Home » Progetti »Rassegna Stampa » La patata bollente del nucleare:

La patata bollente del nucleare

gennaio 19, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

Courtesy of Greenpeace.itLa questione del nucleare, a 23 anni dal referendum abrogativo del 1987, si riconferma un tema capace di spaccare il paese in due, tra nuclearisti e anti-nuclearisti altrettanto convinti, tra promotori degli interessi economici e difensori della sicurezza dei cittadini.

Questa mattina, a Roma, gli attivisti di Greenpeace, saliti sul Colosseo Quadrato dell’EUR, hanno srotolato sulla facciata del Palazzo della Civiltà Italiana uno striscione di 300 metri quadrati con la scritta ‘Stop alla follia nucleare, Stop Nuclear Madness‘, proprio mentre, nell’adiacente palazzo di Confindustria, Enel presentava alle imprese italiane il “Supply Chain Meeting-Progetto Nucleare Italia”.

Secondo Andrea Lepore, responsabile della campagna nucleare di Greenpeace, “Enel presenta il nucleare come un affare che per i due terzi è riservato alle imprese ma, a parte le norme sugli appalti di queste dimensioni, che prevedono gare internazionali, gli impianti EPR proposti da Enel sono un affare solo per il costruttore francese a corto di ordinazioni e non certo per l’economia italiana”.

Enel, di contro, sostiene che le imprese italiane godranno del 70% degli investimenti necessari per costruire quattro reattori nucleari in Italia, per una quota pari a 12 miliardi di euro. Affermazione che Greenpeace ritiene in contraddizione con i dati pubblicati dall’azienda elettrica francese EDF (alleata di Enel nel riportare il nucleare in Italia), per cui “la quota degli investimenti per le parti non nucleari degli impianti EPR è pari al massimo al 40% del totale. La parte prevalente delle commesse andrebbe quindi alle imprese francesi e non a quelle italiane”.

Nel dibattito – fortemente a rischio di strumentalizzazione da entrambe le parti - si sono dunque inseriti gli esponenti dei due principali schieramenti politici.

Il Ministro “ombra” dell’Ambiente Ermete Realacci, PD, ha infatti presentato al Parlamento un’interrogazione facendo proprie le perplessità di Greenpeace circa il comportamento di Enel e ha invitato il Ministro Scajola a spiegare con chiarezza i costi del ritorno all’atomo, come immaginato dal Governo.

L’Italia dei Valori con Domenico Scilipoti ha invece puntato il dito sulla generalizzata contrarietà dei cittadini Italiani al nucleare, sottolineando inoltre l’importanza dell’alternativa rinnovabile: “Le stime del Ministero dello Sviluppo Economico ci dicono che la produzione di energia elettrica derivata da fonti rinnovabili è arrivata a coprire un quinto del fabbisogno nazionale e ha contribuito alla riduzione delle emissioni nocive nel nostro Paese. Si tratta di dati molto indicativi”, ha ribadito il deputato, “perché dimostrano che la scelta nucleare del Governo, già impugnata da 11 regioni, non é condivisa nemmeno dai semplici cittadini, orientati in maniera sempre più massiccia verso le energie alternative“.

Pronta la risposta del vice ministro allo Sviluppo Economico, Adolfo Urso, PDL, che rispondendo, alla Camera, ad un’interplellanza di Giorgio La Malfa in cui si sottolineava l’importanza dell’”acquisizione e interiorizzazione di tecnologia nucleare da parte di imprese italiane“, per poter sviluppare un adeguato  know how tecnologico nazionale, ha ribadito che le commesse per ciascun reattore Epr sono destinate a creare un indotto significativo, soprattuttto per tutto ciò che riguarda le opere civili, le parti meccaniche, l’informatica e la parte elettrica ed elettrostrumentale.

Affrontando il tema della sicurezza degli impianti, della gestione dei rifiuti e della realizzazione dei reattori di quarta generazione, oltre a quello della fusione nucleare, Urso ha poi ribadito che ”sono temi su cui l’Italia sta lavorando con le proprie componenti scientifiche ed industriali, in un ottica di crescente collaborazione sul piano internazionale e bilaterale, come dimostrano gli accordi governativi con Francia, Stati Uniti, Russia e Giappone stipulati lo scorso anno. Da tali attività di ricerca si stanno concretizzando delle ricadute, dirette ed indirette, particolarmente positive per il sistema industriale nazionale”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Boston Consulting: le aziende con approcci sostenibili hanno margini migliori

dicembre 18, 2017

Boston Consulting: le aziende con approcci sostenibili hanno margini migliori

Le aziende che adottano approcci sostenibili hanno margini e valutazioni migliori. Questo è il dato principale emerso dall’analisi di The Boston Consulting Group “Total Societal Impact: A New Lens for Strategy”, condotta su 300 aziende dei settori Consumer Packaged Goods, Biofarmaceutica, Oil & Gas, Retail & Business Banking e Tecnologia. Per Total Societal Impact (TSI) [...]

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende