Home » Internazionali »Politiche »Progetti » LUPIS: sostenibilità per i Paesi in via di sviluppo:

LUPIS: sostenibilità per i Paesi in via di sviluppo

Paesi in via di sviluppoNei Paesi in via di sviluppo i livelli di povertà crescono e la sicurezza alimentare va deteriorandosi. La riduzione della povertà è essenziale per lo sviluppo economico, per la salvaguardia dell’ambiente e per la stabilità politica. Di conseguenza, è urgente valorizzare uno sviluppo sostenibile nei Paesi in via di sviluppo.

Questo è stato uno dei concetti chiave della 26th edizione del Forum dei Ministri dell’Ambiente organizzato dall’Unep (United Nations Environment Programme) e tenutosi in Kenya dal 21 al 24 febbraio.

E’ anche l’assunto di partenza del progetto Lupis, supportato dall’Unione Europea sotto il Sesto Programma Strutturale. Si tratta di una ricerca che coinvolge attori provenienti da diversi settori, economico, sociale ed ambientale, tutti con l’obiettivo di elaborare un modello, una metodologia al fine di stimare l’impatto delle politiche di utilizzo delle terre vergini nei Paesi in via di sviluppo ed indirizzare le istituzioni di tali Paesi verso l’attuazione di uno sviluppo sostenibile.

La conversione delle terre vergini in terreni coltivabili è uno degli aspetti più importanti per la crescita economica dei Pesi in via di sviluppo, poiché il settore trainante della loro economia è l’agricoltura. Le pratiche di conversione delle terre però nella maggior parte dei casi hanno condotto e continuano a provocare la deforestazione e la perdita della biodiversità. Gli schemi esistenti seguiti dai rispettivi governi mostrano perciò una certa riluttanza nei confronti dello sviluppo sostenibile e dei benefici che questo potrebbe portare non solo in campo ambientale, ma anche nel settore socio-economico. Il problema, come spesso accade, è la mancanza di informazione o la diffusione di informazioni errate.

Su queste premesse nasce dunque Lupis, la cui prima missione è appunto cercare di sopperire alla mancanza di informazioni corrette facendo diventare una priorità, per i governi dei Pesi in via di sviluppo, le riforme riguardanti l’utilizzo della terra - indispensabili per ridurre la vulnerabilità alimentare, alleviare la povertà e conservare le foreste.

Il modello sviluppato nell’ambito del progetto Lupis integra discipline biofisiche ed economiche a servizio dello sviluppo sostenibile con l’obiettivo concreto di valutare l’impatto delle politiche di utilizzo delle terre prima che siano implementate (ex-ante), il che comporta la riduzione dei rischi ambientali e il risparmio di risorse economiche.

Il metodo Lupis è caratterizzato da tre fasi fondamentali:

- l’analisi della situazione esistente e l’individuazione, appunto, del problema. Per renderlo effettivo in tutta la sua efficacia, sono stati individuati sette casi studio, in sette Paesi in via di sviluppo, con sette problemi legati alla conversione delle terre: inquinamento delle acque in Cina, la crisi agraria e il dramma dei suicidi degli agricoltori in India, il degrado dei terreni coltivabili in Indonesia e in Tunisia, l’impatto delle politiche di estensione in Mali, la suddivisione delle terre in Kenya e gli effetti della costruzione delle grandi strade nella foresta Amazzonica in Brasile;

-   la valutazione dell’impatto della politica di utilizzo delle terre su specifici indicatori. Sono state individuate nove funzioni e servizi pubblici e privati che possono derivare della conversione dei terreni vergini (Land Use Function, LUF): ad esempio in campo economico, un servizio potrebbe essere la nascita di nuove industrie, nel settore sociale si parla invece di sicurezza alimentare e per il settore ambientale, un importante funzione è il processo eco-sistemico. A sua volta per ogni LUF è stato poi individuato un indicatore (ad esempio la produzione di riso può essere utilizzato come indicatore per la povertà di cibo;

-  la valutazione delle politiche di utilizzo delle terre in una prospettiva di sviluppo sostenibile.

Nell’intero processo l’interazione delle parti coinvolte – economica, sociale ed ambientale - è cruciale. Ma il tassello fondamentale è quello istituzionale. Per questo, una volta stabilito il modello da seguire per uno sviluppo sostenibile, il timone passa nella mani dei rispettivi governi e della loro volontà e capacità di implementare politiche adeguate. Da questo punto di vista, “l’abilità” delle istituzioni governative dipenderà da specifici strumenti, come la propria capacità di “comando e controllo” a livello legislativo, da mezzi economici quali le tasse e i sussidi agli agricoltori e dal livello di corretta informazione ed istruzione che sapranno erogare.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende