Home » Idee »Non-Profit »Pratiche »Progetti » L’erba del vicino (non) è sempre la più verde.:

L’erba del vicino (non) è sempre la più verde.

ottobre 7, 2009 Idee, Non-Profit, Pratiche, Progetti

Courtesy of Mckaysavage (Flickr)“Il cibo che non deve essere coltivato o allevato o trattato in vista di un lungo viaggio ha un sapore migliore, costa di meno e ha un minore impatto ecologico, oltre a dipendere dalle stagioni.

Mangiare così significa meno pomodori freschi in inverno, certo, ma la rieducazione del palato troverà una degna compensazione nel numero assai più ampio di alimenti di quanto uno si immaginerebbe. Il cibo prodotto per il consumo locale non deve essere pensato per il trasporto”.

Questa citazione estrapolata dal best seller di Raj Patel, I padroni del cibo, sembra essere il manifesto di un nuovo modo di pensare e vivere il cibo che sempre più si sta diffondendo nel nostro paese: l’alimentazione a “km zero”. Da qualche tempo infatti non solo le massaie che popolano ogni giorno i mercati scelgono con cura i prodotti stagionali e prediligono ricette legate al territorio, ma anche ristoranti e trattorie rivolgono la loro attenzione all’agricoltura regionale e alla stagionalità dei prodotti della terra.

Molti sono i fattori che hanno determinato questo cambio di rotta nei gusti dei consumatori: se l’era della globalizzazione ha fatto sì che qualsiasi prodotto sia divenuto disponibile pressochè in qualsiasi luogo, la recente crisi economica e la valutazione degli enormi costi di spostamento delle derrate alimentari hanno ridimensionato le velleità delle tavole degli italiani riportandoli a una dimensione più locale e alla riscoperta dei sapori tradizionali.

Come si dice, in tempi difficili “meglio fare di necessità virtù” e cercare di risparmiare il più possibile: accorciando la filiera produttore-consumatore ed eliminando gli intermediari si può arrivare ad un risparmio economico netto di quasi il il 30%, si ha la sicurezza di acquistare prodotti freschi e, ultimo, ma non meno importante,  gli acquisti divengono sostenibili dal punto di vista ambientale in quanto evitano il consumo di carburante necessario al trasporto della merce di importazione e riducono la produzione di CO2.

Secondo un recente studio della Coldiretti, infatti, consumando prodotti locali e di stagione e facendo attenzione agli imballaggi, una famiglia media può risparmiare fino a 1000 chili di anidride carbonica (CO2) l’anno poiché ad esempio per trasportare a Roma un chilo di ciliegie dall’Argentina in aereo per una distanza di 12mila km si liberano 16,2 kg di anidride carbonica (CO2), mentre per un kg di pesche dal Sudafrica nel viaggio di 8mila chilometri si emettono 13,2 kg di CO2 e, infine, gli arrivi di ogni kg di uva dal Cile producono 17,4 kg di CO2.

Meglio l’erba del proprio giardino, dunque, meno inquinata e meno inquinante. Anche i ristoratori sembrano averlo capito e ovunque si moltiplicano iniziative e locali dedicati alla filosofia del “prodotto vicino di casa”. Lodevole il progetto di un gruppo di giovanissimi ex studenti dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo: 7 tra ragazzi e ragazze provenienti da luoghi diversi dell’Italia e del globo che hanno deciso di inventare un nuovo modo di vivere il cibo e la tavola.

Cavolfiori a Merenda è la loro scommessa. “Una tovaglia bianca, un campo, mani, chiacchiere, terra, passami il pane, polli, musica, il sole, la pioggia. Ci è venuta l’idea di organizzare una festa presso aziende che diventeranno protagoniste. Far conoscere le facce, i luoghi, i prodotti, la natura. Portare la tavola fuori, in un giro di vento, e utilizzarla come  punto di ritrovo. Da questa idea è nato il progetto: una serie di eventi all’aperto, che ruotino intorno ad una merenda sinoira preparata con i prodotti delle stesse aziende che ci ospitano. È Alta Cucina che diventa accessibile, meno snob, più reale”, raccontano nel loro manifesto.

E a quanto pare funziona. Innumerevoli sono state le aziende che hanno messo a disposizione il loro spazio per realizzare questa antica tradizione piemontese, la merenda sinoira appunto, una merenda serale, che inizia come un aperitivo e finisce come una vera e propria cena e viene preparata utilizzando esclusivamente i prodotti dell’azienda stessa e del territorio in cui si trova. Una degustazione d’eccellenza corredata di visita guidata al luogo ospitante…più a km zero di così!

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende