Home » Aziende »Pratiche »Progetti » La Piemontesina, il primo agriasilo d’Italia:

La Piemontesina, il primo agriasilo d’Italia

ottobre 22, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Agriasilo_3Per decenni, quasi nessuno ne ha più parlato, forse per confusione con l’altro, più noto, Parco della Mandria. E così La Mandria, tenuta sabauda del comune di Chivasso, alle porte di Torino, era caduta nel dimenticatoio. Almeno fino al 2006, quando qui è nato uno dei primi agroasili del nostro paese e adesso i genitori fanno anche 20 chilometri in macchina per portarci i figli. La rivincita della campagna? In un certo senso, sì. Perché qui i bambini (15 in tutto) passano all’aperto gran parte della giornata, mangiano prodotti a chilometro zero, stanno a contatto con gli animali e imparano anche favole e giochi di altri tempi.

Il progetto nasce quattro anni fa. Emilia Cambursano, che da sempre lavora la terra ed è titolare, insieme alla famiglia, dell’azienda agricola la Piemontesina, si accorge che i bambini sono sempre più lontani dalla natura. «Noi siamo una fattoria didattica dal 1990. Negli ultimi tempi vedevo che i bimbi si erano progressivamente allontanati dal mondo agricolo, che non sapevano più viverlo. Così ho deciso, nel mio piccolo, di fare qualcosa». Il progetto, Emilia ci tiene a precisarlo, è «sperimentale». Una cosa totalmente nuova, originale. «Quando mi è venuta l’idea, l’ho esposta alla Coldiretti, che ci ha creduto da subito. Senza il loro aiuto non saremmo riusciti da soli a mettere in piedi l’agriasilo. Basta pensare che non c’è neanche una legge specifica che regola la questione». Emilia e il figlio Manuele, che la aiuta nelle attività dell’agriasilo, hanno frequentato un corso specifico per educatori. Insieme a loro, lavorano due maestre e nello staff c’è anche una psicologa, che una volta al mese è a disposizione di maestre e genitori.

La giornata all’agriasilo è molto diversa da quella che si svolge in una scuola materna di città. Alla Mandria di Chivasso i  bambini, dopo la merenda mattutina, escono per accudire gli animali e le piante. Agriasilo«Andiamo nel pollaio a raccogliere le uova e nella stalla a dar da mangiare alle mucche. Poi ci spostiamo al piccolo stagno, dove i bambini possono vedere oche e anatre. Ci sono alcuni animali che ormai sono amici dei bimbi, come una capra che li segue sempre, ovunque vadano». Alla Piemontesina si impara anche a prendersi cura delle piante. «Abbiamo una serra in cui facciamo crescere gli ortaggi. Ma i bambini qui coltivano anche cereali ed erbe aromatiche. Lo scorso autunno abbiamo fatto la polenta con il nostro mais».

A pranzo, non si mangiano frutta e verdura comprati al supermercato: tutto è rigorosamente a chilometro zero. La carne, la frutta e la verdura sono prodotti direttamente in azienda, mentre il latte e il formaggio vengono da fattorie vicine. «I bambini qui capiscono anche il valore del cibo e imparano a non sprecare», racconta Emilia. Tutto è organizzato secondo un progetto educativo. «Ogni anno scegliamo un filo conduttore che ci guidi nelle diverse attività. Quest’anno abbiamo scelto la riscoperta delle favole legate alla campagna e alla natura. Ogni settimana ne leggiamo una diversa. L’altro giorno, per esempio, ho letto ai bambini la storia della cicala e la formica, e dopo li ho portati a raccogliere provviste per l’inverno». Proprio come la formica previdente che accumula il cibo e non butta niente.

Agriasilo_1Alla Piemontesina, il passato ha un valore profondo. Emilia e il marito fanno gli agricoltori da sempre. Lo stesso nelle loro famiglie. Sarà per questo che all’agriasilo si dà ampio spazio alla riscoperta della tradizione. Ai bambini Emilia e Manuele, insieme alle educatrici, insegnano  vecchi giochi, vecchie favole e filastrocche, e anche un po’ di dialetto piemontese. «Fa parte della nostra storia ed esprime dei concetti che spesso non sono traducibili in italiano», spiega orgogliosa Emilia.

Anche i genitori vengono pienamente coinvolti nell’attività: qui si organizzano incontri per le famiglie e ogni settimana per posta elettronica si informano le mamme e i papà sul programma che si seguirà a scuola. «Noi siamo lontani da tutto – riflette Emilia –. I genitori che portano i bambini qui è perché credono nel nostro progetto e hanno sposato l’idea. E questa per noi è una grande soddisfazione». Tutto, alla Piemontesina, è iniziato nel 1984, quando Emilia e il marito hanno unito le due aziende di famiglia. L’attività principale è l’allevamento dei bovini di razza piemontese, ma si cerca anche di fare qualcosa per influire sulle abitudini delle persone, per riavvicinarle alla terra. Nel 1990, è nata la fattoria didattica; nel 2006, l’agriasilo. L’ultima scommessa è un allevamento di asine da latte. Il prossimo progetto, l’onoterapia

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende