Home » Green Economy »Idee »Progetti » Il paradosso del riuso: mille volti ma privo di un linguaggio e di una normativa comuni:

Il paradosso del riuso: mille volti ma privo di un linguaggio e di una normativa comuni

giugno 19, 2017 Green Economy, Idee, Progetti

Riuso: cos’è e chi è costui? L’antiquario fa riuso? E l’officina meccanica che ci ripara l’auto? Riqualificare uno spazio industriale dismesso? E un orologio di lusso tramandato per generazioni è riuso? Ecco un settore dell’economia nazionale che fin che non “lo tocchi” sembra tutto chiaro, ma appena ti avvicini…apriti cielo!

A Torino il Tavolo del Riuso, nato su stimolo e contributo della Compagnia di Sanpaolo, ha provato ad accendere i riflettori sul tema facendo incontrare e confrontare, in un workshop interdisciplinare alla Casa del Quartiere di San Salvario, una quarantina di operatori dei diversi ambiti del riuso.

Non una giornata per dare risposte, ma per inquadrare la questione, identificarne i limiti e cercare di porre le basi per progetti comuni tra più soggetti, che a volte non sanno nemmeno di appartenere alla stessa “famiglia”.

Innanzitutto c’è il problema del linguaggio, o del wording, per comunicare al pubblico il mondo del riuso, come ha ricordato il pubblicitario milanese Giuseppe Mazza. Un po’perché riuso e usato, nell’immaginario collettivo, fanno ancora un po’sfigato (anche se molto meno di un tempo). Ma anche perché il linguaggio della comunicazione di cui siamo imbevuti è di origine fordista, deriva dalla concezione lineare della catena di montaggio (di cui fa parte anche il consumatore finale), e fa fatica a piegarsi alla circolarità di questa nuova economia.

C’è poi un’altra seria questione, secondo l’architetto Roberto Tognetti, fondatore di iperPIANO e coautore, con Giovanni Campagnoli, di “Riusiamo l’Italia“: il bias cognitivo, o distorsione cognitiva, un termine apparentemente complesso che indica, in realtà, un’esperienza piuttosto frequente, che ognuno di noi ha avuto nel rapporto con politici anacronistici o funzionari pubblici fuori dal mondo: le mappe mentali (spesso datate) di costoro gli impediscono di cogliere appieno la contemporaneità e le sue esigenze. E di conseguenza anche solo di “capire il problema”. E’la sensazione che hai quando provi a raccontare, ad esempio, i benefici e le opportunità del consumo-zero di suolo a un sindaco che ha in testa solo lo schema degli oneri di urbanizzazione. C’è un disallineamento totale che rende molto difficile, se non impossibile, la comprensione. Il “modello di business” del riuso patisce questo disallineamento quando si cerca di “venderlo” all’assessore di turno. Anche perché non è nemmeno chiaro, rebus sic stantibus, quale sia l’assessore di riferimento! All’ambiente? Alle attività produttive? Al sociale?

Quello dell’inquadramento normativo è infatti l’altro grande problema, sollevato da molti degli operatori presenti. La Cooperativa Insieme di Vicenza ad oggi costituisce quasi un unicum e, grazie ad un dialogo “allineato” con gli uffici comunali competenti e con l’Arpa, è riuscita, ormai da tempo, a interpretare favorevolmente la regolamentazione sui dei centri di riuso e la normativa sul trattamento dei rifiuti, per dare lavoro a 130 persone ed evitare che tanti oggetti ancora utili e funzionanti finiscano in discarica. Come fa anche, a Torino, la cooperativa Triciclo, che al termine del workshop di venerdì ha rilanciato il suo progetto “Cit ma bun“, la rete di raccolta volontaria di quegli oggetti di piccola taglia che hanno ancora la possibilità di essere riutilizzati e reimmessi sul mercato.

Ma non sempre la strada verso queste azioni è tutta in piano. Ne sa qualcosa Giorgio Bertolino, della Astelav, l’azienda di Vinovo (TO) leader nei ricambi per elettrodomestici che, insieme al Sermig di Ernesto Olivero, ha recentemente aperto a Torino il primo negozio del progetto Ri-generation, per “ricondizionare” vecchie lavatrici, lavastoviglie e altri elettrodomestici rottamati. E si è subito scontrato con le prime follie burocratiche tipicamente italiane: test per verificare la presenza di uranio (?!), vasche di scarico per le acque dei test e IVA al 22% replicata senza pietà anche sull’usato rigenerato – una forzatura alla quale i fratelli Bertolino non sembrano intenzionati a sottomettersi docilmente, tanto che hanno attivato il commercialista dell’azienda per un interpello all’Agenzia delle Entrate.

Per questo Greenews.info e Associazione Greencommerce, che hanno partecipato, nel corso dell’ultimo anno, alla costituzione del Tavolo del Riuso, intendono proseguire il cammino con un supporto di tipo culturale, informativo e di sensibilizzazione, per aiutare i cittadini, da un lato, a comprendere meglio sia le opportunità (economiche, ambientali e di salute) che le storture normative del riuso, e gli operatori del settore, dall’altro, a conoscersi meglio tra loro e avviare progetti comuni e attività di sana lobbying.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende