Home » Aziende »Pratiche »Progetti » La Piemontesina, il primo agriasilo d’Italia:

La Piemontesina, il primo agriasilo d’Italia

ottobre 22, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Agriasilo_3Per decenni, quasi nessuno ne ha più parlato, forse per confusione con l’altro, più noto, Parco della Mandria. E così La Mandria, tenuta sabauda del comune di Chivasso, alle porte di Torino, era caduta nel dimenticatoio. Almeno fino al 2006, quando qui è nato uno dei primi agroasili del nostro paese e adesso i genitori fanno anche 20 chilometri in macchina per portarci i figli. La rivincita della campagna? In un certo senso, sì. Perché qui i bambini (15 in tutto) passano all’aperto gran parte della giornata, mangiano prodotti a chilometro zero, stanno a contatto con gli animali e imparano anche favole e giochi di altri tempi.

Il progetto nasce quattro anni fa. Emilia Cambursano, che da sempre lavora la terra ed è titolare, insieme alla famiglia, dell’azienda agricola la Piemontesina, si accorge che i bambini sono sempre più lontani dalla natura. «Noi siamo una fattoria didattica dal 1990. Negli ultimi tempi vedevo che i bimbi si erano progressivamente allontanati dal mondo agricolo, che non sapevano più viverlo. Così ho deciso, nel mio piccolo, di fare qualcosa». Il progetto, Emilia ci tiene a precisarlo, è «sperimentale». Una cosa totalmente nuova, originale. «Quando mi è venuta l’idea, l’ho esposta alla Coldiretti, che ci ha creduto da subito. Senza il loro aiuto non saremmo riusciti da soli a mettere in piedi l’agriasilo. Basta pensare che non c’è neanche una legge specifica che regola la questione». Emilia e il figlio Manuele, che la aiuta nelle attività dell’agriasilo, hanno frequentato un corso specifico per educatori. Insieme a loro, lavorano due maestre e nello staff c’è anche una psicologa, che una volta al mese è a disposizione di maestre e genitori.

La giornata all’agriasilo è molto diversa da quella che si svolge in una scuola materna di città. Alla Mandria di Chivasso i  bambini, dopo la merenda mattutina, escono per accudire gli animali e le piante. Agriasilo«Andiamo nel pollaio a raccogliere le uova e nella stalla a dar da mangiare alle mucche. Poi ci spostiamo al piccolo stagno, dove i bambini possono vedere oche e anatre. Ci sono alcuni animali che ormai sono amici dei bimbi, come una capra che li segue sempre, ovunque vadano». Alla Piemontesina si impara anche a prendersi cura delle piante. «Abbiamo una serra in cui facciamo crescere gli ortaggi. Ma i bambini qui coltivano anche cereali ed erbe aromatiche. Lo scorso autunno abbiamo fatto la polenta con il nostro mais».

A pranzo, non si mangiano frutta e verdura comprati al supermercato: tutto è rigorosamente a chilometro zero. La carne, la frutta e la verdura sono prodotti direttamente in azienda, mentre il latte e il formaggio vengono da fattorie vicine. «I bambini qui capiscono anche il valore del cibo e imparano a non sprecare», racconta Emilia. Tutto è organizzato secondo un progetto educativo. «Ogni anno scegliamo un filo conduttore che ci guidi nelle diverse attività. Quest’anno abbiamo scelto la riscoperta delle favole legate alla campagna e alla natura. Ogni settimana ne leggiamo una diversa. L’altro giorno, per esempio, ho letto ai bambini la storia della cicala e la formica, e dopo li ho portati a raccogliere provviste per l’inverno». Proprio come la formica previdente che accumula il cibo e non butta niente.

Agriasilo_1Alla Piemontesina, il passato ha un valore profondo. Emilia e il marito fanno gli agricoltori da sempre. Lo stesso nelle loro famiglie. Sarà per questo che all’agriasilo si dà ampio spazio alla riscoperta della tradizione. Ai bambini Emilia e Manuele, insieme alle educatrici, insegnano  vecchi giochi, vecchie favole e filastrocche, e anche un po’ di dialetto piemontese. «Fa parte della nostra storia ed esprime dei concetti che spesso non sono traducibili in italiano», spiega orgogliosa Emilia.

Anche i genitori vengono pienamente coinvolti nell’attività: qui si organizzano incontri per le famiglie e ogni settimana per posta elettronica si informano le mamme e i papà sul programma che si seguirà a scuola. «Noi siamo lontani da tutto – riflette Emilia –. I genitori che portano i bambini qui è perché credono nel nostro progetto e hanno sposato l’idea. E questa per noi è una grande soddisfazione». Tutto, alla Piemontesina, è iniziato nel 1984, quando Emilia e il marito hanno unito le due aziende di famiglia. L’attività principale è l’allevamento dei bovini di razza piemontese, ma si cerca anche di fare qualcosa per influire sulle abitudini delle persone, per riavvicinarle alla terra. Nel 1990, è nata la fattoria didattica; nel 2006, l’agriasilo. L’ultima scommessa è un allevamento di asine da latte. Il prossimo progetto, l’onoterapia

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende