Home » Idee »Progetti » Malaria: non è ancora sconfitta, ma la ricerca continua:

Malaria: non è ancora sconfitta, ma la ricerca continua

maggio 8, 2014 Idee, Progetti

La malaria, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, continua ad uccidere oltre mezzo milione di persone l’anno. La storia intrecciata millenaria tra l’evoluzione del  P. falciparum e quella dell’uomo rivela come l’uomo e i parassiti della malaria abbiano una relazione basata su dinamiche genetiche; a turno, ognuno sviluppa mutazioni per avere la meglio sull’altro. Olivo Miotto è il bioinformatico dell’università di Oxford a capo della ricerca pubblicata l’anno scorso su Nature Genetics che ha identificato in Cambogia nuovi ceppi di parassiti della malaria resistenti all’artemisinina, il farmaco al momento più valido e diffuso nella lotta a questo patogeno letale. Miotto ha inoltre contribuito a un altro studio scientifico sulla mutazione nel gene kelch, rivelandone la responsabilità nella resistenza al farmaco. Questi studi scientifici hanno dimostrato che le continue mutazioni genetiche dei parassiti sono il motivo per cui la malaria rimane nella top ten delle minacce principali alla salute della popolazione mondiale e continua a rappresentare un dilemma per la comunità scientifica internazionale.

D) L’essere umano ha lottato contro la malaria per secoli e un rimedio definitivo non e’ ancora stato trovato. Cosa rende questa malattia così difficile da debellare?

R) L’obiettivo degli interventi di salute pubblica è sempre stato quello di eliminare i parassiti della malaria usando farmaci diversi che agiscono su fronti diversi. L’artemisinina funziona ancora, ma in alcuni casi i parassiti ci mettono di più a morire quando vengono esposti al farmaco. L’effetto ritardato della cura lascia dei superstiti, i quali sono parassiti resistenti che, riproducendosi, diffondono questa resistenza. L’artemisinina viene quindi attualmente somministrata insieme a un altro farmaco che ha la funzione di eliminare i superstiti, ma si teme che questa combinazione di farmaci non funzioni nello stesso modo se somministrata per un periodo di cura più lungo e che, invece di debellare il parassita, possa favorire lo sviluppo della resistenza.

D) Cosa spiega la diffusione di questa mutazione proprio in Cambogia?

R) Le popolazioni di parassiti che presentano questa mutazione prolificano in zone della Cambogia dove, per via di eventi storici e politiche di salute pubblica, l’artemisinina è stata introdotta prima che in altre regioni e quindi i parassiti sono stati esposti più a lungo al farmaco che altrove. Paradossalmente, la diffusione della resistenza al farmaco è probabilmente dovuta al fatto che in Cambogia ci sia minore incidenza della malaria e che quindi le popolazioni di parassiti siano più piccole e presentino minore variazione genetica. La Cambogia occidentale è un ambiente particolarmente vulnerabile alla diffusione della resistenza all’artemisinina; le popolazioni di parassiti P. falciparum non sono numerose e presentano endogamia diffusa, sono fortemente esposte alla pressione del farmaco e non sono ancora state debellate. In Africa, invece, le popolazioni più numerose, i contagi sono più frequenti e il tasso di mortalità è decisamente più alto; ci si ammala di malaria più spesso, ma le popolazioni di parassiti sono più diversificate. I decessi causati dalla malaria in Africa sono in parte dovuti alla mancanza di risorse, di infrastrutture e di informazione, piuttosto che all’inefficacia degli antimalarici.

D) Qual è l’impatto della globalizzazione sulla diffusione della malaria?

R) E’ difficile quantificare. Una delle conseguenze della globalizzazione è che i parassiti possono potenzialmente muoversi molto più rapidamente per via degli spostamenti maggiori e sempre più rapidi degli esseri umani. Tuttavia, perchè avvenga l’infezione i parassiti della malaria devono adattarsi alle specie di zanzare locali e a una serie di altri fattori relativi al portatore, per cui non si sa se il rapido movimento di un basso numero di individui possa essere un fattore determinante sull’epidemiologia dei parassiti. Attualmente grazie all’analisi del DNA siamo in grado di distinguere chiaramente se un parassita proviene dalla Thailandia o dalla Cambogia, per esempio. Siamo agli albori di studi genetici approfonditi sui pattern migratori dei parassiti e c’è ancora molto da scoprire.

D) Esiste la possibilità che la resistenza all’artemisinina sia già sviluppata o si possa sviluppare in altre regioni?

R) Finora le mutazioni in questo gene sono state riscontrate solo in parassiti che sono stati esposti all’artemisinina. Le mutazioni relative alla resistenza al farmaco per ora non avvengono naturalmente. Questo potrebbe significare che ciò che permette a questi parassiti di sopravvivere si riveli un handicap una volta eliminata la pressione farmacologica. E’ anche possibile che queste mutazioni si verifichino solo in condizioni ambientali specifiche o in parassiti che presentano un particolare profilo genetico. Se questo fosse vero, la resistenza all’artemisinina non si dovrebbe diffondere rapidamente in zone dove le popolazioni di parassiti sono più numerose e più diversificate, ma ovviamente preferiamo non verificare questa teoria. Le ricerche sono attualmente limitate ad alcune zone geografiche, ma sicuramente maggiori risorse ed apertura a ricerche che ci aiutino ad approfondire le nostre conoscenze sulla diversitàgenetica del Plasmodium in altre regioni colpite dalla malattia porterebbero alla luce risultati importanti per la comunità scientifica internazionale e potrebbero salvare molte vite.

Marcella Segre

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende