindi di estrema importanza per i governi dei Paesi occidentali comprendere in che misura forme innovative di agricoltura come quella biologica siano in grado di limitare le emissioni inquinanti e garantire un bilancio positivo della quantità di carbonio fissata in modo stabile nel suolo.

“La potenzialità di questo strumento – spiega Sergio Albertazzi, ricercatore dell’Università di Bologna – può portare a  valutazioni di diversi indicatori per le aziende agricole che sono poco sensibili alle tematiche ambientali: il loro obiettivo è fare profitto. Abbiamo analizzato 5.700 aziende agricole con pesi Istat – circa due terzi della aziende italiane sul territorio nazionale –  dopodiché abbiamo cercato una struttura economica migliore per l’azienda”, prosegue Albertazzi.

Biosus presenta vari punti con i quali si può interagire per rendere l’analisi più consona al tipo di risultato ottenuto. “I criteri sono stati divisi in aree – ambiente ed economia – e poi, in sotto criteri. Quindi, per l’ambiente abbiamo considerato il cambiamento climatico e l’impatto ambientale con i quali abbiamo analizzato la vulnerabilità, l’emissione e lo stoccaggio di gas serra, la qualità del suolo e dell’aria che dipendono dall’erodibilità e dalla quantità di pesticidi utilizzati. Per l’area economica abbiamo diviso i criteri di efficienza economica, sforzo pubblico richiesto e dipendenza dal mercato”, spiega ancora il ricercatore.

Ora la palla passa ai governi: “Si tratta di uno strumento accademico – conclude Albertazzi – che può aiutare i governi a prendere delle decisioni, una volta valutate le risposte delle aziende”. Le conclusioni dimostrano come il PAC14 sia lo scenario migliore per tutti gli indicatori di eguale peso. Questo porterebbe a una distribuzione aziendale più propensa al biologico e al greening nella aree del centro nord, in cui le strutture aziendali presentano seminativi, e una propensione al regime convenzionale nelle aziende del sud con presenza di arbicoltura.

Marta Rossi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende