Home » Idee »Progetti » Il Bosco Verticale continua a crescere: intervista a Stefano Boeri:

Il Bosco Verticale continua a crescere: intervista a Stefano Boeri

maggio 24, 2013 Idee, Progetti

Bosco VerticaleC’era una volta un bosco. Può sembrare l’inizio di una favola di altri tempi, invece si tratta di realtà dei nostri giorni. Stiamo parlando di Bosco Verticale, un progetto di forestazione metropolitana con la mission di rigenerare l’ambiente e la biodiversità urbana senza comportare un’ulteriore espansione della città, in quanto si sviluppa appunto in verticale. La prima applicazione di questo modello è in costruzione dalla fine 2009 a Milano. Qualche giorno fa è stata diffusa la notizia dalla stampa che i lavori nel cantiere sono stati sospesi a causa del fallimento dell’impresa che si occupava della realizzazione. Greenews.info ha approfondito la questione direttamente con Stefano Boeri che, insieme a Gianandrea Barreca e Giovanni La Varra, costituisce il Boeri Studio, firmatario del progetto. Boeri – architetto e fino a pochi mesi fa assessore alla Cultura, Design e Moda del Comune di Milano – ha rassicurato sulla continuazione dei lavori. La ZH Constructions Company, impresa trentina a cui erano stati affidati i lavori, ha rinunciato per problemi economici, ma l’immobiliare Hines Italia ha già individuato un sostituto, ovvero la Colombo Costruzioni. Il progetto prevede due torri di 110 e 76 metri adibite ad abitazioni situate nel centro di Milano all’interno del progetto Porta Nuova, ai margini del quartiere Isola. A lavori ultimati, previsti per il 2015, ospiterà 110 appartamenti, di cui il 60% già venduti, 900 alberi (alti fino a nove metri), numerosi arbusti e piante floreali. In termini di quantità di alberature equivale a una superficie boschiva di circa 10.000 mq.

Il bosco, tenuto in vita da un particolare sistema di irrigazione alimentato da acqua di recupero, formerà un microclima attorno agli appartamenti, diminuirà l’inquinamento acustico e aiuterà il quartiere a respirare meglio assorbendo CO2 e rilasciando ossigeno. D’estate fornirà ombra agli inquilini, d’inverno la luce passerà attraverso i rami spogli. Pannelli solari e un impianto eolico aumenteranno l’eco-compatibilità.Un progetto che ha riscosso molto interesse anche a livello internazionale: il Financial Times lo ha definito “le nuove torri più eccitanti del mondo”. Si colloca in un tipo di edilizia visionaria orientata alla sostenibilità ambientale che sta avendo casi illustri intorno al mondo. Basti citare il PARKROYAL on Pickering Hotel di Singapore, i progetti di Edouard François, Harmonia 57 a San Paolo in Brasile, i lavori in corso del Central Park Building di Jean Nouvel a Sydney e il progetto Asian Cairns di Vincent Callebaut per Shenzhen, in Cina.

D) Come è nata l’idea del Bosco?

R) Osservando le torri e i grattacieli di recente costruzione, ci siamo resi conto che erano per la maggior parte rivestiti da vetro o materiale riflettente. Una scelta che genera dei problemi di impatto ambientale, perché rende necessario realizzare degli impianti di mitigazione. Dovendo proporre il progetto per i due edifici di Milano, abbiamo pensato di trasformarli in veri e propri filtri vegetativi e organici. Così abbiamo organizzato un gruppo di lavoro interdisciplinare che studiasse la fattibilità di questo progetto dal punto di vista della sostenibilità.

D) Quali sono stati i punti cruciali da analizzare?

R) Per esempio, studiare i pesi sopportabili dalla struttura, per decidere di conseguenza la composizione della terra perché non fosse troppo pesante, né troppo leggera. Abbiamo analizzato molto approfonditamente la questione della ventosità, attuando dei test sia in Italia sia negli Usa, a Miami, per capire quale fosse la resistenza di tronchi e radici al vento. Abbiamo davvero coinvolto molte professionalità, è stato un lavoro estremamente interessante  perché abbiamo costruito il progetto quasi pianta per pianta.

D) Qual è stata la difficoltà più grande da risolvere?

R) Sicuramente la ventosità, che abbiamo risolto conducendo tantissimi test. L’altra difficoltà è rappresentata dalla manutenzione del verde, che abbiamo deciso di affidare a una gestione centralizzata che si occupi di tutti gli aspetti.

D) A che punto siete dei lavori?

R) È il primo edificio al mondo costruito in questo modo. Mancano le facciate, ma abbiamo installato l’impianto di irrigazione e l’80% delle piante, che stanno bene. Per noi è un punto d’onore e una soddisfazione, perché vuol dire che il progetto sta funzionando.

D) Qual è la situazione attuale dell’edilizia green?

R) In questi ultimi anni si è lavorato molto su aspetti ben precisi: le facciate, gli orti, i giardini verticali, gli alberi. In Italia c’è qualche esempio di edilizia verde a livello di progetto, ma noi abbiamo trovato un settore ancora inesplorato. All’estero c’è qualcosa in Olanda, a Singapore. Questo tipo di edilizia al momento è più costosa rispetto alla tradizionale. Per questo progetto noi ci siamo adeguati agli standard richiesti, che prevedevano un’utenza medio alta, ma lavorando mi sono reso conto che molti aspetti si possono realizzare anche con soluzioni più economiche. Nel nostro caso, poi, abbiamo già condotto delle ricerche di fattibilità che in futuro non avremo bisogno di ripetere. In realtà la voce di costo maggiore rimane la manutenzione del verde.

D) La crisi economica che ha investito tutti i mercati occidentali costituisce un freno o una spinta?

R) In generale possiamo dire che dal punto di vista culturale questo è un momento favorevole per l’edilizia verde, ma dal punto di vista economico e sociale è molto difficile, perché le imprese sono messe in difficoltà dalla crisi, quindi fanno fatica a investire in innovazione. C’è da dire che, proprio in un momento come questo, chi decide di sperimentare nuove soluzioni e riesce a portare a termine il progetto ha un sicuro margine di successo.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende