Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Il bio rende di più. Lo dimostra il modello Biosus dell’INEA:

Il bio rende di più. Lo dimostra il modello Biosus dell’INEA

settembre 11, 2013 Aziende, Pratiche, Progetti

Si è chiusa ieri, con numeri a segno più per tutto il settore del biologico, l’edizione numero 25 del Sana. In Italia continuano a crescere i consumi di prodotti bio, con un aumento di quasi il 9% del primo quadrimestre 2013, e sale anche il numero delle aziende bio: più 3 per cento nel 2012, arrivando a 49.079 operatori, con una superficie agricola coltivata pari a oltre un 1 milione di ettari. Una scelta sempre più diffusa, perché in grado di coniugare la sostenibilità ambientale con quella economica, in tempi di margini sempre più ridotti per gli agricoltori. Il progetto Biosus, realizzato dalle Università di Bologna e di Ferrara e dall’Inea e finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole, dimostra che il biologico è l’opzione aziendale più remunerativa e contribuisce ad abbattere le emissioni dei gas serra.

Biosus ha visto la realizzazione di un modello aziendale dinamico per simulare il processo produttivo agricolo delle aziende per diverse combinazioni di colture e allevamenti in regime convenzionale e biologico e stimare, attraverso bilanci aziendali, gli impatti economici, sociali e ambientali. Metà delle aziende italiane (il biologico è  maggiormente concentrato al centro, mentre al sud l’agricoltura resta convenzionale) ne trarrebbero più guadagno, anche con l’attuale situazione di sussidi. L’85% delle aziende non subirebbe variazioni dal mutamento dello scenario politico, mentre il 15% ne sarebbe sensibile. Infine, si è dimostrato come la presenza di seminativi sia più redditizia nel biologico, mentre quella di arboricoltura in convenzionale, superfici naturali e zootecnia non sembrano  prediligere lo stesso orientamento.

Il progetto Biosus risponde a un’esigenza programmatica legata all’approvazione della nuova PAC14 (la Politica Agricola Comune europea) e alla volontà di ridurre le emissioni di gas serra da parte dell’Unione Europea: il rapporto della FAO 2009 sulla sostenibilità dei sistemi agricoli moderni riporta infatti che l’agricoltura contribuisce al riscaldamento globale per una percentuale compresa tra il 10% e il 12% del totale complessivo. È diventato quindi di estrema importanza per i governi dei Paesi occidentali comprendere in che misura forme innovative di agricoltura come quella biologica siano in grado di limitare le emissioni inquinanti e garantire un bilancio positivo della quantità di carbonio fissata in modo stabile nel suolo.

“La potenzialità di questo strumento – spiega Sergio Albertazzi, ricercatore dell’Università di Bologna – può portare a  valutazioni di diversi indicatori per le aziende agricole che sono poco sensibili alle tematiche ambientali: il loro obiettivo è fare profitto. Abbiamo analizzato 5.700 aziende agricole con pesi Istat – circa due terzi della aziende italiane sul territorio nazionale –  dopodiché abbiamo cercato una struttura economica migliore per l’azienda”, prosegue Albertazzi.

Biosus presenta vari punti con i quali si può interagire per rendere l’analisi più consona al tipo di risultato ottenuto. “I criteri sono stati divisi in aree – ambiente ed economia – e poi, in sotto criteri. Quindi, per l’ambiente abbiamo considerato il cambiamento climatico e l’impatto ambientale con i quali abbiamo analizzato la vulnerabilità, l’emissione e lo stoccaggio di gas serra, la qualità del suolo e dell’aria che dipendono dall’erodibilità e dalla quantità di pesticidi utilizzati. Per l’area economica abbiamo diviso i criteri di efficienza economica, sforzo pubblico richiesto e dipendenza dal mercato”, spiega ancora il ricercatore.

Ora la palla passa ai governi: “Si tratta di uno strumento accademico – conclude Albertazzi – che può aiutare i governi a prendere delle decisioni, una volta valutate le risposte delle aziende”. Le conclusioni dimostrano come il PAC14 sia lo scenario migliore per tutti gli indicatori di eguale peso. Questo porterebbe a una distribuzione aziendale più propensa al biologico e al greening nella aree del centro nord, in cui le strutture aziendali presentano seminativi, e una propensione al regime convenzionale nelle aziende del sud con presenza di arbicoltura.

Marta Rossi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende