Home » Non-Profit »Pratiche »Progetti » Il riscatto delle Agricole parte dalla terra:

Il riscatto delle Agricole parte dalla terra

novembre 16, 2010 Non-Profit, Pratiche, Progetti

Courtesy of Gianfranco Budano, Flickr.comA fermarle ci hanno già provato tre volte. Furti, intimidazioni, atti vandalici. Persone che non accettano che queste 19 donne calabresi, molte provenienti da situazioni difficili, ragazze madri, disabili, rom, ce la facciano da sole. Ma Le agricole, questo è il nome della cooperativa sociale che Rita Barbuto, la presidente, ha creato insieme ad altre donne due anni e mezzo fa, non si perdono d’animo. Continuano a coltivare i tre ettari di terreno con la stessa costanza e dedizione: ortaggi e grano biologici, un antico frutteto da recuperare, piccoli orti sociali affidati a famiglie e giovani, il sogno di una fattoria didattica. Siamo in campagna, vicino a Lamezia Terme, il terreno è della diocesi, che lo affitta per una piccola somma.

Il progetto è nato ad agosto 2008 da persone provenienti da diverse esperienze nell’ambito del sociale, tra cui la Comunità Progetto Sud, attiva in Calabria dal 1976 a favore di disabili e tossicodipendenti, e l’Associazione Mago Merlino, che accoglie e assiste ragazze madri. «Ci siamo guardate intorno e ci siamo accorte che per queste donne in difficoltà non c’erano opportunità di lavoro. Così abbiamo deciso di creare noi queste occasioni», spiega Rita Barbuto, che è anche direttrice della costola italiana di Disabled Peoples’ International e da anni studia l’esclusione sociale delle persone svantaggiate. Trovare lavoro per una ragazza rom, una donna disabile o sola con un bambino non è semplice: «Anche se si tratta in gran parte di persone scolarizzate, ci sono molti pregiudizi».

Nella cooperativa, ogni donna ha una mansione, in relazione alle sue competenze ed esperienze precedenti. Un gruppo, che ha seguito un corso di formazione con un agronomo, coltiva la terra; un altro si occupa dell’amministrazione e alcune donne curano la parte culturale e divulgativa. «Il nostro è anche un progetto culturale. Stiamo creando una rete con altre associazioni di donne e organizziamo incontri e seminari». Ogni giorno, le agricole si occupano delle piante, raccolgono gli ortaggi e li vendono tramite un piccolo gruppo di acquisto solidale. «Per le persone anziane che non possono venire alla nostra sede per la distribuzione, offriamo anche un servizio di consegna a domicilio». A giugno scorso, c’è stata anche la prima trebbiatura del grano biologico, «una grande soddisfazione per donne che erano partite dal niente, senza esperienze di coltivazione della terra». E nei prossimi mesi sarà anche recuperato e rimesso in produzione un antico frutteto.

Le agricole non vogliono solo produrre cavolfiori e arance, ma anche cercare, nel loro piccolo, di cambiare una mentalità e trovare nel lavoro riscatto e dignità. «Grazie al lavoro, la nostra dignità viene riconosciuta, le nostre donne non si sentono più delle escluse dalla società. Con la nostra cooperativa poi, vorremmo anche cercare di riavvicinare i giovani alla terra e alle tradizioni. Se perdiamo la nostra storia, siamo come un albero senza radici». Per fare questo, racconta Rita, è già stato avviato un progetto di piccoli orti sociali sul terreno della cooperativa. «Non ci limitiamo ad affidare un orto a una famiglia o un gruppo di giovani, ma facciamo anche una specie di consulenza. Insegniamo quando coltivare certe piante e come fare». E poi a disposizione degli orticoltori provetti ci sono un pozzo e un impianto di irrigazione, costruiti dalle donne della cooperativa. Il sogno per il futuro è la realizzazione di una fattoria didattica, dove i bambini possano venire a scoprire piante e animali.

La realtà calabrese non è facile, tanto più per 19 donne guardate con diffidenza e disprezzo. «E’ una realtà difficile e povera. Purtroppo non abbiamo molti finanziamenti e per ora lavoriamo gratis. Abbiamo iniziato l’attività grazie ai soldi messi a disposizione dalla Comunità Progetto Sud e dall’associazione Mago Merlino e abbiamo acceso un piccolo mutuo. Ancora adesso, però, tutto quello che ricaviamo ci serve per pagare le spese», spiega Rita senza un filo di scoramento. «Questo è la dimostrazione che le ragazze credono molto nel progetto, per loro è una via di riscatto e di crescita». Le agricole, insomma, non hanno proprio intenzione di arrendersi. Neanche di fronte a chi, «con mentalità e mezzi mafiosi», continua a rubare gli ortaggi dai loro campi o a sradicare le piantine appena coltivate.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende