Home » Idee »Non-Profit »Pratiche »Progetti » L’erba del vicino (non) è sempre la più verde.:

L’erba del vicino (non) è sempre la più verde.

ottobre 7, 2009 Idee, Non-Profit, Pratiche, Progetti

Courtesy of Mckaysavage (Flickr)“Il cibo che non deve essere coltivato o allevato o trattato in vista di un lungo viaggio ha un sapore migliore, costa di meno e ha un minore impatto ecologico, oltre a dipendere dalle stagioni.

Mangiare così significa meno pomodori freschi in inverno, certo, ma la rieducazione del palato troverà una degna compensazione nel numero assai più ampio di alimenti di quanto uno si immaginerebbe. Il cibo prodotto per il consumo locale non deve essere pensato per il trasporto”.

Questa citazione estrapolata dal best seller di Raj Patel, I padroni del cibo, sembra essere il manifesto di un nuovo modo di pensare e vivere il cibo che sempre più si sta diffondendo nel nostro paese: l’alimentazione a “km zero”. Da qualche tempo infatti non solo le massaie che popolano ogni giorno i mercati scelgono con cura i prodotti stagionali e prediligono ricette legate al territorio, ma anche ristoranti e trattorie rivolgono la loro attenzione all’agricoltura regionale e alla stagionalità dei prodotti della terra.

Molti sono i fattori che hanno determinato questo cambio di rotta nei gusti dei consumatori: se l’era della globalizzazione ha fatto sì che qualsiasi prodotto sia divenuto disponibile pressochè in qualsiasi luogo, la recente crisi economica e la valutazione degli enormi costi di spostamento delle derrate alimentari hanno ridimensionato le velleità delle tavole degli italiani riportandoli a una dimensione più locale e alla riscoperta dei sapori tradizionali.

Come si dice, in tempi difficili “meglio fare di necessità virtù” e cercare di risparmiare il più possibile: accorciando la filiera produttore-consumatore ed eliminando gli intermediari si può arrivare ad un risparmio economico netto di quasi il il 30%, si ha la sicurezza di acquistare prodotti freschi e, ultimo, ma non meno importante,  gli acquisti divengono sostenibili dal punto di vista ambientale in quanto evitano il consumo di carburante necessario al trasporto della merce di importazione e riducono la produzione di CO2.

Secondo un recente studio della Coldiretti, infatti, consumando prodotti locali e di stagione e facendo attenzione agli imballaggi, una famiglia media può risparmiare fino a 1000 chili di anidride carbonica (CO2) l’anno poiché ad esempio per trasportare a Roma un chilo di ciliegie dall’Argentina in aereo per una distanza di 12mila km si liberano 16,2 kg di anidride carbonica (CO2), mentre per un kg di pesche dal Sudafrica nel viaggio di 8mila chilometri si emettono 13,2 kg di CO2 e, infine, gli arrivi di ogni kg di uva dal Cile producono 17,4 kg di CO2.

Meglio l’erba del proprio giardino, dunque, meno inquinata e meno inquinante. Anche i ristoratori sembrano averlo capito e ovunque si moltiplicano iniziative e locali dedicati alla filosofia del “prodotto vicino di casa”. Lodevole il progetto di un gruppo di giovanissimi ex studenti dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo: 7 tra ragazzi e ragazze provenienti da luoghi diversi dell’Italia e del globo che hanno deciso di inventare un nuovo modo di vivere il cibo e la tavola.

Cavolfiori a Merenda è la loro scommessa. “Una tovaglia bianca, un campo, mani, chiacchiere, terra, passami il pane, polli, musica, il sole, la pioggia. Ci è venuta l’idea di organizzare una festa presso aziende che diventeranno protagoniste. Far conoscere le facce, i luoghi, i prodotti, la natura. Portare la tavola fuori, in un giro di vento, e utilizzarla come  punto di ritrovo. Da questa idea è nato il progetto: una serie di eventi all’aperto, che ruotino intorno ad una merenda sinoira preparata con i prodotti delle stesse aziende che ci ospitano. È Alta Cucina che diventa accessibile, meno snob, più reale”, raccontano nel loro manifesto.

E a quanto pare funziona. Innumerevoli sono state le aziende che hanno messo a disposizione il loro spazio per realizzare questa antica tradizione piemontese, la merenda sinoira appunto, una merenda serale, che inizia come un aperitivo e finisce come una vera e propria cena e viene preparata utilizzando esclusivamente i prodotti dell’azienda stessa e del territorio in cui si trova. Una degustazione d’eccellenza corredata di visita guidata al luogo ospitante…più a km zero di così!

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende