Home » Progetti »Top Contributors » La rivoluzione solare del mondo arabo:

La rivoluzione solare del mondo arabo Top Contributors

maggio 6, 2010 Progetti, Top Contributors

arabia saudita, Courtesy of Mat56, Flickr.comE se la rivoluzione solare partisse dal mondo arabo? Sono molti i segnali che lasciano intuire come in Arabia Saudita e in altri stati del Golfo Persico vi sia una reale volontà di scommettere su questo tipo di energia rinnovabile. Non sono solo le opportunità economico-ambientali a rendere interessanti investimenti a medio-lungo termine, ma anche le particolari realtà politico-istituzionali di alcuni Paesi della regione.

L’Oman, ad esempio, potrebbe diventare un interessante laboratorio in questo specifico settore. La solidità della sua struttura statale, la tolleranza sociale e religiosa, la volontà di liberare lo sviluppo economico da un’eccessiva dipendenza da petrolio e dal gas costituiscono infatti una sorta di garanzia agli investimenti esteri. Vi sono poi ragioni più specificatamente tecniche a favorire gli investimenti in tutta la Regione. Per Sander Trestain, vice presidente tecnico di Enviromena Power Systems (società dedicata alle fonti alternative con sede ad Abu Dhabi) nel Golfo gli impianti solari possono fornire ogni anno il “doppio dell’elettricità rispetto a quelli installabili in un paese nuvoloso come la Germania.

Scenari dunque interessanti. Ecco perché il recente annuncio dell’Arabia Saudita di volere esportare, entro il 2020, elettricità da centrali solari non dovrebbe essere interpretato come una semplice boutade propagandistica. Certo, più verosimilmente si dovrà attendere un po’ più a lungo, ma questo fatto non esclude la possibilità che Riad apra un nuovo interessante fronte politico-energetico. Una data credibile? Forse il 2025, dead line entro la quale per molti analisti il costo del chilowattora da centrali solari a concentrazione dovrebbe raggiungere il pareggio con i combustibili fossili. Resta comunque l’incognita degli incentivi statali, che per il momento latitano. Una contraddizione spiegabile con il fatto che il Golfo è fortemente dipendente dalle entrate petrolifere. Si tratta così di traguardare tempi sufficientemente “certi” in termini di costi- benefici e interpretare scenari e linee di tendenza.

L’Arabia Saudita da qualche tempo ha approntato un piano energetico nazionale che – nel prospettare un forte incremento degli investimenti – prevede anche una diversificazione attraverso il ricorso alle rinnovabili. Saranno ottanta i miliardi di dollari stanziati per questo giro virtuoso. E in dieci anni la capacità installata dovrebbe salire a 60 GW (contro i circa 46 GW attuali). Non male se si pensa che nel 2003 il Paese era ancorato a 35 GW di potenza installata e 153.000 GWh di energia elettrica prodotta. Anche se devono essere risolti diversi problemi tecnici, l’insolazione abbondante per molte ore al giorno durante tutto l’anno potrebbe davvero consentire a ovviare alla principale difficoltà prospettata da chi ancora resta scettico sull’energia fornita dal sole.

In Arabia Saudita le joint venture energetiche fra istituzioni locali e gruppi occidentali (o giapponesi) sono ormai una realtà consolidata. Come quella fra IBM e la locale King Abdulaziz City for Science and Technology, che si sono impegnate a esplorare tutte le possibilità per costruire nella città di Al Khafji (nord est del Paese) un impianto a energia solare per la desalinizzazione e capace di fornire 30.000 metri cubi di acqua il giorno a più di 100.000 persone.

D’altra parte una maggiore efficienza e una “ristrutturazione” della politica energetica del Regno si sono imposte perché elevati quantitativi di petrolio vengono sottratti all’esportazione per soddisfare le necessità del sistema industriale. Senza contare che, più in generale, nel Golfo lo stimolo decisivo a maggiori investimenti in ricerca e sviluppo ha avuto un’accelerazione in seguito alla recente crisi economico-finanziaria. E, particolare non irrilevante, molti progetti sono stati pensati in un periodo in cui il petrolio oscillava a livelli molto inferiori rispetto a quelli attuali.

Così, dal Qatar all’Egitto, le “scommesse verdi” si moltiplicano. Se Doha pensa infatti a ospitare i mondiali di calcio del 2022 con stadi “alimentati” a energia solare e in grado di mantenere una temperatura costante di 27 gradi Celsius, il governo del Cairo intende realizzare con Masdar, società di Abu Dhabi, un impianto lungo la costa orientale del Mar  Rosso. Sempre in Qatar si è poi costituita la “strana alleanza” fra la Chevron Qatar Energy Technology (gruppo Chevron Corporation) e la Green Gulf Inc, società locale dedicata alle energie rinnovabili. Una joint venture volta alla sperimentazione di nuove tecnologie solari.  Il progetto congiunto dovrebbe raccogliere e valutare dati forniti da attrezzature dislocate su 35.000 metri quadri del Qatar Science & Technology Park (QSTP). In Oman l’Autorità per la regolazione dell’elettricità ha studiato invece la possibilità di realizzare progetti pilota grazie anche alla collaborazione della società danese di consulenza COWI, specializzata in engineering e scienze ambientali. Gli obiettivi sono di misurare le prestazioni dell’energia solare nel territorio del sultanato e fornire alle imprese locali le relative conoscenze tecnologiche. Come gran parte dell’Asia, anche il Medio Oriente sembra dunque destinato a un aumento significativo dei consumi elettrici, un aumento che però metterà a dura prova l’inadeguata rete di distribuzione attuale. In base alle stime di alcuni operatori del settore, una domanda crescente del 5% dovrebbe, infatti, comportare incrementi negli investimenti infrastrutturali di circa il 15%.

Bruno Pampaloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende