Home » Nazionali »Politiche »Progetti »Rassegna Stampa » Il quarto rapporto Euromobility sulla mobilità sostenibile:

Il quarto rapporto Euromobility sulla mobilità sostenibile

Bicicletta, Courtesy of lomokev, Flickr.comE’ Venezia la città più “eco-mobile” d’Italia. La città veneta, sesta lo scorso anno, si aggiudica così il trofeo italiano della mobilità sostenibile, scalzando Bologna dal primo posto, seguita da Parma e Torino, che passa dalla tredicesima alla terza posizione.

La classifica emerge dalla quarta edizione del rapporto “Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle 50 principali città“, elaborato da Euromobility con il contributo di Assogasliquidi e Consorzio Ecogas e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Nella “top ten”, che vede sul podio tutte città del centro-nord, ci sono anche Firenze che perde sette posizioni, Brescia che ne guadagna dieci, Bergamo, Reggio Emilia e Ferrara, oltre Bologna che perde però 5 posizioni. Al quattordicesimo posto, ma in discesa, arriva Bari che si conferma prima città del sud. Fanalini di coda nella classifica della mobilità sostenibile, Siracusa e Sassari; mentre L’Aquila non è stata classificata.

“Nonostante la crisi economica, i consumi globali di energia continuano ad aumentare – commenta  Corrado Clini, Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente, nella premessa della ricerca – sostenuti da un uso crescente dei combustibili fossili che, a loro volta, trascinano le emissioni globali di CO2 verso livelli insostenibili per la sicurezza del clima. Secondo il Panel Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici, le emissioni globali dovrebbero essere ridotte di almeno il 50% entro i prossimi 30 anni, mentre il trend attuale fa prevedere una crescita di oltre il 60%”.

Ai trasporti su strada sono da attribuire circa un quinto delle emissioni di gas serra prodotte dalle attività umane ( l’ Italia detiene il primato mondiale di auto pro capite) e questo rende  indispensabile pensare a  interventi sulla mobilità, che dovranno interessare sia il potenziamento delle infrastrutture, soprattutto ferroviarie, sia l’adozione di nuove tecnologie per ridurre le emissioni delle auto. Ma soprattutto misure concrete per migliorare la mobilità urbana.

“Un ruolo di primo piano – continua Clini - assumono le città, che costituiscono il primo punto di contatto tra il cittadino e la pubblica amministrazione e svolgono un ruolo cruciale nelle attività di informazione e di promozione di nuove forme di mobilità, di utilizzo di fonti rinnovabili e di miglioramento dell’efficienza energetica”. Da questa convinzione nasce  il rapporto di Euromobility.

Le 50 città monitorate sono tutti i capoluoghi di Regione, i due capoluoghi delle Province autonome e le città con una popolazione superiore ai 100.000 abitanti. Gli indicatori di cui si è tenuto conto per stilare la classifica sono stati in particolare le innovazioni introdotte per la gestione della mobilità (Car Sharing, Bike Sharing, mobility manager pubblici, ecc) e la loro efficacia; la presenza di auto di nuova generazione (Euro 5) e l’incremento delle auto alimentate a combustibili alternativi (Gpl, metano); l’offerta di trasporto pubblico, le politiche per la ciclabilità, l’ adozione di strumenti di gestione e di pianificazione del traffico.

“I dati che emergono dalla ricerca -ha commentato Arcangelo Merella, Presidente di Euromobility – ci offrono alcune interessanti indicazioni. Diminuiscono le auto di proprietà, si conferma la crescita delle auto alimentate a GPL e Metano, complice anche il caro-carburanti che rende i veicoli a gas sempre più convenienti per i cittadini, ed è confermata la tendenza allo svecchiamento del parco circolante malgrado sia ancora evidente il divario tra il Centro-Nord e il Sud del Paese. I servizi innovativi quali Bike Sharing e Car Sharing, pur essendo molto apprezzati, sono ancora poco conosciuti e rappresentano per i gestori e le Amministrazioni un costo ancora troppo elevato”.

Venezia vince dunque grazie a un trasporto pubblico che funziona, a importanti innovazioni nella gestione della mobilità, come il Car Sharing e il Bike Sharing, ad una riduzione dell’indice di motorizzazione e ad un significativo aumento delle automobili a gas. Torino è invece terza per incremento delle auto a gas, prima per presenza di auto Euro V e per offerta di Car Sharing, seconda per il servizio di Bike Sharing, avviato nel 2010.

A livello nazionale, il Bike Sharing, dopo il boom del 2009, fa registrare un incremento sia degli utenti (+51%) sia delle biciclette (+12%). Sono 16 in tutto le città che hanno adottato il sistema elettronico con tessera magnetica. Milano si conferma la città più coraggiosa con le sue 1.400 biciclette condivise dislocate in 100 punti di prelievo e una media di 3.500 prelievi giornalieri, segue Torino con 300 biciclette e ben 4.200 utenti e Roma con sole 150 biciclette per 16.800 utenti. Il servizio è stato inoltre introdotto dai Comuni di Cagliari e Venezia.

Il Car Sharing, l’auto condivisa, vive invece un momento di stallo. Dopo il trend positivo degli ultimi anni il servizio registra infatti una diminuzione delle auto in flotta (-3,6%) determinata sia dalla revisione del servizio milanese che passa da 133 a 86 automobili, sia dal caso di Modena che ha addirittura cessato il servizio. Le città che possono contare sulla flotta maggiore di auto condivise sono Torino (113) e Roma, che passa da 41 a 105 auto. Sul fronte degli utenti si registra soltanto un incremento dello 0,7%: è Venezia la città con più utenti (3.300), seguita da Milano (2.885, che però perde utenti rispetto al 2009, anno in cui erano 4.097 gli abbonati) e Torino con 2.390.

Il tasso di motorizzazione, finalmente, dopo anni di inarrestabile incremento, cala a 60,78 automobili ogni 100 abitanti, comunque lontano dalla media europea di 46 veicoli ogni 100 abitanti. La città con più auto si confermano Latina con 72.3 auto ogni 100 abitanti, seguono L’Aquila e Catania. Le città più virtuose sono Venezia (41.1), e Genova (46.7). Napoli si conferma in testa alla classifica negativa delle auto più inquinanti (Euro 0) con più del 30% in circolazione, seguita da Catania. Aumentano le auto Euro IV ed Euro V: Torino è la città con più veicoli Euro V (2,6%).

Vertiginoso incremento delle auto a GPL e Metano, che a Bologna, Torino, Reggio Emilia, Modena, Rimini e Venezia aumentano di oltre il 2%. Ravenna e Ferrara si confermano in testa alla classifica per presenza di auto a gas. Fanalini di coda in questa classifica si confermano Trieste, Aosta e Udine con percentuali inferiori al 2%.

Buone notizie – a quanto pare – per la qualità dell’aria. Infatti, per quanto riguarda il PM10 tutte le città sembrerebbero aver registrato una diminuzione dei valori, sia della media annuale sia dei giorni di superamento. Il condizionale resta tuttavia d’obbligo vista la defezione dell’Italia alla Corte di Giustizia Europea. La migliore qualità dell’aria è comunque a Bolzano; la peggiore resta Siracusa.

Nonostante le molte sperimentazioni, persiste ancora una visione limitata del mobility management, rispetto alle esperienze maturate in ambito europeo. In Italia sono solo 41 le città che hanno nominato il mobility manager: 35 Uffici a livello Comunale, 5 Uffici a livello Provinciale e solo uno di Area Industriale. In particolare si nota una difficoltà nel percepire il mobility management come la vera regia dei nuovi servizi per la mobilità sostenibile, nonché delle iniziative di comunicazione per un cambiamento degli atteggiamenti e dei comportamenti dei cittadini.

Secondo la ricetta del Direttore del Ministero, Corrado Clini, invece “le città possono e devono divenire un laboratorio dove declinare le nuove formule di mobilità sostenibile con la diffusione di veicoli a basso impatto e l’utilizzo di nuovi carburanti e attraverso forme di mobilità alternativa, l’adozione di nuove tecnologie per il traffico, l’efficienza del trasporto pubblico”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende