Home » Idee »Progetti » Il Bosco Verticale continua a crescere: intervista a Stefano Boeri:

Il Bosco Verticale continua a crescere: intervista a Stefano Boeri

maggio 24, 2013 Idee, Progetti

Bosco VerticaleC’era una volta un bosco. Può sembrare l’inizio di una favola di altri tempi, invece si tratta di realtà dei nostri giorni. Stiamo parlando di Bosco Verticale, un progetto di forestazione metropolitana con la mission di rigenerare l’ambiente e la biodiversità urbana senza comportare un’ulteriore espansione della città, in quanto si sviluppa appunto in verticale. La prima applicazione di questo modello è in costruzione dalla fine 2009 a Milano. Qualche giorno fa è stata diffusa la notizia dalla stampa che i lavori nel cantiere sono stati sospesi a causa del fallimento dell’impresa che si occupava della realizzazione. Greenews.info ha approfondito la questione direttamente con Stefano Boeri che, insieme a Gianandrea Barreca e Giovanni La Varra, costituisce il Boeri Studio, firmatario del progetto. Boeri – architetto e fino a pochi mesi fa assessore alla Cultura, Design e Moda del Comune di Milano – ha rassicurato sulla continuazione dei lavori. La ZH Constructions Company, impresa trentina a cui erano stati affidati i lavori, ha rinunciato per problemi economici, ma l’immobiliare Hines Italia ha già individuato un sostituto, ovvero la Colombo Costruzioni. Il progetto prevede due torri di 110 e 76 metri adibite ad abitazioni situate nel centro di Milano all’interno del progetto Porta Nuova, ai margini del quartiere Isola. A lavori ultimati, previsti per il 2015, ospiterà 110 appartamenti, di cui il 60% già venduti, 900 alberi (alti fino a nove metri), numerosi arbusti e piante floreali. In termini di quantità di alberature equivale a una superficie boschiva di circa 10.000 mq.

Il bosco, tenuto in vita da un particolare sistema di irrigazione alimentato da acqua di recupero, formerà un microclima attorno agli appartamenti, diminuirà l’inquinamento acustico e aiuterà il quartiere a respirare meglio assorbendo CO2 e rilasciando ossigeno. D’estate fornirà ombra agli inquilini, d’inverno la luce passerà attraverso i rami spogli. Pannelli solari e un impianto eolico aumenteranno l’eco-compatibilità.Un progetto che ha riscosso molto interesse anche a livello internazionale: il Financial Times lo ha definito “le nuove torri più eccitanti del mondo”. Si colloca in un tipo di edilizia visionaria orientata alla sostenibilità ambientale che sta avendo casi illustri intorno al mondo. Basti citare il PARKROYAL on Pickering Hotel di Singapore, i progetti di Edouard François, Harmonia 57 a San Paolo in Brasile, i lavori in corso del Central Park Building di Jean Nouvel a Sydney e il progetto Asian Cairns di Vincent Callebaut per Shenzhen, in Cina.

D) Come è nata l’idea del Bosco?

R) Osservando le torri e i grattacieli di recente costruzione, ci siamo resi conto che erano per la maggior parte rivestiti da vetro o materiale riflettente. Una scelta che genera dei problemi di impatto ambientale, perché rende necessario realizzare degli impianti di mitigazione. Dovendo proporre il progetto per i due edifici di Milano, abbiamo pensato di trasformarli in veri e propri filtri vegetativi e organici. Così abbiamo organizzato un gruppo di lavoro interdisciplinare che studiasse la fattibilità di questo progetto dal punto di vista della sostenibilità.

D) Quali sono stati i punti cruciali da analizzare?

R) Per esempio, studiare i pesi sopportabili dalla struttura, per decidere di conseguenza la composizione della terra perché non fosse troppo pesante, né troppo leggera. Abbiamo analizzato molto approfonditamente la questione della ventosità, attuando dei test sia in Italia sia negli Usa, a Miami, per capire quale fosse la resistenza di tronchi e radici al vento. Abbiamo davvero coinvolto molte professionalità, è stato un lavoro estremamente interessante  perché abbiamo costruito il progetto quasi pianta per pianta.

D) Qual è stata la difficoltà più grande da risolvere?

R) Sicuramente la ventosità, che abbiamo risolto conducendo tantissimi test. L’altra difficoltà è rappresentata dalla manutenzione del verde, che abbiamo deciso di affidare a una gestione centralizzata che si occupi di tutti gli aspetti.

D) A che punto siete dei lavori?

R) È il primo edificio al mondo costruito in questo modo. Mancano le facciate, ma abbiamo installato l’impianto di irrigazione e l’80% delle piante, che stanno bene. Per noi è un punto d’onore e una soddisfazione, perché vuol dire che il progetto sta funzionando.

D) Qual è la situazione attuale dell’edilizia green?

R) In questi ultimi anni si è lavorato molto su aspetti ben precisi: le facciate, gli orti, i giardini verticali, gli alberi. In Italia c’è qualche esempio di edilizia verde a livello di progetto, ma noi abbiamo trovato un settore ancora inesplorato. All’estero c’è qualcosa in Olanda, a Singapore. Questo tipo di edilizia al momento è più costosa rispetto alla tradizionale. Per questo progetto noi ci siamo adeguati agli standard richiesti, che prevedevano un’utenza medio alta, ma lavorando mi sono reso conto che molti aspetti si possono realizzare anche con soluzioni più economiche. Nel nostro caso, poi, abbiamo già condotto delle ricerche di fattibilità che in futuro non avremo bisogno di ripetere. In realtà la voce di costo maggiore rimane la manutenzione del verde.

D) La crisi economica che ha investito tutti i mercati occidentali costituisce un freno o una spinta?

R) In generale possiamo dire che dal punto di vista culturale questo è un momento favorevole per l’edilizia verde, ma dal punto di vista economico e sociale è molto difficile, perché le imprese sono messe in difficoltà dalla crisi, quindi fanno fatica a investire in innovazione. C’è da dire che, proprio in un momento come questo, chi decide di sperimentare nuove soluzioni e riesce a portare a termine il progetto ha un sicuro margine di successo.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende