Home » Aziende »Campioni d'Italia »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione »Rubriche » Italian Bio Products: nasce a Crescentino la prima bioraffineria al mondo:

Italian Bio Products: nasce a Crescentino la prima bioraffineria al mondo

Guardando il nuovo logo che campeggia all’ingresso dell’ex stabilimento Teksid di Crescentino, si potrebbe quasi pensare a una sottile ironia nei confronti di BP, il colosso britannico, divenuto simbolo delle tragedie petrolifere con la marea nera nel Golfo del Messico. Ma la famiglia Ghisolfi l’ha fatta in realtà molto più grossa ai petrolieri. Con la posa, ieri, della prima pietra di IBP, la bioraffineria che sorgerà, entro un anno, nel piccolo comune del vercellese, la Mossi & Ghisolfi ha compiuto una vera e propria PROESA (una “prodezza”, come racconta l’ingegnere brasiliano che dirige l’omonimo impianto pilota), aprendo la strada all’industrializzazione di una nuova tecnologia, che consenitrà di produrre bioetanolo di seconda generazione  a partire dalla canna comune (la Arundo Donax) e dai residui delle lavorazioni agricole locali, come la paglia di riso e gli stocchi di mais.

Abbiamo già raccontato questa storia di eccellenza italiana il 16 marzo scorso, alla vigilia del 150°anniversario dell’Unità, ma credo che un caso esemplare di questa portata meriti la maggiore visibilità possibile da parte dei media, perchè racchiude, simbolicamente, tutto il meglio e tutto il peggio del nostro incredibile paese.

Il peggio l’ha raccontato, in conferenza stampa, Guido Ghisolfi, il vicepresidente del Gruppo, con un tragicomico aneddoto. Nel 2007 M&G fa richiesta di ammissione, al Ministero dello Sviluppo Economico, ai finanziamenti per il sostegno all’innovazione “Industria 2015“. L’azienda viene selezionata, ma gli anni passano e i soldi non arrivano. 2007, 2008, 2009, 2010, 2011: cinque anni e il vicepresidente del gruppo viene convocato da un funzionario del Ministero, con la premessa di due notizie ”non positive”. La prima è che i fondi di Industria 2015, essendo passato un lustro, sono andati “in perenzione” (capolavoro linguistico della burocrazia italiana per dire che sono morti, non ci sono più!). La seconda notizia è che M&G, risultando comunque vincitrice di quel finanziamento (mai ricevuto), non ha diritto ai nuovi fondi stanziati dal CIPE! Il danno e la beffa, nella miglior tradizione nazionale.

Eppure l’italiano, nella sua espressione migliore (che ha declinazioni regionali diverse, ma accomunate da creatività e pervicacia), è un individuo che non si scoraggia facilmente, sia esso un imprenditore, un amministratore o un frate. E qui viene fuori il meglio del paese insito in questa storia, per molti versi esemplare. L’azienda prosegue il progetto PROESA, finanziando da sè la ricerca, attraverso la controllata Chemtex, con 120 milioni di euro. Ma soprattutto coinvolgendo, in un tour de force durato 5 anni, 50 giovani ricercatori (i cervelli non emigrati) del Parco Tecnologico di Rivalta Scriviacoordinati dall’instancabile direttore R&D Dario Giordano – e collaborando con la Regione Piemonte, il Politecnico di Torino, l’ENEA e l’azienda danese Novozymes, leader mondiale nella produzione degli enzimi per la fermentazione alcolica del biocarburante.

La tecnologia così sviluppata non è una semplice “innovazione”. E’ qualcosa in grado di cambiare la bilancia commerciale del nostro paese, riducendo (fino allo zero, se solo ci fosse la volontà politica), la dipendenza dalle fonti fossili importate dall’estero e utilizzate oggi non solo per produrre carburanti, ma anche energia, materie plastiche e centinaia di prodotti di uso comune.

Secondo le direttive dell’Unione Europea, entro il 2020 almeno il 10% dei combustibili per autotrazione dovrà infatti provenire da fonti rinnovabili. Una disposizione normativa che crea una domanda di mercato stimata, per la sola Italia, in 1,5 tonnellate di bioetanolo, ma che pone, al tempo stesso, seri problemi di approvvigionamento. Coltivare anche solo il 3% dei terreni marginali italiani con la canna arundo donax, da processare attraverso la tecnologia PROESA, permetterebbe invece al nostro paese di centrare in pieno l’obiettivo europeo. Offrendo per altro al consumatore un prodotto economicamente più conveniente della benzina, quando il prezzo del barile di petrolio sia oltre i 60 dollari (cifra che oggi è quasi doppia e, secondo gli analisti, destinata a crescere negli anni).

Ma Campione d’Italia è anche Il sindaco di Crescentino, Marinella Venegoni, che da buona amministratice di un paesino di 8000 anime, falcidiato dalla crisi  economica ha saputo cogliere un’opportunità che il Comune di Tortona, sede storica della Mossi & Ghisolfi, si è lasciata scappare per un mal inteso ambientalismo antagonista di vecchia maniera. Mentre la politica era impegnata, anche ieri, nel deprimente spettacolo che ruota intorno alle vicende del Cavaliere, un altro Cavaliere del Lavoro, Vittorio Ghisolfi, fondatore dell’azienda e classe 1930, l’ha ringraziata pubblicamente (con un certo trasporto e commozione) in una sala gremita di imprenditori e ricercatori da mezzo mondo, dove spiccava, accecante, l’assenza di qualsiasi ministro della Repubblica.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende