Home » Progetti »Smart City » La rivoluzione dei makers: gli artigiani digitali si incontrano al FabLab:

La rivoluzione dei makers: gli artigiani digitali si incontrano al FabLab

novembre 29, 2012 Progetti, Smart City

Solo l’ultimo hobby da geek o una potenziale nuova rivoluzione industriale? L’ennesimo passatempo tecnologico senza sbocchi pratici o l’alba di un inedito modello di produzione e di business?

Quando si parla del movimento dei makers è facile imbattersi in posizioni scettiche, tanto quanto in entusiastiche celebrazioni. E certo, bisogna ammetterlo, pendeva un po’ più dalla parte dell’entusiasmo l’incontro organizzato la scorsa settimana dall’associazione torinese NewTo, se non altro per la sede scelta: gli spazi di co-working di ToolBox, che da poco meno di un anno ospitano le Officine Arduino, primo FabLab italiano e regno dei makers piemontesi.

Ma andiamo con ordine. Primo, Arduino, l’origine di tutto: per chi ancora non lo sapesse, si tratta di una piattaforma hardware open source a basso costo, inventata a Ivrea, presso un centro di ricerca Olivetti, dall’ormai famosissimo Massimo Banzi. La rivoluzione di Arduino consiste, oltre che nella semplicità di funzionamento, nella completa condivisione del progetto: in pratica chiunque, scaricandone lo schema, può costruirsi legalmente e gratuitamente il suo hardware e modificarlo secondo le proprie esigenze. La logica open source e le infinite possibili applicazioni fai-da-te di Arduino hanno dato vita al più creativo movimento spontaneo degli ultimi anni, i cosiddetti makers. Un po’ designer, un po’ informatici e un po’ bricoleur, i makers inventano e costruiscono oggetti, ma a differenza degli artigiani tradizionali lo fanno partendo dal digitale. E qui entrano in gioco i FabLab. Per trasformare un file-progetto in un oggetto vero e proprio occorre innanzitutto una stampante 3D, macchinario avveniristico che fino a pochi anni fa poteva costare decine di migliaia di euro, ma oggi, grazie alla diffusione dell’open hardware, si compra per circa 1.000 euro. Volendo (ed essendo piuttosto appassionati ed esperti)  una stampante 3D la si può anche costruire da soli, oppure, più semplicemente, la si può trovare e utilizzare in un FabLab.

I Fabrication Laboratory sono piccole officine dotate di varie macchine a controllo numerico (stampanti 3D, macchine a taglio laser, frese, plotter) con cui si può costruire praticamente di tutto. «Ma non solo – spiega Enrico Bassi, responsabile delle Officine Arduino – Da noi si può venire anche per provare le macchine, imparare ad usarle con l’aiuto di chi ha le competenze e sperimentarne le possibili applicazioni. Arrivano studenti, hobbysti, gente che vuole riparare un oggetto a cui tiene in modo particolare, ma anche professionisti alla ricerca di nuove idee, piccoli artigiani che hanno bisogno di consigli per velocizzare i loro processi di produzione o giovani “inventori” che possono realizzare singoli prototipi da modificare di volta in volta, prima di imbarcarsi in costosi processi di stampa industriale». Making, insomma, significa riappropriarsi di quel processo di produzione che gli stabilimenti industriali avevano in qualche modo “sequestrato” e reso inaccessibile.

Diffusissimi negli Stati Uniti e in Nord Europa, ma presenti un po’ in tutto il mondo, i FabLab sono approdati da noi solo nel 2011, grazie alle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. «Ce n’era uno, sempre preso d’assalto dai visitatori, all’interno della mostra “Stazione Futuro”, ideata da Riccardo Luna alle OGR di Torino – racconta Aurelio Balestra, project manager di Toolbox – Chiusa la mostra, sarebbe stato un peccato disperdere il patrimonio di competenze e contatti acquisito con quell’esperienza. Così abbiamo pensato di trovare una casa permanente per il primo FabLab italiano proprio qui nel nostro co-working, uno spazio per definizione fertile e predisposto alla condivisione, all’incontro di professionalità diverse e alla cross innovation. Perché il cambiamento culturale più importante – aggiunge – è passare dalla competizione alla collaborazione, capire che collaborare conviene».

Condivisione, progettazione collettiva, reti e comunità: i capisaldi del movimento dei makers sono a ben guardare gli stessi che stanno alla base dell’idea di Smart City. «Se ognuno ha un’idea e la condivide invece di tenerla chiusa nel cassetto, alla fine l’umanità sarà più ricca di idee e di possibilità, con vantaggi per tutti. – spiega Bassi – Prima che una rivoluzione tecnologica, quella dei makers è una rivoluzione culturale. E la cosa più interessante è che, nonostante si tratti senza dubbio di un movimento globale, è assolutamente incosciente. Un maker è tale non perché abbia pianificato una precisa strategia di profitto, ma perché ha una passione. Questo fa sì che la spinta creativa e innovativa non venga limitata dalle strategie di mercato, come invece avviene sistematicamente nell’innovazione su scala industriale, ma sia completamente libera». Suona utopico, certo, ma in fondo il terreno di coltura delle idee più dirompenti è sempre stato nutrito dall’utopia. «E poi –si schermisce Bassi – noi non puntiamo mica a sostituire la produzione industriale, ma all’autoproduzione e a costruire oggetti che abbiano un valore particolare per chi li fabbrica. Certo, al momento i FabLab sono troppo pochi: non c’è massa critica e quindi non c’è profitto. Ma – conclude – è del tutto probabile che la massa critica molto presto si creerà». E allora altro che utopia…

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende