Home » Green Economy »Idee »Progetti » Il paradosso del riuso: mille volti ma privo di un linguaggio e di una normativa comuni:

Il paradosso del riuso: mille volti ma privo di un linguaggio e di una normativa comuni

giugno 19, 2017 Green Economy, Idee, Progetti

Riuso: cos’è e chi è costui? L’antiquario fa riuso? E l’officina meccanica che ci ripara l’auto? Riqualificare uno spazio industriale dismesso? E un orologio di lusso tramandato per generazioni è riuso? Ecco un settore dell’economia nazionale che fin che non “lo tocchi” sembra tutto chiaro, ma appena ti avvicini…apriti cielo!

A Torino il Tavolo del Riuso, nato su stimolo e contributo della Compagnia di Sanpaolo, ha provato ad accendere i riflettori sul tema facendo incontrare e confrontare, in un workshop interdisciplinare alla Casa del Quartiere di San Salvario, una quarantina di operatori dei diversi ambiti del riuso.

Non una giornata per dare risposte, ma per inquadrare la questione, identificarne i limiti e cercare di porre le basi per progetti comuni tra più soggetti, che a volte non sanno nemmeno di appartenere alla stessa “famiglia”.

Innanzitutto c’è il problema del linguaggio, o del wording, per comunicare al pubblico il mondo del riuso, come ha ricordato il pubblicitario milanese Giuseppe Mazza. Un po’perché riuso e usato, nell’immaginario collettivo, fanno ancora un po’sfigato (anche se molto meno di un tempo). Ma anche perché il linguaggio della comunicazione di cui siamo imbevuti è di origine fordista, deriva dalla concezione lineare della catena di montaggio (di cui fa parte anche il consumatore finale), e fa fatica a piegarsi alla circolarità di questa nuova economia.

C’è poi un’altra seria questione, secondo l’architetto Roberto Tognetti, fondatore di iperPIANO e coautore, con Giovanni Campagnoli, di “Riusiamo l’Italia“: il bias cognitivo, o distorsione cognitiva, un termine apparentemente complesso che indica, in realtà, un’esperienza piuttosto frequente, che ognuno di noi ha avuto nel rapporto con politici anacronistici o funzionari pubblici fuori dal mondo: le mappe mentali (spesso datate) di costoro gli impediscono di cogliere appieno la contemporaneità e le sue esigenze. E di conseguenza anche solo di “capire il problema”. E’la sensazione che hai quando provi a raccontare, ad esempio, i benefici e le opportunità del consumo-zero di suolo a un sindaco che ha in testa solo lo schema degli oneri di urbanizzazione. C’è un disallineamento totale che rende molto difficile, se non impossibile, la comprensione. Il “modello di business” del riuso patisce questo disallineamento quando si cerca di “venderlo” all’assessore di turno. Anche perché non è nemmeno chiaro, rebus sic stantibus, quale sia l’assessore di riferimento! All’ambiente? Alle attività produttive? Al sociale?

Quello dell’inquadramento normativo è infatti l’altro grande problema, sollevato da molti degli operatori presenti. La Cooperativa Insieme di Vicenza ad oggi costituisce quasi un unicum e, grazie ad un dialogo “allineato” con gli uffici comunali competenti e con l’Arpa, è riuscita, ormai da tempo, a interpretare favorevolmente la regolamentazione sui dei centri di riuso e la normativa sul trattamento dei rifiuti, per dare lavoro a 130 persone ed evitare che tanti oggetti ancora utili e funzionanti finiscano in discarica. Come fa anche, a Torino, la cooperativa Triciclo, che al termine del workshop di venerdì ha rilanciato il suo progetto “Cit ma bun“, la rete di raccolta volontaria di quegli oggetti di piccola taglia che hanno ancora la possibilità di essere riutilizzati e reimmessi sul mercato.

Ma non sempre la strada verso queste azioni è tutta in piano. Ne sa qualcosa Giorgio Bertolino, della Astelav, l’azienda di Vinovo (TO) leader nei ricambi per elettrodomestici che, insieme al Sermig di Ernesto Olivero, ha recentemente aperto a Torino il primo negozio del progetto Ri-generation, per “ricondizionare” vecchie lavatrici, lavastoviglie e altri elettrodomestici rottamati. E si è subito scontrato con le prime follie burocratiche tipicamente italiane: test per verificare la presenza di uranio (?!), vasche di scarico per le acque dei test e IVA al 22% replicata senza pietà anche sull’usato rigenerato – una forzatura alla quale i fratelli Bertolino non sembrano intenzionati a sottomettersi docilmente, tanto che hanno attivato il commercialista dell’azienda per un interpello all’Agenzia delle Entrate.

Per questo Greenews.info e Associazione Greencommerce, che hanno partecipato, nel corso dell’ultimo anno, alla costituzione del Tavolo del Riuso, intendono proseguire il cammino con un supporto di tipo culturale, informativo e di sensibilizzazione, per aiutare i cittadini, da un lato, a comprendere meglio sia le opportunità (economiche, ambientali e di salute) che le storture normative del riuso, e gli operatori del settore, dall’altro, a conoscersi meglio tra loro e avviare progetti comuni e attività di sana lobbying.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende