Home » Eventi »Progetti » Le città “intelligenti” riunite a Torino per fare squadra:

Le città “intelligenti” riunite a Torino per fare squadra

febbraio 27, 2012 Eventi, Progetti

Si è tenuto il 23 febbraio a Torino, presso il Centro Congressi della Camera di Commercio, il convegno nazionale “Le Smart Cities dell’ANCI – Un progetto paese per le città ad alto potenziale di innovazione”, organizzato dall’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia, con l’obiettivo di fare il punto sui progetti Smart City, per lo sviluppo intelligente e sostenibile delle città europee, e confrontarsi sulle azioni da intraprendere, nell’immediato, per preparare il Paese a cogliere meglio le prossime opportunità di finanziamento derivanti dai Fondi Europei dedicati a questo settore. Ben 14 miliardi da spendere entro il 2020.

L’occasione è stata utile anche per fotografare, grazie ai progetti pilota già avviati nei diversi Comuni italiani, il livello di cooperazione tra pubblico e privato l’offerta di soluzioni tecnologiche disponibili sul mercato, tarate dalle aziende di elettronica, informatica e telecomunicazioni, sulle nuove esigenze smart. Multinazionali come IBM Siemens, ma anche aziende nazionali (che esportano all’estero) come UMPI; grandi fornitori di energia e di servizi, come ENEL e Telecom Italia, ma anche centri di eccellenza nella ricerca come ENEA. Le dimensioni aziendali non contano, le uniche parole d’ordine sono innovazione e sostenibilità.

Per questo il convegno è stato un raro esempio (per l’Italia) di perfetta cooperazione e sinergia tra Sindaci, Assessori di Comuni di medie e piccole dimensioni, rappresentanti di Confindustria, istituti di ricerca (ad intervenire anche il neo Presidente del CNR Luigi Nicolais) e Ministeri – come quello dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, rappresentato in sala dal ministro Francesco Profumo in persona.

Il messaggio chiave, da cui parte la relazione inaugurale del Sindaco di Piacenza Roberto Reggi, è che la strategia 20-20-20 dell’Unione Europea vede le città come fulcro per il raggiungimento dei propri obiettivi, in vista di uno sviluppo sostenibile di tutto il pianeta. Sono le città, del resto, che usano il 75% delle risorse energetiche e producono il 75% dei rifiuti e che hanno dunque  i maggiori obblighi, a nome della collettività, nell’applicazione delle direttive UE sull’inquinamento dell’aria e dell’acqua, sul rumore e la sicurezza. Problemi simili, che possono quindi vedere soluzioni comuni – pur adattate alle specificità locali – per ottimizzare i costi e il know how grazie alla volontà di “fare squadra”.

Ma il processo non sarà più quello dei vecchi modelli “dall’alto al basso”. I privati, in questa difficile congiuntura, sono gli unici in grado di mettere sul piatto risorse e attivare progetti di investimento, anche in assenza di contributi pubblici. Quelle delle smart cities saranno dunque politiche “dal basso”, che vedranno partecipazione e coinvolgimento a vari livelli, dalle imprese ai gruppi di cittadini, fino agli abitanti di un quartiere.  Anche perché saranno politiche in grado di incidere direttamente e rapidamente sulla vita dei cittadini.

Il percorso, però, facile a raccontarsi ma difficile da attuare, è lungo e tortuoso e all’ente pubblico spetta il compito, innanzitutto, di dotare le città di una pianificazione strategica, basata sulle vocazioni delle diverse aree, da valorizzare anche attraverso l’uso delle reti tecnologiche e dei Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile (i cosiddetti PAES), come delineato dalle Carte Europee di Lipsia e Toledo e stabilito dal Patto dei Sindaci.

Occorre dunque avviare progetti pilota, per sperimentare soluzioni innovative e poi passare alle realizzazioni su larga scala, consolidando le forme partecipative tra le pubbliche amministrazioni, i gestori delle reti, i vendors dei servizi, le università e il mondo della ricerca. Bisogna ripensare il modello stesso di città, come ha sottolineato il Sindaco di Torino Piero Fassino, avendo ben presente che il futuro risiede nella complessità e nelle vocazioni multiple e non più nel vecchio modello univocazionale, che ha contraddistinto, in passato, le “città dell’auto”, del mobile, e di ogni altro settore produttivo. E’ necessario essere sempre “in presa diretta con i cittadini”, con le forze produttive e gli ambienti culturali, adottare modelli di comunicazione semplice e partecipativa. Basta alla gestione tecnocratica.

Questo, ricorda il Presidente CNR Nicolais, significa anche mettere in comune i dati e le esperienze più virtuose – lasciando da parte gelosie e ansie agonistiche molto provinciali – per cogliere appieno le aree di intervento prioritario dai reali bisogni degli utilizzatori (cittadini e imprese) e utilizzare la ricerca tecnologica come indispensabile strumento, ma non come fine. In sintesi, occorre “lavorare di più insieme” e condividere le conoscenze derivanti dai progetti di ricerca. Il CNR si dice disponibile a fare la sua parte e, a breve, sarà siglato un protocollo d’intesa tra il Centro di Ricerche Nazionale e l’ANCI.

Ma con quali risorse (oltre quelle private, non infinite) si potranno mandare avanti tutti questi buoni propositi? L’unica soluzione sembra quella di rivedere urgentemente il Patto di Stabilità dei Comuni, che non distingue tra spesa corrente e investimenti e fissa obiettivi sfidanti ma irraggiungibili, inibendo lo sviluppo dei progetti Smart City. E’ l’opinione su cui convergono sia Fassino che il Sindaco di Pavia Alessandro Cattaneo, il presidente ANCI Graziano Delrio e tutti i Sindaci presenti. Non basterà dunque attingere ai finanziamenti dei bandi europei, ma bisognerà anche sbloccare risorse locali accantonate dai più virtuosi, se si vuole fare di Smart City un vero volano di crescita per l’intero paese.

Anche lo Stato, che oggi gode – grazie al Patto di Stabilità – dei risparmi di questi Comuni virtuosi, dovrà però fare la sua parte. Ed è il Ministro Profumo ad anticipare, nella sua relazione conclusiva, che il Governo metterà sul piatto, nei prossimi mesi, un miliardo di euro, per cofinanziare progetti Smart City. Un contributo che permetterà alle amministrazioni locali di costruire alleanze e prepararsi a raccogliere gli ulteriori finanziamenti previsti dall’Unione Europea: 90 miliardi tra il programma Horizon 2020 e i Fondi per la Coesione, che punteranno, nel nuovo ciclo che si aprirà dal 2014, a obiettivi di Social Innovation: ogni euro investito nella ricerca tecnologica dovrà moltiplicarsi all’ennesima potenza in risultati per lo sviluppo sociale.

Valentina Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende