Home » Non-Profit »Pratiche »Progetti » Il riscatto delle Agricole parte dalla terra:

Il riscatto delle Agricole parte dalla terra

novembre 16, 2010 Non-Profit, Pratiche, Progetti

Courtesy of Gianfranco Budano, Flickr.comA fermarle ci hanno già provato tre volte. Furti, intimidazioni, atti vandalici. Persone che non accettano che queste 19 donne calabresi, molte provenienti da situazioni difficili, ragazze madri, disabili, rom, ce la facciano da sole. Ma Le agricole, questo è il nome della cooperativa sociale che Rita Barbuto, la presidente, ha creato insieme ad altre donne due anni e mezzo fa, non si perdono d’animo. Continuano a coltivare i tre ettari di terreno con la stessa costanza e dedizione: ortaggi e grano biologici, un antico frutteto da recuperare, piccoli orti sociali affidati a famiglie e giovani, il sogno di una fattoria didattica. Siamo in campagna, vicino a Lamezia Terme, il terreno è della diocesi, che lo affitta per una piccola somma.

Il progetto è nato ad agosto 2008 da persone provenienti da diverse esperienze nell’ambito del sociale, tra cui la Comunità Progetto Sud, attiva in Calabria dal 1976 a favore di disabili e tossicodipendenti, e l’Associazione Mago Merlino, che accoglie e assiste ragazze madri. «Ci siamo guardate intorno e ci siamo accorte che per queste donne in difficoltà non c’erano opportunità di lavoro. Così abbiamo deciso di creare noi queste occasioni», spiega Rita Barbuto, che è anche direttrice della costola italiana di Disabled Peoples’ International e da anni studia l’esclusione sociale delle persone svantaggiate. Trovare lavoro per una ragazza rom, una donna disabile o sola con un bambino non è semplice: «Anche se si tratta in gran parte di persone scolarizzate, ci sono molti pregiudizi».

Nella cooperativa, ogni donna ha una mansione, in relazione alle sue competenze ed esperienze precedenti. Un gruppo, che ha seguito un corso di formazione con un agronomo, coltiva la terra; un altro si occupa dell’amministrazione e alcune donne curano la parte culturale e divulgativa. «Il nostro è anche un progetto culturale. Stiamo creando una rete con altre associazioni di donne e organizziamo incontri e seminari». Ogni giorno, le agricole si occupano delle piante, raccolgono gli ortaggi e li vendono tramite un piccolo gruppo di acquisto solidale. «Per le persone anziane che non possono venire alla nostra sede per la distribuzione, offriamo anche un servizio di consegna a domicilio». A giugno scorso, c’è stata anche la prima trebbiatura del grano biologico, «una grande soddisfazione per donne che erano partite dal niente, senza esperienze di coltivazione della terra». E nei prossimi mesi sarà anche recuperato e rimesso in produzione un antico frutteto.

Le agricole non vogliono solo produrre cavolfiori e arance, ma anche cercare, nel loro piccolo, di cambiare una mentalità e trovare nel lavoro riscatto e dignità. «Grazie al lavoro, la nostra dignità viene riconosciuta, le nostre donne non si sentono più delle escluse dalla società. Con la nostra cooperativa poi, vorremmo anche cercare di riavvicinare i giovani alla terra e alle tradizioni. Se perdiamo la nostra storia, siamo come un albero senza radici». Per fare questo, racconta Rita, è già stato avviato un progetto di piccoli orti sociali sul terreno della cooperativa. «Non ci limitiamo ad affidare un orto a una famiglia o un gruppo di giovani, ma facciamo anche una specie di consulenza. Insegniamo quando coltivare certe piante e come fare». E poi a disposizione degli orticoltori provetti ci sono un pozzo e un impianto di irrigazione, costruiti dalle donne della cooperativa. Il sogno per il futuro è la realizzazione di una fattoria didattica, dove i bambini possano venire a scoprire piante e animali.

La realtà calabrese non è facile, tanto più per 19 donne guardate con diffidenza e disprezzo. «E’ una realtà difficile e povera. Purtroppo non abbiamo molti finanziamenti e per ora lavoriamo gratis. Abbiamo iniziato l’attività grazie ai soldi messi a disposizione dalla Comunità Progetto Sud e dall’associazione Mago Merlino e abbiamo acceso un piccolo mutuo. Ancora adesso, però, tutto quello che ricaviamo ci serve per pagare le spese», spiega Rita senza un filo di scoramento. «Questo è la dimostrazione che le ragazze credono molto nel progetto, per loro è una via di riscatto e di crescita». Le agricole, insomma, non hanno proprio intenzione di arrendersi. Neanche di fronte a chi, «con mentalità e mezzi mafiosi», continua a rubare gli ortaggi dai loro campi o a sradicare le piantine appena coltivate.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende