Home » Green Economy »Idee »Progetti » Il paradosso del riuso: mille volti ma privo di un linguaggio e di una normativa comuni:

Il paradosso del riuso: mille volti ma privo di un linguaggio e di una normativa comuni

giugno 19, 2017 Green Economy, Idee, Progetti

Riuso: cos’è e chi è costui? L’antiquario fa riuso? E l’officina meccanica che ci ripara l’auto? Riqualificare uno spazio industriale dismesso? E un orologio di lusso tramandato per generazioni è riuso? Ecco un settore dell’economia nazionale che fin che non “lo tocchi” sembra tutto chiaro, ma appena ti avvicini…apriti cielo!

A Torino il Tavolo del Riuso, nato su stimolo e contributo della Compagnia di Sanpaolo, ha provato ad accendere i riflettori sul tema facendo incontrare e confrontare, in un workshop interdisciplinare alla Casa del Quartiere di San Salvario, una quarantina di operatori dei diversi ambiti del riuso.

Non una giornata per dare risposte, ma per inquadrare la questione, identificarne i limiti e cercare di porre le basi per progetti comuni tra più soggetti, che a volte non sanno nemmeno di appartenere alla stessa “famiglia”.

Innanzitutto c’è il problema del linguaggio, o del wording, per comunicare al pubblico il mondo del riuso, come ha ricordato il pubblicitario milanese Giuseppe Mazza. Un po’perché riuso e usato, nell’immaginario collettivo, fanno ancora un po’sfigato (anche se molto meno di un tempo). Ma anche perché il linguaggio della comunicazione di cui siamo imbevuti è di origine fordista, deriva dalla concezione lineare della catena di montaggio (di cui fa parte anche il consumatore finale), e fa fatica a piegarsi alla circolarità di questa nuova economia.

C’è poi un’altra seria questione, secondo l’architetto Roberto Tognetti, fondatore di iperPIANO e coautore, con Giovanni Campagnoli, di “Riusiamo l’Italia“: il bias cognitivo, o distorsione cognitiva, un termine apparentemente complesso che indica, in realtà, un’esperienza piuttosto frequente, che ognuno di noi ha avuto nel rapporto con politici anacronistici o funzionari pubblici fuori dal mondo: le mappe mentali (spesso datate) di costoro gli impediscono di cogliere appieno la contemporaneità e le sue esigenze. E di conseguenza anche solo di “capire il problema”. E’la sensazione che hai quando provi a raccontare, ad esempio, i benefici e le opportunità del consumo-zero di suolo a un sindaco che ha in testa solo lo schema degli oneri di urbanizzazione. C’è un disallineamento totale che rende molto difficile, se non impossibile, la comprensione. Il “modello di business” del riuso patisce questo disallineamento quando si cerca di “venderlo” all’assessore di turno. Anche perché non è nemmeno chiaro, rebus sic stantibus, quale sia l’assessore di riferimento! All’ambiente? Alle attività produttive? Al sociale?

Quello dell’inquadramento normativo è infatti l’altro grande problema, sollevato da molti degli operatori presenti. La Cooperativa Insieme di Vicenza ad oggi costituisce quasi un unicum e, grazie ad un dialogo “allineato” con gli uffici comunali competenti e con l’Arpa, è riuscita, ormai da tempo, a interpretare favorevolmente la regolamentazione sui dei centri di riuso e la normativa sul trattamento dei rifiuti, per dare lavoro a 130 persone ed evitare che tanti oggetti ancora utili e funzionanti finiscano in discarica. Come fa anche, a Torino, la cooperativa Triciclo, che al termine del workshop di venerdì ha rilanciato il suo progetto “Cit ma bun“, la rete di raccolta volontaria di quegli oggetti di piccola taglia che hanno ancora la possibilità di essere riutilizzati e reimmessi sul mercato.

Ma non sempre la strada verso queste azioni è tutta in piano. Ne sa qualcosa Giorgio Bertolino, della Astelav, l’azienda di Vinovo (TO) leader nei ricambi per elettrodomestici che, insieme al Sermig di Ernesto Olivero, ha recentemente aperto a Torino il primo negozio del progetto Ri-generation, per “ricondizionare” vecchie lavatrici, lavastoviglie e altri elettrodomestici rottamati. E si è subito scontrato con le prime follie burocratiche tipicamente italiane: test per verificare la presenza di uranio (?!), vasche di scarico per le acque dei test e IVA al 22% replicata senza pietà anche sull’usato rigenerato – una forzatura alla quale i fratelli Bertolino non sembrano intenzionati a sottomettersi docilmente, tanto che hanno attivato il commercialista dell’azienda per un interpello all’Agenzia delle Entrate.

Per questo Greenews.info e Associazione Greencommerce, che hanno partecipato, nel corso dell’ultimo anno, alla costituzione del Tavolo del Riuso, intendono proseguire il cammino con un supporto di tipo culturale, informativo e di sensibilizzazione, per aiutare i cittadini, da un lato, a comprendere meglio sia le opportunità (economiche, ambientali e di salute) che le storture normative del riuso, e gli operatori del settore, dall’altro, a conoscersi meglio tra loro e avviare progetti comuni e attività di sana lobbying.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende