Home » Bollettino Europa »Finanziamenti »Internazionali »Normative »Politiche »Progetti »Rubriche » Il pacchetto UE da 9,1 miliardi per le infrastrutture energetiche:

Il pacchetto UE da 9,1 miliardi per le infrastrutture energetiche

Ora che la Commissione Europea ha presentato il “meccanismo” per collegare l’Europa (Connecting Europe Facility – CEF), le infrastrutture energetiche diventano essenziali per il raggiungimento degli obiettivi europei in materia di clima ed energia. Nel quadro del CEF, per il periodo 2014-2020, sono stati dunque stanziati 9,1 miliardi di Euro per la realizzazione di infrastrutture energetiche.

Il contesto di riferimento e gli obiettivi sono ben precisi. L’UE ha bisogno di nuovi oleodotti, gasdotti e reti elettriche per tre motivi fondamentali: sicurezza degli approvvigionamenti, efficienza energetica e concretezza nel settore delle rinnovabili. Per poter aumentare la quota delle energie rinnovabili al 20% entro il 2020, occorre – ritiene la UE (benchè il sillogismo sia discutibile secondo il concetto di “produzione distribuita“) - portare ai consumatori l’energia prodotta dai parchi eolici e dalle centrali solari. Per questo, l’Unione considera fondamentale una rete più potente e integrata di quella attualmente esistente. In secondo luogo, per risparmiare il 20% del consumo stimato di energia nel 2020 grazie alla tecnologia, sono necessarie reti e contatori intelligenti, che consentano agli utenti di controllare l’esatto consumo di elettricità e cambiare le proprie abitudini per risparmiare energia e denaro. Infine, per garantire l’approvvigionamento di gas anche nell’eventualità di una crisi, è necessario diversificare le fonti e costruire nuovi gasdotti per trasportare il gas da nuove regioni direttamente in Europa.

Per poter raggiungere questi obiettivi, nei prossimi dieci anni occorreranno circa 200 miliardi di euro. Più precisamente, 140 miliardi di euro per sistemi di trasmissione di elettricità ad alta tensione, impianti di stoccaggio dell’energia elettrica e reti intelligenti, 70 miliardi per gasdotti, impianti di stoccaggio del gas, terminali per il gas naturale liquefatto (GNL) e infrastrutture per il flusso inverso (perché il gas possa fluire in entrambe le direzioni), e 2,5 miliardi per infrastrutture di trasporto del biossido di carbonio CO2. Ciò significa un considerevole aumento degli attuali volumi d’investimento. Rispetto al decennio 2000-2010, infatti, si registrerebbe un incremento del 30% degli investimenti nel settore del gas e del 100% nel settore dell’elettricità.

Si prevede però che gli investimenti necessari per conseguire gli obiettivi del 2020 non saranno realizzati o non lo saranno in tempo, principalmente perché occorre troppo tempo per ottenere le licenze di costruzione, e perché non tutti gli investimenti richiesti sono economicamente redditizi. Per questo motivo, con la comunicazione dello scorso 19 ottobre – relativa appunto al pacchetto finanziario per le infrastrutture energetiche - la Commissione propone di selezionare un certo numero di progetti “di interesse comune”. I progetti che avranno ottenuto questa qualifica godranno di un duplice vantaggio. Potranno contare su una speciale procedura per la concessione delle licenze, che sarà più semplice, rapida e trasparente delle procedure normali: ciascuno Stato membro designerà un’unica autorità competente, uno sportello unico, incaricata di gestire l’iter di concessione della licenza dall’inizio alla fine. Inoltre, l’intera procedura per l’ottenimento della licenza non durerà più di tre anni e i progetti potranno beneficiare di finanziamenti dell’UE sotto forma di sovvenzioni, obbligazioni per progetti o garanzie.

Per quanto riguarda i criteri di selezione, deve trattarsi di progetti efficienti sotto il profilo economico, sociale e ambientale, che coinvolgano almeno due Stati membri. A ciò si aggiungono altri criteri settoriali intesi a garantire che i progetti favoriscano la sicurezza degli approvvigionamenti e l’integrazione del mercato, stimolino la concorrenza, rendano il sistema più flessibile e consentano la trasmissione dell’energia generata da fonti rinnovabili verso i centri di consumo e gli impianti di stoccaggio.

Il cofinanziamento dell’UE copre fino al 50% dei costi di studi e lavori e, in circostanze eccezionali, fino all’80% se si tratta di progetti essenziali per la sicurezza degli approvvigionamenti o la solidarietà a livello regionale, ovvero di progetti che richiedono soluzioni innovative o che presentano sinergie intersettoriali. C’è da sottolineare che non tutti i progetti di interesse comune ottengono automaticamente un finanziamento dell’UE. Per avere diritto a sovvenzioni per lavori, i progetti devono dimostrare di non essere economicamente redditizi. Il fatto di essere stato selezionato come “progetto di interesse comune” non significa necessariamente che il progetto fruirà di un finanziamento dell’UE. Nondimeno, il progetto selezionato beneficerà della procedura più spedita per l’ottenimento delle licenze e di uno specifico trattamento normativo previsto per questo tipo di progetti.

Nella comunicazione della Commissione non poteva mancare una nota relativa alle norme ambientali dell’UE e soprattutto alla protezione dei Siti Natura 2000, la quale, però, rivela qualche punto di debolezza. Infatti, secondo la Comunicazione – nonostante le norme ambientali (in particolare quelle stabilite dalla direttiva Natura 2000), vengano pienamente rispettate e si presti particolare attenzione alle opportune valutazioni d’impatto e ai possibili effetti negativi sugli habitat protetti – la fattibilità del progetto verrà comunque “stabilita in base alla sua essenzialità”. In altre parole: nel caso in cui un progetto “essenziale” debba essere assolutamente realizzato, malgrado il suo impatto negativo su un sito protetto, si provvederà a rilasciare l’autorizzazione al percorso meno dannoso, a verificare, cioè, che non esistano percorsi alternativi e ad adottare le necessarie misure compensative, come richiesto dalla direttiva Natura 2000.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende