Home » Nazionali »Politiche »Progetti » Il “ritardometro” del Kyoto Club. Un pungolo per il Governo:

Il “ritardometro” del Kyoto Club. Un pungolo per il Governo

ottobre 7, 2011 Nazionali, Politiche, Progetti

«Più che degli incentivi, abbiamo bisogno di un Paese serio». Il governo è in ritardo sull’attuazione di nove provvedimenti attuativi del Decreto Romani e le parole di Andrea Tomaselli, Presidente di Assoesco (l’associazione italiana delle Energy Service COmpany), raccontano lo stato d’animo degli addetti ai lavori. Le associazioni di settore (Aiel, Anev, Aper, Assoesco, Assolterm, Itabia) si sono riunite a Roma, guidate dal Kyoto Club, per fare un appello al governo e presentare un’iniziativa originale: dal 10 ottobre, sulla homepage del sito dell’organizzazione, comparirà un “Ritardometro”, «con lo scopo di segnalare tutti i provvedimenti attesi e la cui scadenza per alcuni è stata già superata: dal “burden sharing” che definisce gli obiettivi vincolanti sulle energie verdi per le Regioni, alle norme mancanti sugli incentivi per le fonti rinnovabili elettrice e termiche, a quelle per l’efficienza energetica e il biometano». Ambiti per i quali, fa notare il Kyoto Club, «si rischia di ripetere quanto accaduto con i provvedimenti sui titoli di efficienza energetica previsti nel 2008 dal d. lgs. 115 e nel 2009 dal d. lgs. 99».

Secondo il dossier presentato ieri a Roma, i provvedimenti in ritardo sono dunque già nove e riguardano ambiti diversi: dalle prescrizioni per la posa in opera di impianti per la produzione di calore dalla geotermia alla definizione di incentivi per l’immissione in rete del biometano, fino alla messa a punto di interventi e misure per lo sviluppo tecnologico e industriale per FER e efficienza energetica. Ma la lacuna più vistosa sono i due decreti che riguardano gli incentivi per la produzione di energia elettrica rinnovabile con impianti che entreranno in esercizio dal 1° gennaio 2013 e per la produzione di energia termica ed interventi di aumento dell’efficienza energetica dopo il 31 dicembre 2011. «In un paese normale – commenta Francesco Ferrante, senatore e vicepresidente Kyoto Club – se una legge prevede una scadenza per emanare alcuni decreti, il governo rispetta quella scadenza. Specialmente se si tratta di una materia, come questa, che coinvolge tutti i cittadini, migliaia di imprese e decine di migliaia di lavoratori: un settore, forse l’unico in questo drammatico momento di crisi economica, che potrebbe garantire sviluppo e nuove occasioni. Invece il Governo, che non ha ancora stabilizzato, oltretutto, il 55% (la detrazione del 55% per gli interventi di efficienza energetica, ndr) e dimostra continui ondeggiamenti sul fotovoltaico, è in ritardo, in grave ritardo. Per questo ho presentato un’interrogazione al Ministero per lo Sviluppo Economico». Interrogazione in cui, insieme al collega Roberto Della Seta, il senatore chiede ai ministri dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente e delle Politiche agricole «quali siano i gravi motivi che hanno impedito, fino ad oggi, di emanare gli atti normativi di competenza (…), mettendo a rischio, di fatto, qualsiasi investimento e sviluppo nel settore delle fonti rinnovabili».

Quello che manca, concordano i rappresentanti delle diverse associazioni, è una visione d’insieme: «Il governo si deve chiedere dove vuole andare nel lungo periodo, e poi stabilire a ritroso le mosse da qui al 2020», sottolinea Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club. «In un momento di crisi economica come quello attuale è quanto mai necessario dare impulso ad uno dei pochi settori anticiclici. Ma è tutta la politica energetica del paese che va rimessa a fuoco dopo il referendum sul nucleare. Serve una nuova politica sull’energia, che non solo punti agli obiettivi europei del 2020, il cosiddetto “20-20-20”, ma sia anche in grado di contemplare la traiettoria di ‘decarbonizzazione’ dei decenni successivi che dovrà portarci, come ricorda la “Roadmap al 2050” della Commissione Europea recentemente pubblicata, ad un taglio dell’80% delle emissioni climalteranti entro la metà del secolo», continua Silvestrini.

Gli operatori cheidono quindi che il governo si attivi per recuperare il ritardo: «Auspichiamo una rapida emanazione dei decreti attuativi al Decreto Legislativo 28/2011 sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabilie (la cui scadenza era prevista il 29 settembre), da farsi in spirito di massima collaborazione istituzionale con le associazioni», spiega Pier Francesco Rimbotti, membro di Giunta di Aper (l’Associazione Produttori da Energie Rinnovabili).

Il clima di instabilità fa paura alle imprese e, sottolinea Rainer Karan, vice presidente di Anev (Associazione Nazionale Energia del Vento), «comporta gravi ripercussioni sul sistema nazionale e danni incalcolabili per gli investitori, per l’intero Paese e per il potenziale occupazionale che, secondo le stime Anev-Uil, potrebbe toccare i 67.000 addetti nel settore entro il 2020». Preoccupati anche gli operatori delle ESCo, le società che operano nel campo dell’efficienza energetica: «l’efficienza energetica è una risorsa centrale per l’Italia», ribadisce il presidente di Assoesco Tomaselli, ma «difficile da raccontare, realizzare e gestire nel tempo. Richiede serietà, professionalità, lavoro, e non si presta ad annunci spettacolari. Per questi motivi è sempre stata trattata come la Cenerentola dell’energia. Per questo le ESCo chiedono un quadro di regole chiare, equilibrate e ragionevolmente durature entro le quali poter operare».

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende