Home » Idee »Progetti » “Mandala”, l’arte selvaggia di Gilles Clément al Parco d’Arte Vivente:

“Mandala”, l’arte selvaggia di Gilles Clément al Parco d’Arte Vivente

maggio 28, 2010 Idee, Progetti

Mandala, Courtesy of parcoartevivente.itSi definisce paesaggista, ma soprattutto giardiniere. Gilles Clément (Parigi, 1943), docente all’École Nationale du Paysage di Versailles, è l’architetto del verde di scrigni naturali come i giardini de La Défense a Parigi, il parco sulla Senna André Citroën (nei terreni che appartenevano all’omonima fabbrica automobilistica) e quello Matisse a Lille.

E’ ospite in questi giorni a Torino per presentare la sua nuova composizione selvaggia: un impianto vegetale fatto di sedum e graminacee, realizzato appositamente per il PAV (Parco di Arte Vivente) di via Giordano Bruno 31. Si chiama Mandala. E’ ispirato nella forma al diagramma circolare buddhista e induista, costituito dall’incastro di più figure geometriche (il punto, il triangolo, il cerchio e il quadrato). Un disegno che, per le religioni orientali, riveste un significato spirituale.

Ma per Clement il Mandala è solo un “supporto alla meditazione”: è l’occasione naturalistica per riflettere sul mondo e sul suo corso. Per provare a cambiarlo, a partire dalla “conoscenza delle piante”, facendo una “didattica della natura”.

L’opera, visibitabile al PAV, è stata progettata in inverno e piantata ora, in primavera. Questa creazione di 500mq, che fa da tetto pensile al centro d’arte, prenderà pieno corpo in tutto il suo anarchico rigoglio tra due anni. Ricoprirà in modo permanente la sommità della collina che già contiene “Bioma”, il percorso interattivo tra tecnologia e vegetazione di Piero Gilardi.

E’ il primo esempio italiano di “Paesaggio Planetario”. Una missione che l’architetto francese sta portando avanti per migliorarare l’adattamento dell’uomo all’ambiente, lavorando sul concetto di “diversità”. Quella stessa che convive negli spazi verdi abbandonati, dove l’uomo non mette mano, come i cigli delle strade, le aiuole incolte, i campi verdi di periferia ecc. Fazzoletti di natura, insignificanti polmoni di ossigeno per noi, che sono in verità una giungla spontanea capace di far convivere fauna e flora molto differenti. Clément li chiama “Terzi paesaggi”.

D) La diversità biologica è una delle questioni nodali della nostra epoca. Pensiamo al fenomeno del razzismo. Come è le è nata l’idea del Terzo Paesaggio?

R) Riflettendo su un mondo che rifiuta di accogliere il “diverso”. Mentre il pianeta va sempre più in una direzione di “mescolanza”. Ibridazione tra genti, come è per le piante. E allora, perché avere paura di questo? Perché scacciarlo? Mi sono chiesto: è possibile sfruttare la diversità senza distruggerla? I miei giardini planetari, così come il Terzo Paesaggio, fanno questo. Sono luoghi di resistenza. Politica, diciamolo pure. In cui le mescolanze, “verdi” e non umane, nel caso dei miei giardini, sono naturali e seguono un proprio ritmo. Le energie esistenti in natura collaborano tra loro senza bisogno del controllo dell’uomo. Il giardino cresce selvaggio ed è un tutto, ma se ci entri dentro scopri biovarietà impensate.

D) Ad ogni giardino un giardiniere. Qui però sembra non ce ne sia bisogno. Fuor di metafora, gli spazi verdi selvaggi possono esistere accanto all’uomo o piuttosto, dove c’è lui, la natura deve comunque e sempre piegarsi?

R) No, assolutamente. Il mio obiettivo è proprio quello di convincere i sindaci di tutti i comuni del mondo a realizzare un “Tier Paysage” nella loro municipalità. L’uomo ha bisogno degli spazi ove la natura è selvaggia. E’ un concetto naturalistico, ma anche architettonico. Un conto sono i terreni abbandonati, ambiente ideale per gli squat degli uomini, ma anche delle piante. Quelli capisco che sia un po’ difficile reintegrarli in città. Un conto è invece il giardino che ho progettato a Lille, l’Henri Matisse: su un’alta struttura di cemento cresce una selva in cui l’uomo non può entrare, con animali, uccelli e insetti che edificano il loro ecosistema, attorniati da un centro urbano.

D) Ammesso che sindaci e amministratori si convincano, il che pare quasi un’utopia, dove dovrebbero essere collocati i “Terzi paesaggi” nelle nostre città?

R) Negli ambienti più ricchi di biodiversità. Le rive di un fiume, i parchi. L’importante è che l’uomo non vi acceda. Non deve sovrapporre la sua mano alla mano già sufficientemente autoconservatrice e creatrice della natura. In una città c’è spazio per tutto, terreni verdi disciplinati e sofisticati, controllati da giardinieri e agronomi, e altri dove non c’è niente se non natura: la coccinella che mangia le cimici e i pidocchi, gli insetti pollinizzatori che fertilizzano le piante e aiutano a ripopolare di flora.

D) Parliamo del Mandala. Che caratteristiche ha questo esclusivo giardino torinese, prima sua opera in Italia?

R) E’ una sfida. Gli architetti qui sono un po’ preoccupati infatti. Voglio far crescere le 5 graminacee (Stipa Gigantea, Stipa Tenuissima, Euphorbia Myrsinites, Euphorbia Characias e Sedum in varietà) e i fiori (Crocosmia Babylon, Crocosmia Solfatare, Cotula Hispida e Allium Sphaerocephalon) senza acqua, nella pozzolana granilla, materiale naturale di origine vulcanico che garantisce una buona impermeabilità.

D) Quanto prevede che resisterà questo giardino?

R) Per sempre. O meglio, i giardini si sa quando cominciano non quando finiscono e dove vanno. Sono convinto che anche alle condizioni peggiori, dove non c’è possibilità d’irrigazione, si possono trovare piante capaci di vivere. La natura non ha bisogno che di se stessa. Vive in maniera frugale.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende