Home » Aziende »Pratiche »Progetti » La Piemontesina, il primo agriasilo d’Italia:

La Piemontesina, il primo agriasilo d’Italia

ottobre 22, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Agriasilo_3Per decenni, quasi nessuno ne ha più parlato, forse per confusione con l’altro, più noto, Parco della Mandria. E così La Mandria, tenuta sabauda del comune di Chivasso, alle porte di Torino, era caduta nel dimenticatoio. Almeno fino al 2006, quando qui è nato uno dei primi agroasili del nostro paese e adesso i genitori fanno anche 20 chilometri in macchina per portarci i figli. La rivincita della campagna? In un certo senso, sì. Perché qui i bambini (15 in tutto) passano all’aperto gran parte della giornata, mangiano prodotti a chilometro zero, stanno a contatto con gli animali e imparano anche favole e giochi di altri tempi.

Il progetto nasce quattro anni fa. Emilia Cambursano, che da sempre lavora la terra ed è titolare, insieme alla famiglia, dell’azienda agricola la Piemontesina, si accorge che i bambini sono sempre più lontani dalla natura. «Noi siamo una fattoria didattica dal 1990. Negli ultimi tempi vedevo che i bimbi si erano progressivamente allontanati dal mondo agricolo, che non sapevano più viverlo. Così ho deciso, nel mio piccolo, di fare qualcosa». Il progetto, Emilia ci tiene a precisarlo, è «sperimentale». Una cosa totalmente nuova, originale. «Quando mi è venuta l’idea, l’ho esposta alla Coldiretti, che ci ha creduto da subito. Senza il loro aiuto non saremmo riusciti da soli a mettere in piedi l’agriasilo. Basta pensare che non c’è neanche una legge specifica che regola la questione». Emilia e il figlio Manuele, che la aiuta nelle attività dell’agriasilo, hanno frequentato un corso specifico per educatori. Insieme a loro, lavorano due maestre e nello staff c’è anche una psicologa, che una volta al mese è a disposizione di maestre e genitori.

La giornata all’agriasilo è molto diversa da quella che si svolge in una scuola materna di città. Alla Mandria di Chivasso i  bambini, dopo la merenda mattutina, escono per accudire gli animali e le piante. Agriasilo«Andiamo nel pollaio a raccogliere le uova e nella stalla a dar da mangiare alle mucche. Poi ci spostiamo al piccolo stagno, dove i bambini possono vedere oche e anatre. Ci sono alcuni animali che ormai sono amici dei bimbi, come una capra che li segue sempre, ovunque vadano». Alla Piemontesina si impara anche a prendersi cura delle piante. «Abbiamo una serra in cui facciamo crescere gli ortaggi. Ma i bambini qui coltivano anche cereali ed erbe aromatiche. Lo scorso autunno abbiamo fatto la polenta con il nostro mais».

A pranzo, non si mangiano frutta e verdura comprati al supermercato: tutto è rigorosamente a chilometro zero. La carne, la frutta e la verdura sono prodotti direttamente in azienda, mentre il latte e il formaggio vengono da fattorie vicine. «I bambini qui capiscono anche il valore del cibo e imparano a non sprecare», racconta Emilia. Tutto è organizzato secondo un progetto educativo. «Ogni anno scegliamo un filo conduttore che ci guidi nelle diverse attività. Quest’anno abbiamo scelto la riscoperta delle favole legate alla campagna e alla natura. Ogni settimana ne leggiamo una diversa. L’altro giorno, per esempio, ho letto ai bambini la storia della cicala e la formica, e dopo li ho portati a raccogliere provviste per l’inverno». Proprio come la formica previdente che accumula il cibo e non butta niente.

Agriasilo_1Alla Piemontesina, il passato ha un valore profondo. Emilia e il marito fanno gli agricoltori da sempre. Lo stesso nelle loro famiglie. Sarà per questo che all’agriasilo si dà ampio spazio alla riscoperta della tradizione. Ai bambini Emilia e Manuele, insieme alle educatrici, insegnano  vecchi giochi, vecchie favole e filastrocche, e anche un po’ di dialetto piemontese. «Fa parte della nostra storia ed esprime dei concetti che spesso non sono traducibili in italiano», spiega orgogliosa Emilia.

Anche i genitori vengono pienamente coinvolti nell’attività: qui si organizzano incontri per le famiglie e ogni settimana per posta elettronica si informano le mamme e i papà sul programma che si seguirà a scuola. «Noi siamo lontani da tutto – riflette Emilia –. I genitori che portano i bambini qui è perché credono nel nostro progetto e hanno sposato l’idea. E questa per noi è una grande soddisfazione». Tutto, alla Piemontesina, è iniziato nel 1984, quando Emilia e il marito hanno unito le due aziende di famiglia. L’attività principale è l’allevamento dei bovini di razza piemontese, ma si cerca anche di fare qualcosa per influire sulle abitudini delle persone, per riavvicinarle alla terra. Nel 1990, è nata la fattoria didattica; nel 2006, l’agriasilo. L’ultima scommessa è un allevamento di asine da latte. Il prossimo progetto, l’onoterapia

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende