Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » In Sardegna nasce il Parco di Tepilora, una vittoria dei sindaci:

In Sardegna nasce il Parco di Tepilora, una vittoria dei sindaci

Circa 6.500 ettari di territorio su cui sono presenti oasi di protezione faunistica, quattro Comuni coinvolti e un futuro costruito sulla base dello sviluppo sostenibile. Sono le caratteristiche del nascente Parco di Tepilora, Sant’Anna e rio Posada, nella Sardegna nord-occidentale, presentato in questi giorni alla comunità e alla stampa, alla vigilia della Giornata europea dei parchi che si tiene domani. “Con questa iniziativa “Benvenuti nel Parco” – spiega Roberto Tola, sindaco di Posada – si chiude la fase di sensibilizzazione che ha coinvolto i quattro comuni interessati all’istituzione del parco di Tepilora. È stato un percorso coinvolgente che ci ha fatto scoprire, se ancora ce ne fosse bisogno, le bellezze naturalistiche e le potenzialità che possiede il nostro territorio interessato dal Parco. Come Comune siamo ancora più determinati a proseguire nel percorso istitutivo dell’area protetta”.

Di essa fa parte anche la foresta Sos Littos – Sas Tumbas, una delle foreste storiche della Sardegna, acquisita del demanio fin dal 1914. Meta di visitatori per via delle sue bellezze naturali e di sentieri che conducono a luoghi di particolare pregio ambientale. Si segnalano popolazioni di daini, cinghiali, volpi, gatti selvatici, martore, lepri, donnole. Inoltre il complesso ospita un recinto per il ripopolamento dei mufloni. Ma dal punto di vista faunistico l’elemento di maggior interesse è dato dalla presenza dell’aquila reale, il cui sito di nidificazione è localizzato nei pressi del Monte Tepilora. Non è comunque difficile avvistare il falco pellegrino, lo sparviero e la poiana.

“Un cammino di grande successo che ha permesso alla popolazione locale di comprendere a pieno i vantaggi derivanti alla comunità dall’istituzione del Parco, soprattutto dal punto di vista economico-ambientale”,  racconta Antonella Dalu, sindaco di Torpè. “Le iniziative che abbiamo proposto, tutte di grande interesse, hanno infatti consentito anche ai più scettici di guardare al Parco in un’ottica positiva, premiando così la nostra lungimiranza e l’impegno profuso in questi due anni per la realizzazione del progetto. Oggi sono orgogliosa di poter dire che Torpè dice di sì al Parco Tepilora”.
 I turisti potranno visitare le località montane con paesaggi mozzafiato, dove “la “purezza” dei luoghi con attività sorgive, luoghi di interesse paesaggistico, la presenza di attività pastorizia con i prodotti diretti del “pastore” renderanno il soggiorno degli stessi più funzionale e alternativo alle grandi e caotiche città. Il Parco diventerà poi un elemento fondamentale per le varie comunità esistenti e per le generazioni future sarà, oltre che un’occasione lavorativa ed economica, una riscoperta delle tradizioni”, commenta Graziano Spanu, sindaco di Lodè.

I sindaci dei paesi coinvolti sono tutti d’accordo: l’istituzione del Parco, per usare le parole del primo cittadino di Bitti Giuseppe Ciccolini,”rappresenta un’occasione prestigiosa e irripetibile per lo sviluppo sostenibile dell’economia turistica e agricola dell’area che ruota attorno al monte Tepilora”. E, aggiunge Sebastiano Venneri, responsabile Territorio e Innovazione di Legambiente, “potrebbe essere un’occasione anche per la Regione Sardegna, che non istituisce parchi regionali da oltre 20 anni, di mostrare il suo interesse alla politica ambientale”.

Il disegno di legge per l’istituzione del parco è stato approvato dalla giunta regionale nel dicembre 2005, mentre è del febbraio 2008 la firma di un’intesa tra la Regione Sardegna, l’Ente Foreste, la provincia di Nuoro e i quattro Comuni su cui si estende il parco: Bitti, Lodè, Torpé e Posada. Ora si attende che la Regione Sardegna dia la veste istituzionale al Parco. “Spero che non ci siano intoppi - dice Antonio Nicoletti, responsabile Nazionale Aree Protette Legambiente -. Questo parco testimonia la buona volontà delle amministrazioni locali per stare nel sistema delle aree protette. E’ il risultato di un lungo percorso, col tempo la sensibilizzazione dei Comuni è cresciuta e qui il parco è nato proprio dalla volontà degli amministratori locali di non perdere una grandissima ricchezza. Questo è un parco molto speciale. E’ uno di quelle aree che negli anni ’70 sono state snobbate dagli appetiti speculativi, perché povera e marginale così da scampare alla cementificazione selvaggia. Si tratta di una zona miracolosamente fuggita alle brutture del turismo di massa. Oggi chi visita questi luoghi si immerge in territori preservati al massimo, in un’agricoltura fatta da appezzamenti piccoli. Perché serve fare un Parco? Ma perché così si dà un marchio a questo territorio e a qualificare l’offerta turistica”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende