Home » Progetti » Il dissociatore molecolare di Peccioli: una soluzione al problema dei rifiuti:

Il dissociatore molecolare di Peccioli: una soluzione al problema dei rifiuti

gennaio 25, 2010 Progetti

Courtesy of Belvedere PeccioliE’ la prima sperimentazione del genere in Italia e i risultati ottenuti sono incoraggianti: per questo a Peccioli, in provincia di Pisa, a partire da febbraio 2010 sarà di nuovo in funzione il dissociatore molecolare, messo in esercizio per la prima volta il 13 Luglio 2009 presso l’impianto di smaltimento di rifiuti solidi urbani gestito da Belvedere S.p.A. e situato a Legoli, frazione del Comune di Peccioli.

Non ci si deve far ingannare dal nome che, ai più, potrebbe evocare scenari da film di fantascienza: la dissociazione molecolare è una tecnologia concreta che potrebbe rappresentare una vera e propria rivoluzione copernicana nel modo di gestire il problema dei rifiuti facendoli diventare una fonte di approvvigionamento energetico. Il dissociatore molecolare, infatti, è un impianto di piccole dimensioni che tratta i rifiuti con un sistema termo-chimico grazie al quale i rifiuti sono “scomposti” grazie alla combustione in assenza di ossigeno ( pirolisi) e con temperature ridotte ( 400 gradi centigradi circa).

Il risultato della “dissociazione” dei rifiuti tramite combustione è un gas di risulta, detto syngas, che non viene certo diffuso in atmosfera, bensì recuperato ed appositamente convogliato diventando, così, un vero e proprio vettore energetico. Tra breve, infatti, grazie al syngas del dissociatore, potrebbe sorgere a Legoli una serra agricola sperimentale riscaldata ed illuminata per mezzo del syngas prodotto dalla disaggregazione dei rifiuti.

In poche parole potrebbe avvenire ciò che era fino a poco tempo fa impensabile: i rifiuti non sarebbero più l’ultimo scarto, il processo finale, destinati ad essere nascosti sotto terra, bensì potrebbero rappresentare una tappa di un ulteriore processo di produzione di energia, termica ed elettrica. Una discarica, quindi, sarebbe assimilabile ad un impianto di produzione industriale.

E l’impatto ambientale ? Bassissimo, tant’è vero che quella del dissociatore molecolare è una tecnologia che piace anche agli ambientalisti, che la vorrebbero sostituire  ai tanto odiati inceneritori. In virtù delle basse temperature di funzionamento, infatti, le nanopolveri e le diossine sono presenti in quantitativi trascurabili: le diossine, ad esempio, sono 100 volte inferiori a quelle prodotte dai più moderni inceneritori italiani che, pure, rispettano rigidi standard prescritti dalle normative di settore. Le basse temperature fanno sì che non si verifichi la fusione e l’evaporazione di metalli e vetri e, quindi, non si producono particolati contenenti sostanze nocive. Ma c’ è di più: i metalli ed il vetro non si fondono e, quindi, alla fine del procedimento è possibile il loro recupero ed il loro nuovo utilizzo. Anche le ceneri inerti, ad esempio, potrebbero essere usate per i sottofondi stradali.

La sperimentazione condotta a Peccioli da Belvedere S.p.A., che finanzia intermente il progetto (per una somma, fino ad oggi, di 900 mila euro) ha avuto anche il plauso bipartisan della Commissione Ambiente e Territorio e della Commissione Speciale Rifiuti della Regione Toscana, che hanno indicato nel dissociatore molecolare una soluzione ottimale per la situazione dei rifiuti della Toscana utilizzabile, ad esempio, in aree come il Mugello, il Chianti e la Lunigiana in cui il dissociatore, date le dimensioni ridotte ed il suo funzionamento a “moduli”potrebbe essere utilizzato anche con biomasse.

L’impianto ha suscitato grande interesse anche tra gli imprenditori del distretto cartario della Lucchesia. Mercoledì 20 Gennaio scorso, infatti, una delegazione guidata dall’assessore regionale Eugenio Baronti e composta da rappresentanti istituzionali di alcuni comuni della Lucchesia e da esponenti del distretto cartario ha visitato il dissociatore molecolare di Legoli per capire se c’ è la possibilità di utilizzarlo per il “pulper” cartario, cioè il risultato di scarto della lavorazione della carta, attualmente destinato in gran parte all’inceneritore di Brescia. Portare il “pulper” a Legoli abbatterebbe sensibilmente i costi dello smaltimento. Vista la disponibilità manifestata da Renzo Macelloni, presidente di Belvedere S.p.A., è presumibile che l’incontro di Mercoledì 20 abbia un seguito e la questione venga approfondita a livello tecnico.

“La nostra sperimentazione- ha dichiarato Macelloni- ha dimostrato che il dissociatore molecolare può avere ottimi risultati con ogni tipo di rifiuto, anche con il cosiddetto “tal quale” indifferenziato e ha evidenziato esiti molto buoni in termini di emissioni. La dissociazione riduce del 90% il volume dei rifiuti elaborato e permette di trasformare i rifiuti in gas di sintesi finalizzato alla produzione di energia elettrica e termica.” Dopo la trasformazione della materia il gas di sintesi viene ossidato e avviato al recupero energetico senza rischi né per gli addetti, né per la popolazione. Gli impianti in esercizio, dotati di misuratori in continuo delle emissioni in atmosfera, evidenziano emissioni in ordini di grandezza inferiori ai limiti di legge e un residuo di ceneri bianche (prive di carbonio) nell’ordine del 4%.
“Questa soluzione impiantistica- ha continuato Macelloni- “può essere operativa in poco tempo ed apre scenari impensabili, anche per la bonifica di impianti di smaltimento, essendo utilizzabile non solo per i nuovi conferimenti di rifiuti, ma anche per quelli già stoccati. Ci permette, quindi, di risparmiare il nostro territorio riducendo sensibilmente lo spazio da adibire a nuove discariche, con evidenti vantaggi ambientali”.

Andrea Marchetti

.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende