Home » Aziende »Campioni d'Italia »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione »Rubriche » Italian Bio Products: nasce a Crescentino la prima bioraffineria al mondo:

Italian Bio Products: nasce a Crescentino la prima bioraffineria al mondo

Guardando il nuovo logo che campeggia all’ingresso dell’ex stabilimento Teksid di Crescentino, si potrebbe quasi pensare a una sottile ironia nei confronti di BP, il colosso britannico, divenuto simbolo delle tragedie petrolifere con la marea nera nel Golfo del Messico. Ma la famiglia Ghisolfi l’ha fatta in realtà molto più grossa ai petrolieri. Con la posa, ieri, della prima pietra di IBP, la bioraffineria che sorgerà, entro un anno, nel piccolo comune del vercellese, la Mossi & Ghisolfi ha compiuto una vera e propria PROESA (una “prodezza”, come racconta l’ingegnere brasiliano che dirige l’omonimo impianto pilota), aprendo la strada all’industrializzazione di una nuova tecnologia, che consenitrà di produrre bioetanolo di seconda generazione  a partire dalla canna comune (la Arundo Donax) e dai residui delle lavorazioni agricole locali, come la paglia di riso e gli stocchi di mais.

Abbiamo già raccontato questa storia di eccellenza italiana il 16 marzo scorso, alla vigilia del 150°anniversario dell’Unità, ma credo che un caso esemplare di questa portata meriti la maggiore visibilità possibile da parte dei media, perchè racchiude, simbolicamente, tutto il meglio e tutto il peggio del nostro incredibile paese.

Il peggio l’ha raccontato, in conferenza stampa, Guido Ghisolfi, il vicepresidente del Gruppo, con un tragicomico aneddoto. Nel 2007 M&G fa richiesta di ammissione, al Ministero dello Sviluppo Economico, ai finanziamenti per il sostegno all’innovazione “Industria 2015“. L’azienda viene selezionata, ma gli anni passano e i soldi non arrivano. 2007, 2008, 2009, 2010, 2011: cinque anni e il vicepresidente del gruppo viene convocato da un funzionario del Ministero, con la premessa di due notizie ”non positive”. La prima è che i fondi di Industria 2015, essendo passato un lustro, sono andati “in perenzione” (capolavoro linguistico della burocrazia italiana per dire che sono morti, non ci sono più!). La seconda notizia è che M&G, risultando comunque vincitrice di quel finanziamento (mai ricevuto), non ha diritto ai nuovi fondi stanziati dal CIPE! Il danno e la beffa, nella miglior tradizione nazionale.

Eppure l’italiano, nella sua espressione migliore (che ha declinazioni regionali diverse, ma accomunate da creatività e pervicacia), è un individuo che non si scoraggia facilmente, sia esso un imprenditore, un amministratore o un frate. E qui viene fuori il meglio del paese insito in questa storia, per molti versi esemplare. L’azienda prosegue il progetto PROESA, finanziando da sè la ricerca, attraverso la controllata Chemtex, con 120 milioni di euro. Ma soprattutto coinvolgendo, in un tour de force durato 5 anni, 50 giovani ricercatori (i cervelli non emigrati) del Parco Tecnologico di Rivalta Scriviacoordinati dall’instancabile direttore R&D Dario Giordano – e collaborando con la Regione Piemonte, il Politecnico di Torino, l’ENEA e l’azienda danese Novozymes, leader mondiale nella produzione degli enzimi per la fermentazione alcolica del biocarburante.

La tecnologia così sviluppata non è una semplice “innovazione”. E’ qualcosa in grado di cambiare la bilancia commerciale del nostro paese, riducendo (fino allo zero, se solo ci fosse la volontà politica), la dipendenza dalle fonti fossili importate dall’estero e utilizzate oggi non solo per produrre carburanti, ma anche energia, materie plastiche e centinaia di prodotti di uso comune.

Secondo le direttive dell’Unione Europea, entro il 2020 almeno il 10% dei combustibili per autotrazione dovrà infatti provenire da fonti rinnovabili. Una disposizione normativa che crea una domanda di mercato stimata, per la sola Italia, in 1,5 tonnellate di bioetanolo, ma che pone, al tempo stesso, seri problemi di approvvigionamento. Coltivare anche solo il 3% dei terreni marginali italiani con la canna arundo donax, da processare attraverso la tecnologia PROESA, permetterebbe invece al nostro paese di centrare in pieno l’obiettivo europeo. Offrendo per altro al consumatore un prodotto economicamente più conveniente della benzina, quando il prezzo del barile di petrolio sia oltre i 60 dollari (cifra che oggi è quasi doppia e, secondo gli analisti, destinata a crescere negli anni).

Ma Campione d’Italia è anche Il sindaco di Crescentino, Marinella Venegoni, che da buona amministratice di un paesino di 8000 anime, falcidiato dalla crisi  economica ha saputo cogliere un’opportunità che il Comune di Tortona, sede storica della Mossi & Ghisolfi, si è lasciata scappare per un mal inteso ambientalismo antagonista di vecchia maniera. Mentre la politica era impegnata, anche ieri, nel deprimente spettacolo che ruota intorno alle vicende del Cavaliere, un altro Cavaliere del Lavoro, Vittorio Ghisolfi, fondatore dell’azienda e classe 1930, l’ha ringraziata pubblicamente (con un certo trasporto e commozione) in una sala gremita di imprenditori e ricercatori da mezzo mondo, dove spiccava, accecante, l’assenza di qualsiasi ministro della Repubblica.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ISPRA: non sono gli allevamenti ma gli scarichi a inquinare la falda

gennaio 30, 2015

ISPRA: non sono gli allevamenti ma gli scarichi a inquinare la falda

Lo studio completato  dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) scagiona definitivamente l’allevamento e accerta la responsabilità nell’inquinamento delle acque sotterranee di settori diversi e concorrenti, dai fanghi di depurazione agli scarichi civili. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare i risultati dello studio dell’Ispra presentati al ministro delle Politiche Agricole, Maurizio [...]

Ambiente: via libera da commissioni Senato a DDL ecoreati

gennaio 29, 2015

Ambiente: via libera da commissioni Senato a DDL ecoreati

“Dopo un anno di attesa finalmente è arrivato il via libera delle commissioni Ambiente e Giustizia del Senato sul disegno di legge sui reati ambientali”. Il provvedimento licenziato è stato migliorato rispetto a quello approvato dalla Camera il 26 febbraio 2014, apportando diverse modifiche per renderlo ancor più incisivo. Legambiente intende proporre ancora alcuni aggiustamenti [...]

Premio Innovazione Amica dell’Ambiente: aperte le iscrizioni al bando 2015

gennaio 29, 2015

Premio Innovazione Amica dell’Ambiente: aperte le iscrizioni al bando 2015

Il 2015 è l’anno ONU dedicato alla luce e alle sue tecnologie, ma è anche l’anno dedicato all’uso del suolo nel mondo, e il decennale del Millenium Goal, della Conferenza sui cambiamenti climatici a Parigi e dell’Expo a Milano. Tanti contenuti per un Paese che ha bisogno di nuove idee per uscire dalla crisi. La [...]

“Terre originali”, un bando per riportare i giovani a coltivare le Langhe

gennaio 28, 2015

“Terre originali”, un bando per riportare i giovani a coltivare le Langhe

C’e’ tempo fino al 15 febbraio 2015 per partecipare al bando del progetto “Terre originali”, iniziativa sperimentale pensata per rispondere ai problemi emergenti dei terreni incolti, della disoccupazione giovanile e del ricambio generazionale nella gestione agricola. Il progetto – attivato dal Mercato Contadini delle Langhe, Cantina Clavesana, Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Comizio Agrario di Mondovì e [...]

Industria del vetro: il 70% degli investimenti punta a ridurre l’impatto ambientale

gennaio 28, 2015

Industria del vetro: il 70% degli investimenti punta a ridurre l’impatto ambientale

Circa 20.200 occupati, un contributo alla formazione del PIL italiano di 1,4 miliardi di euro, un tasso di riciclo più del 71%, oltre 9.600 tonnellate di bottiglie e vasetti prodotte ogni giorno, investimenti medi di 89 milioni di euro l’anno, soprattutto destinati a “miglioramenti” in chiave ambientale. La filiera italiana dei contenitori in vetro, una [...]

Turismo slow: sulla linea della “Valigia delle Indie” la terza Maratona ferroviaria

gennaio 27, 2015

Turismo slow: sulla linea della “Valigia delle Indie” la terza Maratona ferroviaria

In Italia, nonostante dismissioni e chiusure, sopravvivono ancora decine di linee ferroviarie minori che collegano città e paesi. Hanno ancora grandi cose da dire: favoriscono il turismo in aree marginali, sono di supporto alla mobilità dolce e agli spostamenti locali, hanno una vera funzione ecologica e sostenibile. Se mantenute, magari un giorno, potrebbero tornare ancora [...]

Analisi Frost & Sullivan: la capacità installata delle rinnovabili raddoppierà entro il 2025

gennaio 27, 2015

Analisi Frost & Sullivan: la capacità installata delle rinnovabili raddoppierà entro il 2025

L’ultimo decennio ha assistito a sviluppi significativi nelle politiche sull’energia rinnovabile. In precedenza, meno di 50 paesi in tutto il mondo avevano policy a sostegno dell’energia rinnovabile; questa cifra è ora più di 130. Come risultato del sostegno politico e finanziario, gli investimenti per le energie rinnovabili sono aumentati considerevolmente negli ultimi anni. Infatti, l’Unione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO