Home » Progetti » La Ecotecture di Matteo Thun per i vini della Valle della Mosella:

La Ecotecture di Matteo Thun per i vini della Valle della Mosella

giugno 20, 2013 Progetti

Per poter interagire in maniera rispettosa con un luogo è necessario conoscerlo a fondo, saperlo apprezzare e immedesimarsi in esso. Per un architetto, questo significa doverne esplorare le particolarità geografiche, naturalistiche, meteorologiche e culturali. E progettare rispettando tutte queste particolarità. Si può quindi dire che l’architettura può prendere spunto dall’agricoltura estensiva, intervenendo sul terreno, ma non sfruttandolo oltremodo”. E’ questa la filosofia di Matteo Thun, architetto e designer, vincitore per ben tre volte del prestigioso premio per il design Compasso d’Oroinserito nella Hall of Fame di New York nel dicembre del 2004. Fondatore dello studio Matteo Thun&Partners, dagli anni Ottanta ha cercato una strada alternativa al costruire moderno, chiamata  Ecotecture – Ecology Economy Architecture. Attraverso di essa ha coniugato la contemporaneità ad un attento ascolto del contesto e ha concepito l’architettura come dialogo tra opera e ambiente, mettendo in relazione componenti tra loro diverse.  Per lui ”il “progettare sostenibile” è una conseguenza automatica del “rispetto del Genius Loci”: solo proteggendo e conservando un luogo, lo si rispetta fino in fondo“.

Nella sua ultima realizzazione,  la Winery Longen-Schlöder nella Valle della Mosella, in Germania, Thun  ha condiviso e sostenuto l’idea della famiglia Longen, sviluppando un progetto di ampliamento e integrazione della struttura produttiva esistente, in linea con il suo approccio olistico e sostenibile all’architettura. Il complesso è stato realizzato in collaborazione con gli architetti Stein-Hemmes-Wirtz, per la gestione del cantiere, e Johannes Cox per il progetto delle aree verdi.

D) Architetto, il progetto dell’azienda vinicola Longen è stato insignito del premio Architekturpreis Wein 2013: può raccontarci con quali valori ha vinto questo importante riconoscimento?

R) Il premio ha l’obiettivo di mettere in luce quei progetti architettonici che contribuiscono a comunicare ad un ampio pubblico l’antica tradizione della viticoltura attraverso messaggi e segni di contemporaneità. Con l’approccio del Genius Loci – lo spirito del luogo – abbiamo valorizzato materiali locali come la pietra e il legno, e reso la flora parte integrante del paesaggio culturale circostante. Al contempo abbiamo trovato un modo molto personale di interpretare la ricettività: piccole casette al posto di grandi edifici, privacy e contatto con la natura al posto di animazione e ambienti artefatti. L’ospite è invitato a vivere e lavorare nel giardino, a diventare, per il tempo del suo soggiorno, parte integrante della vita del podere vinicolo.

D) L’attento ascolto del contesto è forse la prima delle responsabilità del progettista. Quanto influisce questo modo di approcciarsi all’opera?

R) Solo attraverso l’attenta lettura del luogo è possibile realizzare edifici che mantengano un loro valore estetico, funzionale e aggregante a lungo termine e che di conseguenza risultano sostenibili – inteso come longevi. In questo senso, è sempre importante interessarsi al contesto sul quale si va a intervenire - che si vada a costruire in città o in campagna, al mare o in montagna.

D) L’uso di materiali ecocompatibili è forse l’unica soluzione per una progettazione sostenibile: Frank Lloyd Wright definiva il legno come il materiale, tra tutti, più vicino all’uomo. Come concepisce la sua idea di architettura nel dialogo con i materiali?

R) Penso che il legno sia il materiale costruttivo del futuro. Ha eccellenti prestazioni in termini di isolamento acustico e termico. In caso di incendio risulta più stabile del cemento armato. E in caso di smantellamento dell’edificio è totalmente riciclabile. Parlando del legno come materiale eco-compatibile faccio una premessa: può dirsi tale se proveniente da foreste controllate e se queste foreste si trovano nel raggio di pochi chilometri dal cantiere. Infatti, nell’ottica della sostenibilità, è importante prendere in considerazione ogni aspetto dell’impatto di un materiale sull’ambiente, che si tratti del legno o di altri materiali. Ridurre i percorsi per il trasporto significa abbattere inquinamento acustico e visivo, oltre che a livello di emissioni. E poi va considerato l’impatto del materiale in caso di smantellamento dell’edificio: il legno è appunto riutilizzabile in tantissimi modi. E così, parlando, ho già potuto accennare ad una mia filosofia progettuale importante: i 3 Zeri con l’obiettivo di raggiungere Zero chilometri, zero emissioni e zero rifiuti.

D) La filosofia che lei sposa è quella dello Zero design: come si arriva al rispetto dei 3 Zero senza rinunciare all’espressione creativa dell’architettura?

R) I 3 Zeri parlano di sostenibilità mentre Zero Design è un altro mio fil rouge che riguarda l’approccio creativo: mi piace lavorare sugli archetipi, ridurre il linguaggio estetico di un oggetto al minimo indispensabile, pensando che un bambino avesse potuto disegnare l’oggetto in maniera similare – Zero Design quindi. Penso che nascano così le vere icone dei nostri tempi: oggetti che comunicano attraverso la loro immediatezza formale e che nella loro semplicità acquistano una forza espressiva durevole nel tempo.

D) In Italia stiamo iniziando soltanto da poco a seguire le orme estere della filosofia cradle to cradle: una progettazione e costruzione ispirata al ciclo della natura e caratterizzata da un completo smaltimento dei materiali impiegati. Quanto pensa che nel nostro Paese questa sensibilità trovi riscontro?

R) In tempi di crisi come questi, normalmente è difficile sensibilizzare le persone per tutto quello che va oltre lo stretto necessario alla sopravvivenza. Ma in questo caso, lo stretto necessario procede di pari passo con il ciclo della natura. Affrontare la crisi pensando ad un ritorno alla natura, al saper apprezzare la sua essenzialità, è sicuramente un modo per fare della necessità – della riduzione, del risparmio, del riciclo e così via – una virtù.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende