Home » Eventi »Progetti » La casa verde “Med in Italy” dell’Università di Roma:

La casa verde “Med in Italy” dell’Università di Roma

aprile 12, 2011 Eventi, Progetti

Consuma poco più di un sesto dell’energia che produce, tutta rigorosamente fotovoltaica.  Raccoglie l’acqua piovana fino all’ultima goccia; è costruita in gran parte con materiali naturali, a partire dai particolari involucri che ne garantiscono l’isolamento, e si integra perfettamente con l’ambiente circostante. È questo l’identikit di Med in Italy, la casa ecosostenibile progettata da un team di professori e studenti delle università Roma Tre e la Sapienza, che il prossimo anno parteciperà al Solar Decathlon Europe, una specie di Olimpiadi dell’architettura verde organizzate dal Dipartimento Energia degli Stati Uniti. Il concorso tra abitazioni sostenibili alimentate a energia solare esiste dal 2002, ma questa è la prima volta che un prototipo italiano viene ammesso alla competizione finale. Una bella soddisfazione (il progetto ha ricevuto anche l’Alto Patronato del presidente della Repubblica) e un ottimo biglietto da visita per il nostro Paese, visto che la casa, spiega la team leader Chiara Tonelli, «sarà la vetrina di tutte le tecnologie migliori dell’industria e della ricerca italiane».

Ma come è fatta questa originale abitazione? Immaginatevi una struttura rettangolare, a un solo piano. L’elemento principale, ciò che permette alla casa «di essere passivamente ecosostenibile» è l’involucro, formato da due strutture. Una parte interna, in legno, che funziona da struttura portante, riempita con sabbia che accumula calore durante il giorno e dà freschezza d’estate, e una parte esterna propriamente isolante, separata da quella interna da uno strato di aria, costituita da piante intrecciate (come si usava nell’Antichità) e riempita di pietre vulcaniche, facilmente reperibili in tutte le zone del Mediterraneo. Una casa che unisce le tecnologie contemporanee a una tradizione architettonica millenaria, nel segno di un «Mediterranean way of life». Concetto che si sposa perfettamente anche con le opere «termoacustiche, fonoassorbenti e biodegradabili» di Massimo Catalani, che affrescherà una parete della casa. «È la prima volta che una casa bioclimatica viene progettata con maggiore attenzione all’isolamento dal caldo piuttosto che a quello dal freddo. L’architettura verde ha avuto negli ultimi decenni caratteristiche più nordiche che meridionali, ma noi mediterranei abbiamo una tradizione antichissima, che abbiamo recuperato e reinterpretato nella progettazione. Così la nostra casa resterà isolata dall’esterno nelle ore più calde e si aprirà quando il sole cala, mentre uno spazio aperto a patio funzionerà da zona di raffrescamento», spiega orgogliosa Chiara Tonelli.

E molto efficienti sono anche le prestazioni energetiche di questa “casa dei sogni”: ogni anno Med in Italy produrrà 11.400 kilowattora con i pannelli fotovoltaici, ma consumerà solo un sesto di questa energia, potendo così mettere in rete quasi 9.500 kilowattora, per un risparmio in bolletta dell’84%. Rispetto a un abitazione costruita con i criteri dell’edilizia convenzionale, Med in Italy consumerà in un anno il 73% in meno di energia elettrica: 1.974 kilowattora contro 7.379. Una performance in linea con l’idea, per usare le parole del direttore dell’agenzia Casaclima Norbert Lantscner, che «la migliore energia è quella che non viene consumata». In 20 anni saranno 121 le tonnellate di CO2 risparmiate, come se gli abitanti avessero piantato un piccolo bosco di 120 alberi. «Med in Italy è stata l’occasione per far incontrare il tema dell’abitare con l’alta tecnologia, considerando che in Italia il settore delle costruzioni è quello a più basso contenuto tecnologico», sottolinea Tonino Paris, industrial designer e docente alla Sapienza.

A Madrid, dove si terrà la versione europea di Solar Decathlon, il prototipo italiano gareggerà con altre 19 case provenienti da 14 Paesi: Brasile, Cina, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Gran Bretagna, Giappone, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Spagna e Ungheria. Dei progetti, però, non si valuterà soltanto il risparmio energetico, ma saranno considerati molti altri aspetti relativi al comfort e agli elettrodomestici, alla facilità di costruzione e alla replicabilità, ma anche alla comunicazione e all’approccio con le altre squadre in gara. La temperatura della casa, per esempio, dovrà essere compresa tra 23 e 25 gradi e la lavatrice dovrà garantire un pulito ottimale senza mai superare i 43,5 gradi. Tra le prove, sono previste  anche tre cene che i team partecipanti dovranno preparare e offrire agli altri concorrenti, da cui saranno giudicati.

La casa Med, sottolinea Chiara Tonelli, «si presta a una composizione modulare, non l’abbiamo pensata come isolata» e potrebbe essere utilizzato per molti scopi. È un progetto adatto ad appartamenti e alberghi dedicati al turismo consapevole e sostenibile, ma anche ad alloggi di prima accoglienza in caso di calamità naturali o emergenze umanitarie. E se Roma si aggiudicherà le Olimpiadi 2020, scommette qualcuno, anche gli atleti dormiranno in casette Med in Italy.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende