Home » Progetti »Rassegna Stampa » La patata bollente del nucleare:

La patata bollente del nucleare

gennaio 19, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

Courtesy of Greenpeace.itLa questione del nucleare, a 23 anni dal referendum abrogativo del 1987, si riconferma un tema capace di spaccare il paese in due, tra nuclearisti e anti-nuclearisti altrettanto convinti, tra promotori degli interessi economici e difensori della sicurezza dei cittadini.

Questa mattina, a Roma, gli attivisti di Greenpeace, saliti sul Colosseo Quadrato dell’EUR, hanno srotolato sulla facciata del Palazzo della Civiltà Italiana uno striscione di 300 metri quadrati con la scritta ‘Stop alla follia nucleare, Stop Nuclear Madness‘, proprio mentre, nell’adiacente palazzo di Confindustria, Enel presentava alle imprese italiane il “Supply Chain Meeting-Progetto Nucleare Italia”.

Secondo Andrea Lepore, responsabile della campagna nucleare di Greenpeace, “Enel presenta il nucleare come un affare che per i due terzi è riservato alle imprese ma, a parte le norme sugli appalti di queste dimensioni, che prevedono gare internazionali, gli impianti EPR proposti da Enel sono un affare solo per il costruttore francese a corto di ordinazioni e non certo per l’economia italiana”.

Enel, di contro, sostiene che le imprese italiane godranno del 70% degli investimenti necessari per costruire quattro reattori nucleari in Italia, per una quota pari a 12 miliardi di euro. Affermazione che Greenpeace ritiene in contraddizione con i dati pubblicati dall’azienda elettrica francese EDF (alleata di Enel nel riportare il nucleare in Italia), per cui “la quota degli investimenti per le parti non nucleari degli impianti EPR è pari al massimo al 40% del totale. La parte prevalente delle commesse andrebbe quindi alle imprese francesi e non a quelle italiane”.

Nel dibattito – fortemente a rischio di strumentalizzazione da entrambe le parti - si sono dunque inseriti gli esponenti dei due principali schieramenti politici.

Il Ministro “ombra” dell’Ambiente Ermete Realacci, PD, ha infatti presentato al Parlamento un’interrogazione facendo proprie le perplessità di Greenpeace circa il comportamento di Enel e ha invitato il Ministro Scajola a spiegare con chiarezza i costi del ritorno all’atomo, come immaginato dal Governo.

L’Italia dei Valori con Domenico Scilipoti ha invece puntato il dito sulla generalizzata contrarietà dei cittadini Italiani al nucleare, sottolineando inoltre l’importanza dell’alternativa rinnovabile: “Le stime del Ministero dello Sviluppo Economico ci dicono che la produzione di energia elettrica derivata da fonti rinnovabili è arrivata a coprire un quinto del fabbisogno nazionale e ha contribuito alla riduzione delle emissioni nocive nel nostro Paese. Si tratta di dati molto indicativi”, ha ribadito il deputato, “perché dimostrano che la scelta nucleare del Governo, già impugnata da 11 regioni, non é condivisa nemmeno dai semplici cittadini, orientati in maniera sempre più massiccia verso le energie alternative“.

Pronta la risposta del vice ministro allo Sviluppo Economico, Adolfo Urso, PDL, che rispondendo, alla Camera, ad un’interplellanza di Giorgio La Malfa in cui si sottolineava l’importanza dell’”acquisizione e interiorizzazione di tecnologia nucleare da parte di imprese italiane“, per poter sviluppare un adeguato  know how tecnologico nazionale, ha ribadito che le commesse per ciascun reattore Epr sono destinate a creare un indotto significativo, soprattuttto per tutto ciò che riguarda le opere civili, le parti meccaniche, l’informatica e la parte elettrica ed elettrostrumentale.

Affrontando il tema della sicurezza degli impianti, della gestione dei rifiuti e della realizzazione dei reattori di quarta generazione, oltre a quello della fusione nucleare, Urso ha poi ribadito che ”sono temi su cui l’Italia sta lavorando con le proprie componenti scientifiche ed industriali, in un ottica di crescente collaborazione sul piano internazionale e bilaterale, come dimostrano gli accordi governativi con Francia, Stati Uniti, Russia e Giappone stipulati lo scorso anno. Da tali attività di ricerca si stanno concretizzando delle ricadute, dirette ed indirette, particolarmente positive per il sistema industriale nazionale”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende