Home » Progetti » La Ecotecture di Matteo Thun per i vini della Valle della Mosella:

La Ecotecture di Matteo Thun per i vini della Valle della Mosella

giugno 20, 2013 Progetti

Per poter interagire in maniera rispettosa con un luogo è necessario conoscerlo a fondo, saperlo apprezzare e immedesimarsi in esso. Per un architetto, questo significa doverne esplorare le particolarità geografiche, naturalistiche, meteorologiche e culturali. E progettare rispettando tutte queste particolarità. Si può quindi dire che l’architettura può prendere spunto dall’agricoltura estensiva, intervenendo sul terreno, ma non sfruttandolo oltremodo”. E’ questa la filosofia di Matteo Thun, architetto e designer, vincitore per ben tre volte del prestigioso premio per il design Compasso d’Oroinserito nella Hall of Fame di New York nel dicembre del 2004. Fondatore dello studio Matteo Thun&Partners, dagli anni Ottanta ha cercato una strada alternativa al costruire moderno, chiamata  Ecotecture – Ecology Economy Architecture. Attraverso di essa ha coniugato la contemporaneità ad un attento ascolto del contesto e ha concepito l’architettura come dialogo tra opera e ambiente, mettendo in relazione componenti tra loro diverse.  Per lui ”il “progettare sostenibile” è una conseguenza automatica del “rispetto del Genius Loci”: solo proteggendo e conservando un luogo, lo si rispetta fino in fondo“.

Nella sua ultima realizzazione,  la Winery Longen-Schlöder nella Valle della Mosella, in Germania, Thun  ha condiviso e sostenuto l’idea della famiglia Longen, sviluppando un progetto di ampliamento e integrazione della struttura produttiva esistente, in linea con il suo approccio olistico e sostenibile all’architettura. Il complesso è stato realizzato in collaborazione con gli architetti Stein-Hemmes-Wirtz, per la gestione del cantiere, e Johannes Cox per il progetto delle aree verdi.

D) Architetto, il progetto dell’azienda vinicola Longen è stato insignito del premio Architekturpreis Wein 2013: può raccontarci con quali valori ha vinto questo importante riconoscimento?

R) Il premio ha l’obiettivo di mettere in luce quei progetti architettonici che contribuiscono a comunicare ad un ampio pubblico l’antica tradizione della viticoltura attraverso messaggi e segni di contemporaneità. Con l’approccio del Genius Loci – lo spirito del luogo – abbiamo valorizzato materiali locali come la pietra e il legno, e reso la flora parte integrante del paesaggio culturale circostante. Al contempo abbiamo trovato un modo molto personale di interpretare la ricettività: piccole casette al posto di grandi edifici, privacy e contatto con la natura al posto di animazione e ambienti artefatti. L’ospite è invitato a vivere e lavorare nel giardino, a diventare, per il tempo del suo soggiorno, parte integrante della vita del podere vinicolo.

D) L’attento ascolto del contesto è forse la prima delle responsabilità del progettista. Quanto influisce questo modo di approcciarsi all’opera?

R) Solo attraverso l’attenta lettura del luogo è possibile realizzare edifici che mantengano un loro valore estetico, funzionale e aggregante a lungo termine e che di conseguenza risultano sostenibili – inteso come longevi. In questo senso, è sempre importante interessarsi al contesto sul quale si va a intervenire - che si vada a costruire in città o in campagna, al mare o in montagna.

D) L’uso di materiali ecocompatibili è forse l’unica soluzione per una progettazione sostenibile: Frank Lloyd Wright definiva il legno come il materiale, tra tutti, più vicino all’uomo. Come concepisce la sua idea di architettura nel dialogo con i materiali?

R) Penso che il legno sia il materiale costruttivo del futuro. Ha eccellenti prestazioni in termini di isolamento acustico e termico. In caso di incendio risulta più stabile del cemento armato. E in caso di smantellamento dell’edificio è totalmente riciclabile. Parlando del legno come materiale eco-compatibile faccio una premessa: può dirsi tale se proveniente da foreste controllate e se queste foreste si trovano nel raggio di pochi chilometri dal cantiere. Infatti, nell’ottica della sostenibilità, è importante prendere in considerazione ogni aspetto dell’impatto di un materiale sull’ambiente, che si tratti del legno o di altri materiali. Ridurre i percorsi per il trasporto significa abbattere inquinamento acustico e visivo, oltre che a livello di emissioni. E poi va considerato l’impatto del materiale in caso di smantellamento dell’edificio: il legno è appunto riutilizzabile in tantissimi modi. E così, parlando, ho già potuto accennare ad una mia filosofia progettuale importante: i 3 Zeri con l’obiettivo di raggiungere Zero chilometri, zero emissioni e zero rifiuti.

D) La filosofia che lei sposa è quella dello Zero design: come si arriva al rispetto dei 3 Zero senza rinunciare all’espressione creativa dell’architettura?

R) I 3 Zeri parlano di sostenibilità mentre Zero Design è un altro mio fil rouge che riguarda l’approccio creativo: mi piace lavorare sugli archetipi, ridurre il linguaggio estetico di un oggetto al minimo indispensabile, pensando che un bambino avesse potuto disegnare l’oggetto in maniera similare – Zero Design quindi. Penso che nascano così le vere icone dei nostri tempi: oggetti che comunicano attraverso la loro immediatezza formale e che nella loro semplicità acquistano una forza espressiva durevole nel tempo.

D) In Italia stiamo iniziando soltanto da poco a seguire le orme estere della filosofia cradle to cradle: una progettazione e costruzione ispirata al ciclo della natura e caratterizzata da un completo smaltimento dei materiali impiegati. Quanto pensa che nel nostro Paese questa sensibilità trovi riscontro?

R) In tempi di crisi come questi, normalmente è difficile sensibilizzare le persone per tutto quello che va oltre lo stretto necessario alla sopravvivenza. Ma in questo caso, lo stretto necessario procede di pari passo con il ciclo della natura. Affrontare la crisi pensando ad un ritorno alla natura, al saper apprezzare la sua essenzialità, è sicuramente un modo per fare della necessità – della riduzione, del risparmio, del riciclo e così via – una virtù.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende