Home » Eventi »Progetti » Il check up di Siemens alle città italiane: migliorare trasporti e abitazioni:

Il check up di Siemens alle città italiane: migliorare trasporti e abitazioni

novembre 24, 2011 Eventi, Progetti

Nel 2011, a preoccupare l’Italia è, prima di tutto, il quadro economico: il 63% dei cittadini del Belpaese teme infatti gli scenari del mercato, soprattutto a seguito delle recenti difficoltà. Ma, a sorpresa, a turbare il sonno degli italiani ci sono, al secondo posto, le paure legate all’ambiente: infrastrutture, criminalità e inquinamento. Insomma, nell’immaginario collettivo, le nostre città dovrebbero essere sane e non inquinate o caotiche, con mezzi pubblici efficienti e con servizi allineati agli standard europei.

È questa la fotografia scattata da ‘Check up alla tua città’, il sondaggio on line (reso noto ieri a Milano) condotto da Panorama.it insieme a Siemens. In meno di un mese, quasi duemila lettori del magazine hanno risposto che, in Italia, occorre intervenire su trasporti, rifiuti, aree verdi, ma anche su auto elettriche, piste ciclabili, case ecologiche, inquinamento dell’aria e spreco di acqua. Le sollecitazioni maggiori arrivano soprattutto dagli abitanti di Milano, Torino e Genova, città nelle quali Siemens ha condotto una specifica ricerca nel corso del 2010-2011 assieme all’Istituto Piepoli. Al nord, l’attenzione dei cittadini è rivolta all’inquinamento (grandi città) e alle infrastrutture (piccole e medie città); al sud, invece, si teme maggiormente la criminalità.

A parere degli italiani i problemi più grandi sono quelli che riguardano i trasporti pubblici: un cittadino su due ne è insoddisfatto, lamentando le reti di bus e metro insufficienti, le attese lunghe e le tariffe spesso eccessive. Tra le tre grandi capitali analizzate, Torino ha cercato di attrezzarsi, puntando sul completamento della linea metropolitana e su una serie di opere ferroviarie. Genova, invece, ha in cantiere “la realizzazione della metro di superficie”, ha spiegato il vicesindaco Paolo Pissarello durante la tavola rotonda di presentazione coordinata da Guido Fontanelli, caporedattore Economia di Panorama. Dal canto suo, Davide Corritore, direttore generale del Comune di Milano, ha anticipato: “Il nostro obiettivo è quello di migliorare non soltanto il trasporto delle persone, come avverrà con la prossima inaugurazione di altre due linee metropolitane, ma di sviluppare anche il trasporto di dati e informazioni. I prossimi step tecnologici che compiremo riguarderanno il wireless, sarà libero in tutta la città, e la possibilità di acquistare con il cellulare i biglietti di tutti i trasporti pubblici”.

Obiettivi importanti, ma che da soli non bastano: “Occorre l’educazione personale alla sostenibilità”, ha aggiunto Federico Golla, a.d. di Siemens Italia, che ha partecipato all’evento assieme agli amministratori delle tre città campione (con le quali Siemens sta realizzando progetti di qualificazione ambientale) e a Francesco Dal Co’, direttore Casabella e docente di Storia dell’Architettura all’Università di Venezia.

In Italia, dunque, pur con la crisi la sostenibilità è ormai una scelta prioritaria. Lo ha ricordato Paolo Pissarello, in un’altra giornata critica sul fronte ambientale a causa della frana che ha interessato l’area di Messina: “L’alluvione di Genova – ha sottolineato – è stata un’opportunità per ripensare gli edifici della nostra città in temini di qualificazione energetica e di sostenibilità”. È certamente difficile pensare a un’alluvione, che ha prodotto ben sei morti, in termini di opportunità, tuttavia il vicesindaco conferma che, da oggi, nel capoluogo ligure si avrà una maggior qualità abitativa. Il che, tradotto in termini pratici, significa anche meno automobili.

“A Milano – ha rimarcato Corritore – sorgeranno presto due nuovi grattacieli senza il posto auto”. Certo, non basta solo disincentivare, tuttavia è vero che tra le priorità dei cittadini c’è quella della viabilità: Torino e Milano hanno inaugurato servizi di bike sharing e un po’ dappertutto sono sorte zone a traffico limitato, ma il vero problema, ancora una volta, rimane quello economico. Per questo, nessuno disdegna i finanziamenti privati: le case post alluvione a Genova potrebbero essere costruite con soldi privati, ha ammesso Pissarello, e anche Torino e Milano (“che finora ha sofferto di un’assenza di coerenza tra le politiche della mobilità, della viabilità ecc.”, provoca Corritore), hanno avviato progetti di partnership in questa direzione. Per non trovarsi impreparate al 2020 e incalzate dalle forti richieste dei loro cittadini, le amministrazioni stanno così valutando nuovi progetti, cercano di districcarsi nei tortuosi problemi dei finanziamenti e attivano le sperimentazioni. Se questo basterà a rispettare gli obiettivi di sostenibilità fissati tra poco meno di 10 anni, è forse presto per dirlo. È un dato, però, che non avranno più sconti dai loro cittadini.

Agnese Pellegrini

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende