Home » Idee »Progetti » Malaria: non è ancora sconfitta, ma la ricerca continua:

Malaria: non è ancora sconfitta, ma la ricerca continua

maggio 8, 2014 Idee, Progetti

La malaria, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, continua ad uccidere oltre mezzo milione di persone l’anno. La storia intrecciata millenaria tra l’evoluzione del  P. falciparum e quella dell’uomo rivela come l’uomo e i parassiti della malaria abbiano una relazione basata su dinamiche genetiche; a turno, ognuno sviluppa mutazioni per avere la meglio sull’altro. Olivo Miotto è il bioinformatico dell’università di Oxford a capo della ricerca pubblicata l’anno scorso su Nature Genetics che ha identificato in Cambogia nuovi ceppi di parassiti della malaria resistenti all’artemisinina, il farmaco al momento più valido e diffuso nella lotta a questo patogeno letale. Miotto ha inoltre contribuito a un altro studio scientifico sulla mutazione nel gene kelch, rivelandone la responsabilità nella resistenza al farmaco. Questi studi scientifici hanno dimostrato che le continue mutazioni genetiche dei parassiti sono il motivo per cui la malaria rimane nella top ten delle minacce principali alla salute della popolazione mondiale e continua a rappresentare un dilemma per la comunità scientifica internazionale.

D) L’essere umano ha lottato contro la malaria per secoli e un rimedio definitivo non e’ ancora stato trovato. Cosa rende questa malattia così difficile da debellare?

R) L’obiettivo degli interventi di salute pubblica è sempre stato quello di eliminare i parassiti della malaria usando farmaci diversi che agiscono su fronti diversi. L’artemisinina funziona ancora, ma in alcuni casi i parassiti ci mettono di più a morire quando vengono esposti al farmaco. L’effetto ritardato della cura lascia dei superstiti, i quali sono parassiti resistenti che, riproducendosi, diffondono questa resistenza. L’artemisinina viene quindi attualmente somministrata insieme a un altro farmaco che ha la funzione di eliminare i superstiti, ma si teme che questa combinazione di farmaci non funzioni nello stesso modo se somministrata per un periodo di cura più lungo e che, invece di debellare il parassita, possa favorire lo sviluppo della resistenza.

D) Cosa spiega la diffusione di questa mutazione proprio in Cambogia?

R) Le popolazioni di parassiti che presentano questa mutazione prolificano in zone della Cambogia dove, per via di eventi storici e politiche di salute pubblica, l’artemisinina è stata introdotta prima che in altre regioni e quindi i parassiti sono stati esposti più a lungo al farmaco che altrove. Paradossalmente, la diffusione della resistenza al farmaco è probabilmente dovuta al fatto che in Cambogia ci sia minore incidenza della malaria e che quindi le popolazioni di parassiti siano più piccole e presentino minore variazione genetica. La Cambogia occidentale è un ambiente particolarmente vulnerabile alla diffusione della resistenza all’artemisinina; le popolazioni di parassiti P. falciparum non sono numerose e presentano endogamia diffusa, sono fortemente esposte alla pressione del farmaco e non sono ancora state debellate. In Africa, invece, le popolazioni più numerose, i contagi sono più frequenti e il tasso di mortalità è decisamente più alto; ci si ammala di malaria più spesso, ma le popolazioni di parassiti sono più diversificate. I decessi causati dalla malaria in Africa sono in parte dovuti alla mancanza di risorse, di infrastrutture e di informazione, piuttosto che all’inefficacia degli antimalarici.

D) Qual è l’impatto della globalizzazione sulla diffusione della malaria?

R) E’ difficile quantificare. Una delle conseguenze della globalizzazione è che i parassiti possono potenzialmente muoversi molto più rapidamente per via degli spostamenti maggiori e sempre più rapidi degli esseri umani. Tuttavia, perchè avvenga l’infezione i parassiti della malaria devono adattarsi alle specie di zanzare locali e a una serie di altri fattori relativi al portatore, per cui non si sa se il rapido movimento di un basso numero di individui possa essere un fattore determinante sull’epidemiologia dei parassiti. Attualmente grazie all’analisi del DNA siamo in grado di distinguere chiaramente se un parassita proviene dalla Thailandia o dalla Cambogia, per esempio. Siamo agli albori di studi genetici approfonditi sui pattern migratori dei parassiti e c’è ancora molto da scoprire.

D) Esiste la possibilità che la resistenza all’artemisinina sia già sviluppata o si possa sviluppare in altre regioni?

R) Finora le mutazioni in questo gene sono state riscontrate solo in parassiti che sono stati esposti all’artemisinina. Le mutazioni relative alla resistenza al farmaco per ora non avvengono naturalmente. Questo potrebbe significare che ciò che permette a questi parassiti di sopravvivere si riveli un handicap una volta eliminata la pressione farmacologica. E’ anche possibile che queste mutazioni si verifichino solo in condizioni ambientali specifiche o in parassiti che presentano un particolare profilo genetico. Se questo fosse vero, la resistenza all’artemisinina non si dovrebbe diffondere rapidamente in zone dove le popolazioni di parassiti sono più numerose e più diversificate, ma ovviamente preferiamo non verificare questa teoria. Le ricerche sono attualmente limitate ad alcune zone geografiche, ma sicuramente maggiori risorse ed apertura a ricerche che ci aiutino ad approfondire le nostre conoscenze sulla diversitàgenetica del Plasmodium in altre regioni colpite dalla malattia porterebbero alla luce risultati importanti per la comunità scientifica internazionale e potrebbero salvare molte vite.

Marcella Segre

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende