Home » Internazionali »Politiche »Progetti » La Fao si batte per un’agricoltura “intelligente”:

La Fao si batte per un’agricoltura “intelligente”

novembre 9, 2009 Internazionali, Politiche, Progetti

courtesy of teodimundo (Flickr)Si fanno sempre più numerosi i temi da dibattere al tavolo di Copenhagen il 7-18 dicembre. La Fao ha infatti presentato, in occasione del meeting di Barcellona,un rapporto sull’agricoltura “intelligente”.

Il crollo del prezzo del cibo del 2008 insieme a preoccupanti indizi di riscaldamento globale (sintomatici di ben più gravi implicazioni sul lungo periodo) hanno portato la food-security e il cambiamento climatico in cima all’agenda internazionale, con la raccomandazione, da parte della Fao, di considerare questi due aspetti congiuntamente dal momento che, essendo entrambi interconnessi con l’attività agricola, l’uno è causa e conseguenza dell’altro.

L’articolo 2 della United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) sancisce come obiettivo primario “la stabilizzazione della concentrazione di gas serra presente nell’atmosfera ad un livello che prevenga pericolose interferenze sul clima derivanti dall’attività umana. Quest’ obiettivo dovrebbe essere raggiunto in un periodo di tempo sufficiente per permettere all’ecosistema di adattarsi naturalmente al cambiamento climatico allo scopo di instaurare uno sviluppo economico sostenibile ed evitare pericolose conseguenze per la produzione alimentare”.

E’evidente come queste finalità non possano essere soddisfatte se non tramite l’adozione, immediata e incisiva, di politiche condivise a livello internazionale. L’agricoltura è il settore primario nella maggior parte delle nazioni meno sviluppate (LDCs) e costituisce mezzo di sostentamento per il 75% dei poveri nei Paesi in via di sviluppo. D’altro canto, però, la produzione di gas serra derivanti dalla produzione agricola rappresenta il 14% del totale globale, percentuale di cui i Paesi in via di sviluppo sono responsabili per il 74%. Se si considera anche il contributo in negativo dato dalla deforestazione e dalle emissioni secondarie la percentuale è addirittura più elevata.

Le misure avanzate dalla Fao abbracciano vari ambiti di intervento, presentando delle ricadute, dal punto di vista della sicurezza alimentare, che richiedono un’attenta riflessione. L’esempio più significativo è dato dalla produzione di biocarburanti che, se da un lato possono rappresentare un’alternativa pulita alle fonti fossili, dall’altra sottraggono terra ed acqua necessarie alle colture con fini alimentari.

Le opere di risanamento rischiano inoltre di danneggiare, nel preve periodo, le rendite rendendo fondamentale un sistema di “pesi e contrappesi” che incentivino l’adozione di un’agricoltura intelligente. La soluzione può venire da meccanismi di finanziamento pubblici o privati o dall’istituzione di un fondo internazionale, sistemi che potrebbero evitare un tracrollo, almeno temporaneo, del settore agricolo, soprattutto nei paesi in cui una tale crisi non sarebbe economicamente sostenibile.

Le aspettative su Copenhagen sono a questo punto destinate ad aumentare anche su questo fronte.

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende