Home » Aziende »Pratiche »Progetti » La sostenibilità nel 2015: un racconto d’impresa firmato CSR Manager:

La sostenibilità nel 2015: un racconto d’impresa firmato CSR Manager

settembre 27, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Caterina TorciaObiettivo 2015. E’questa la data entro la quale comunicare le performance ambientali, sociali e di governance - oltre quelle finanziarie – dovrebbe diventare pratica comune di tutte le imprese. Altri cinque anni, al 2020, perché venga approvato e adottato lo standard internazionale del Report Integrato, lo strumento che consentirà di raccontare in maniera univoca, agli stakeholders, cosa fa e dove va l’impresa, nella massima trasparenza.  

La previsione è del CSR Manager Network, l’associazione italiana dei professionisti della responsabilità sociale e ambientale d’impresa, che ha riunito i propri iscritti giovedì 23 settembre, all’ALTIS, l’Alta Scuola Impresa e Società della Cattolica di Milano, per fare il punto della situazione insieme ai rappresentanti della “controparte finanziaria”: CNDCEC (il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili), AIAF (l’Associazione Italiana Analisti Finanziari) e AIIA (l’Associazione Italiana Internal Auditors).

Come sottolineato da Mervyn King, presidente del Global Reporting Initiative (GRI), nel suo intervento in videoconferenza, “ci sono voluti 100 anni per raggiungere una certa uniformità nella rendicontazione finanziaria, ma per ottenere uno schema di riferimento generalmente accettato sulla rendicontazione integrata dovremo agire in un arco temporale di 2-5 anni”. Un’accelerazione necessaria, in tempi di crisi, che ha portato, a luglio di quest’anno, alla creazione del Comitato Internazionale per la Rendicontazione Integrata, l’organo di coordinamento a cui anche CSR Manager Network intende allineare i propri sforzi.

Ne abbiamo parlato con Caterina Torcia, presidente del network e Head of CSR di Vodafone Italia.

D) Il 2015 è dietro l’angolo, è un traguardo ideale e ambizioso o verosimilmente raggiungibile?

R) Direi che è fattibile. Del resto anche le nuove linee guida ISO 26000 sulla responsabilità delle imprese in termini di sostenibilità verranno rese note già a fine novembre di quest’anno. Siamo ormai molto vicini a una cultura comune e a uno standard sulla responsabilità sociale e ambientale d’impresa. E’stata difficile la strada fino qui, ma ora gli strumenti ci sono, si tratta di integrare il tutto.

D) L’Italia spesso arriva in ritardo nell’adozione di strumenti innovativi per le imprese, in questo caso siamo tra i pionieri…

R) Con piacere posso dire, che come CSR Manager Network, siamo, da subito, protagonisti degli studi in corso, a livello internazionale, per la definizione degli standard e speriamo di esserlo anche nelle sperimentazioni che verranno fatte in Italia, come in altri paesi. E’significativo che i tavoli internazionali si sono costituiti tra luglio e agosto e noi siamo già qui a parlarne, con alcune imprese, al 23 di settembre. Poco fa siamo stati inoltre invitati da Ferpi a far parte del gruppo di lavoro sul reporting integrato dell’Oscar di Bilancio, dove, attraverso di noi, la voce delle imprese si farà sentire. Quando usciamo da queste riunioni, del resto, ciascuno di noi si fa portatore delle novità cercando di diffonderle all’interno della propria azienda.  

D) Quali sono, secondo lei, i punti in discussione più interessanti?

R) Attualmente si parla di report integrato per le grandi imprese quotate in borsa, noi dobbiamo invece capire se questi strumenti possono essere d’aiuto anche per le piccole e medie imprese, che sono, come noto, il cuore del sistema economico italiano, ma che solitamente sono le più spaventate dai costi e dalle incombenze legate alla sostenibilità. L’altro tema importante, su cui dibatteremo, è “volontarietà del report integrato versus obbligo di legge”. I paesi in cui questo discorso è più avanzato l’hanno, di fatto, adottato come obbligo di legge. Basti vedere il caso delle aziende quotate in Sud Africa (che dovranno adottare il King Report III, N.d.R.) o l’obbligatorietà di informazione circa alcuni indicatori ambientali, come avviene in quasi tutti i paesi anglosassoni o in Danimarca. Da qui la domanda: queste buone pratiche di sostenibilità si sviluppano per obbligo di legge o per volontà dell’impresa? Noi abbiamo finora spinto perché fossero buone pratiche volontarie, ma vista ormai la diffusione internazionale dei report di sostenibilità, i tempi sono forse maturi per ragionamenti diversi. Il terzo tema, a mio avviso particolarmente interessante, è “chi è responsabile di cosa?”. Quali figure professionali cioè, all’interno dell’azienda, dovranno farsi carico di redigere il report integrato. Ad oggi i CSR manager delle imprese sono inquadrati nelle direzioni comunicazione, affari pubblici e legali o risorse umane, quasi mai nella funzione finance. La vera integrazione dovrà avvenire, a livello di reporting, tra le strutture aziendali. Una collaborazione necessaria, ma chi la guiderà? Chi ne sarà il project manager?

D) Bel problema… Oggi le politiche di corporate social responsibility nelle aziende italiane sono affidate a manager con qualifiche molto diverse tra loro. Mi sa dire quanti sono, ad oggi, quelli con job title di CSR Manager?

R) Premesso che questo numero è destinato ad aumentare – anche grazie al marketing associativo che andremo a fare – noi oggi siamo in tutto circa 90 associati: alcuni sono analisti finanziari, ma il 70% ha propriamente un titolo che fa riferimento esplicito alla CSR.       

D) Qual è la provenienza principale, in termini di formazione, di chi si occupa di CSR in azienda?

R) La maggior parte dei nostri iscritti ha una formazione economica, anche se poi ha ricoperto ruoli nella comunicazione o a altre aree funzionali. Personalmente, io arrivo da Lettere e mi sento piuttosto avanguardista, direi “futurista”: numeri in libertà e parole in libertà se vogliamo sintetizzare, in una battuta, il nuovo linguaggio del racconto d’impresa.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende